Ogni anno un numero crescente di malattie del sistema nervoso, accompagnate da demielinizzazione. Questo processo pericoloso e per lo più irreversibile riguarda la sostanza bianca del cervello e del midollo spinale, porta a disturbi neurologici persistenti e le forme individuali non lasciano al paziente la possibilità di vivere.

Le malattie demielinizzanti sono sempre più diagnosticate nei bambini e relativamente giovani tra i 40 ei 45 anni, c'è una tendenza a un corso atipico di patologia, la sua diffusione in quelle aree geografiche in cui l'incidenza era molto bassa.

Il problema della diagnostica e del trattamento delle malattie demielinizzanti è ancora difficile e scarsamente studiato, ma la ricerca nel campo della genetica molecolare, della biologia e dell'immunologia, condotta attivamente dalla fine del secolo scorso, ci ha permesso di fare un passo avanti in questa direzione.

Grazie agli sforzi degli scienziati, mettono in luce i meccanismi di base della demielinizzazione e delle sue cause, sviluppano schemi per il trattamento di singole malattie e l'utilizzo della risonanza magnetica come principale metodo diagnostico consente di determinare il processo patologico che è già iniziato nelle prime fasi.

Cause e meccanismi della demielinizzazione

Lo sviluppo del processo demielinizzante si basa sull'autoimmunizzazione, quando specifiche proteine ​​- anticorpi si formano nel corpo, attaccando i componenti delle cellule del tessuto nervoso. Lo sviluppo in risposta a questa reazione infiammatoria porta a danni irreversibili ai processi dei neuroni, alla distruzione della loro guaina mielinica e alla ridotta trasmissione degli impulsi nervosi.

Fattori di rischio per la demielinizzazione:

  • Predisposizione ereditaria (associata ai geni del sesto cromosoma, nonché mutazioni dei geni delle citochine, immunoglobuline, proteina della mielina);
  • Infezione virale (herpes, citomegalovirus, Epstein-Barr, rosolia);
  • Foci croniche di infezione batterica, trasporto di H. pylori;
  • Avvelenamento da metalli pesanti, vapori di benzina, solventi;
  • Stress forte e prolungato;
  • Caratteristiche della dieta con una predominanza di proteine ​​e grassi di origine animale;
  • Condizioni ambientali sfavorevoli

È stato osservato che le lesioni demielinizzanti hanno una certa dipendenza geografica. Il maggior numero di casi è registrato nella parte centrale e settentrionale degli Stati Uniti, in Europa, un tasso di incidenza piuttosto elevato in Siberia, nella Russia centrale. Al contrario, tra le persone nei paesi africani, in Australia, in Giappone e in Cina, le malattie demielinizzanti sono molto rare. Anche la razza gioca un ruolo preciso: i caucasici prevalgono tra i pazienti demielinizzanti.

Il processo autoimmune può iniziare in condizioni sfavorevoli, quindi l'ereditarietà gioca un ruolo primario. Il trasporto di determinati geni o mutazioni in essi porta ad una produzione inadeguata di anticorpi che penetrano nella barriera emato-encefalica e causano infiammazione con la distruzione della mielina.

Un altro importante meccanismo patogenetico è la demielinizzazione contro le infezioni. Il percorso dell'infiammazione è un po 'diverso. La normale reazione alla presenza di infezione è la formazione di anticorpi contro i componenti proteici dei microrganismi, ma accade che le proteine ​​di batteri e virus siano così simili a quelle nei tessuti del paziente che il corpo inizi a "confondere" i suoi e altri, attaccando entrambi i microbi e le loro stesse cellule.

I processi autoimmuni infiammatori nelle prime fasi della malattia portano a disturbi della conduzione dell'impulso reversibile, e il recupero parziale della mielina consente ai neuroni di svolgere funzioni almeno parzialmente. Nel corso del tempo, la distruzione delle membrane dei nervi progredisce, i processi dei neuroni "diventano nudi" e semplicemente non c'è nulla che trasmetta segnali. In questa fase appare un deficit neurologico persistente e irreversibile.

Sulla strada della diagnosi

La sintomatologia della demielinizzazione è estremamente varia e dipende dalla posizione della lesione, dal decorso di una particolare malattia, dalla velocità di progressione dei sintomi. Il paziente di solito sviluppa disturbi neurologici, che sono spesso di natura transitoria. I primi sintomi possono essere disturbi visivi.

Quando il paziente sente che qualcosa non va, ma non riesce più a giustificare i cambiamenti con fatica o stress, va da un dottore. È estremamente problematico sospettare un determinato tipo di processo di demielinizzazione solo sulla base della clinica, e lo specialista non ha sempre una chiara fiducia nella demielinizzazione, quindi non sono necessarie ulteriori ricerche.

esempio di focolai di demielinizzazione nella sclerosi multipla

Il modo principale e molto informativo per diagnosticare un processo demielinizzante è tradizionalmente considerato come la risonanza magnetica. Questo metodo è innocuo, può essere usato per pazienti di diverse età, donne in gravidanza e controindicazioni: peso eccessivo, paura di spazi ristretti, presenza di strutture metalliche che reagiscono a un forte campo magnetico, malattie mentali.

Foci iperintensi rotondi o ovali di demielinizzazione alla risonanza magnetica si trovano principalmente nella sostanza bianca sotto lo strato corticale, attorno ai ventricoli del cervello (periventricolare), diffusamente diffusi, hanno dimensioni diverse - da pochi millimetri a 2-3 cm. questo più "giovane" campo della demielinizzazione accumula un agente di contrasto migliore di quelli esistenti da lungo tempo.

Il compito principale di un neurologo nel rilevare la demielinizzazione è determinare la forma specifica della patologia e selezionare il trattamento appropriato. La previsione è ambigua. Ad esempio, è possibile vivere una dozzina o più anni con la sclerosi multipla, e con altre varietà l'aspettativa di vita può essere di un anno o meno.

Sclerosi multipla

La sclerosi multipla (SM) è la forma più comune di demielinizzazione, che colpisce circa 2 milioni di persone sulla Terra. Tra i pazienti predominano le persone giovani e di mezza età, 20-40 anni, le donne sono più spesso malate. Nel linguaggio colloquiale, le persone lontane dalla medicina usano spesso il termine "sclerosi" in relazione ai cambiamenti legati all'età associati a processi di memoria e pensiero compromessi. La SM con questa "sclerosi" non ha niente a che fare.

La malattia si basa sull'autoimmunizzazione e sul danneggiamento delle fibre nervose, sulla rottura della mielina e sulla successiva sostituzione di questi focolai con tessuto connettivo (quindi "sclerosi"). Caratterizzato dalla natura diffusa dei cambiamenti, cioè, demielinizzazione e sclerosi si trovano in varie parti del sistema nervoso, non mostrando un modello chiaro nella sua distribuzione.

Le cause della malattia non sono state risolte fino alla fine. Si presume l'effetto complesso di ereditarietà, condizioni esterne, infezione da batteri e virus. Si noti che la frequenza PC è più alta dove c'è meno luce solare, cioè più lontano dall'equatore.

Di solito, diverse parti del sistema nervoso sono colpite contemporaneamente e il coinvolgimento sia del cervello che del midollo spinale è possibile. Una caratteristica distintiva è la rilevazione sulla risonanza magnetica di placche di varie prescrizioni: da molto fresco a sclerosato. Questo indica una natura cronica e persistente dell'infiammazione e spiega una varietà di sintomi con un cambiamento dei sintomi man mano che la demielinizzazione progredisce.

I sintomi della SM sono molto diversi, dal momento che la lesione colpisce diverse parti del sistema nervoso allo stesso tempo. Ci sono i seguenti:

  • Paresi e paralisi, aumento dei riflessi tendinei, contrazioni convulsive di alcuni gruppi muscolari;
  • Disturbo dell'equilibrio e buone capacità motorie;
  • Indebolimento dei muscoli del viso, cambiamenti nella parola, deglutizione, ptosi;
  • Patologia della sensibilità, sia superficiale che profonda;
  • Da parte degli organi pelvici - il ritardo o l'incontinenza, costipazione, impotenza;
  • Con il coinvolgimento dei nervi ottici - ridotta acuità visiva, restringimento dei campi, percezione alterata di colore, contrasto e luminosità.

I sintomi descritti sono combinati con cambiamenti nella sfera mentale. I pazienti sono depressi, lo sfondo emotivo è solitamente ridotto, c'è una tendenza alla depressione o, al contrario, all'euforia. Poiché il numero e la dimensione dei fuochi della demielinizzazione nella sostanza bianca del cervello aumentano, una diminuzione dell'intelligenza e dell'attività cognitiva è associata a cambiamenti nelle aree motorie e sensibili.

Nella sclerosi multipla, la prognosi sarà più favorevole se la malattia inizia con un disturbo della sensibilità o sintomi visivi. Nel caso in cui compaiano i primi disturbi del movimento, dell'equilibrio e della coordinazione, la prognosi è peggiore, poiché questi segni indicano danni al cervelletto e alle vie conduttive sottocorticali.

Video: risonanza magnetica nella diagnosi dei cambiamenti demielinizzanti nella SM

Malattia di Marburg

La malattia di Marburg è una delle forme più pericolose di demielinizzazione, poiché si sviluppa all'improvviso, i sintomi sono in rapido aumento, portando alla morte del paziente nel giro di pochi mesi. Alcuni scienziati lo attribuiscono alle forme di sclerosi multipla.

L'esordio della malattia assomiglia a un processo infettivo generale, febbre, convulsioni generalizzate sono possibili. I fuochi a rapida formazione della distruzione della mielina hanno portato a una serie di gravi disturbi del movimento, sensibilità e coscienza compromesse. Caratterizzato da sindrome meningea con forte mal di testa, vomito. Spesso aumenta la pressione intracranica.

La malignità della malattia di Marburg è associata a una lesione predominante del tronco cerebrale, dove sono concentrate le vie principali e il nucleo dei nervi cranici. La morte del paziente avviene entro pochi mesi dall'inizio della malattia.

La malattia di Devik

La malattia di Devika è un processo demielinizzante che colpisce i nervi ottici e il midollo spinale. Avendo iniziato in modo acuto, la patologia progredisce rapidamente, portando a gravi disturbi visivi e cecità. Il coinvolgimento del midollo spinale è ascendente ed è accompagnato da paresi, paralisi, sensibilità alterata e disturbo degli organi pelvici.

I sintomi distribuiti possono formarsi in circa due mesi. La prognosi della malattia è scarsa, specialmente nei pazienti adulti. Nei bambini, è un po 'meglio con l'appuntamento tempestivo di glucocorticosteroidi e immunosoppressori. Gli schemi terapeutici non sono ancora stati sviluppati, quindi la terapia è ridotta per alleviare i sintomi, prescrivere ormoni e sostenere le attività.

Leucoencefalopatia multifocale progressiva (PMLE)

Il PMLE è una malattia demielinizzante del cervello che viene più comunemente diagnosticata nelle persone anziane ed è accompagnata da danni multipli al sistema nervoso centrale. Nella clinica ci sono paresi, convulsioni, squilibri e coordinazione, disturbi visivi, caratterizzati da una diminuzione dell'intelligenza, fino a una grave demenza.

Lesioni demielinizzanti della sostanza bianca del cervello con leucoencefalopatia multifocale progressiva

Una caratteristica di questa patologia è considerata una combinazione di demielinizzazione con difetti dell'immunità acquisita, che è probabilmente il fattore principale nella patogenesi.

Sindrome di Guillain-Barre

La sindrome di Guillain-Barre è caratterizzata da lesioni dei nervi periferici del tipo di polineuropatia progressiva. Tra i pazienti con tale diagnosi, ci sono il doppio degli uomini, la patologia non ha limiti di età.

La sintomatologia è ridotta a paresi, paralisi, dolore alla schiena, articolazioni, muscoli degli arti. Frequenti aritmie, sudorazione, fluttuazioni della pressione sanguigna, che indica la disfunzione autonomica. La prognosi è favorevole, ma nella quinta parte dei pazienti rimangono i segni residui di danno al sistema nervoso.

Caratteristiche del trattamento delle malattie demielinizzanti

Per il trattamento della demielinizzazione vengono utilizzati due approcci:

  • Terapia sintomatica;
  • Trattamento patogenetico.

La terapia patogenetica è finalizzata a frenare il processo di distruzione delle fibre di mielina, l'eliminazione degli autoanticorpi circolanti e dei complessi immunitari. Gli interferoni - betaferon, Avonex, Copaxon - sono comunemente riconosciuti come farmaci di scelta.

Betaferon è attivamente usato nel trattamento della sclerosi multipla. È dimostrato che con il suo appuntamento a lungo termine nella quantità di 8 milioni di unità, il rischio di progressione della malattia diminuisce di un terzo, la probabilità di invalidità e la frequenza delle esacerbazioni diminuiscono. Il farmaco viene iniettato sotto la pelle ogni altro giorno.

I preparati a base di immunoglobuline (sandoglobulina, ImBio) mirano a ridurre la produzione di autoanticorpi e a ridurre la formazione di immunocomplessi. Sono utilizzati nell'esacerbazione di molte malattie demielinizzanti entro cinque giorni, somministrati per via endovenosa al tasso di 0,4 grammi per chilogrammo di peso corporeo. Se l'effetto desiderato non viene raggiunto, il trattamento può essere continuato a metà del dosaggio.

Alla fine del secolo scorso è stato sviluppato un metodo per filtrare il CSF, in cui vengono rimossi gli autoanticorpi. Il corso del trattamento comprende fino a otto procedure, durante le quali fino a 150 ml di liquido cerebrospinale passa attraverso filtri speciali.

Tradizionalmente, la plasmaferesi, la terapia ormonale e i citostatici sono usati per la demielinizzazione. La plasmaferesi è finalizzata a rimuovere gli anticorpi circolanti e gli immunocomplessi dal flusso sanguigno. I glucocorticoidi (prednisone, desametasone) riducono l'attività del sistema immunitario, sopprimono la produzione delle proteine ​​antimyeliche e hanno un effetto antinfiammatorio. Sono prescritti per un massimo di una settimana in grandi dosi. I citostatici (metotrexato, ciclofosfamide) sono applicabili in forme gravi di patologia con autoimmunizzazione grave.

La terapia sintomatica comprende farmaci nootropi (piracetam), antidolorifici, anticonvulsivi, neuroprotettori (glicina, Semax), rilassanti muscolari (mydocalms) per la paralisi spastica. Per migliorare la trasmissione dei nervi, vengono prescritte vitamine del gruppo B e negli stati depressivi vengono prescritti antidepressivi.

Il trattamento della patologia demielinizzante non ha lo scopo di alleviare completamente il paziente dalla malattia a causa delle peculiarità della patogenesi di queste malattie. Ha lo scopo di scoraggiare l'azione distruttiva degli anticorpi, prolungare la vita e migliorarne la qualità. Gruppi internazionali sono stati creati per studiare ulteriormente la demielinizzazione e gli sforzi di scienziati di diversi paesi forniscono già un'assistenza efficace ai pazienti, sebbene la prognosi in molte forme rimanga molto seria.

Decifrare la diagnosi - sclerosi multipla?

Victoria chiede:

Un anno fa, la sorella ha iniziato a sperimentare sintomi come grande debolezza, anche dalle mani dei piatti caduta, vertigini, nausea, visione doppia. Per molto tempo non hanno potuto rivelare nulla e sono stati trattati con qualsiasi cosa. Di conseguenza, inviato per una risonanza magnetica del cervello. In conclusione, hanno scritto che ci sono lesioni. E un'altra RM è stata prescritta con contrasto. Ecco una conclusione: Mr-picture delle lesioni focali della sostanza bianca dei grandi emisferi - questi cambiamenti hanno più probabilità di corrispondere al processo di formazione dei demilieni. Differenziare la sclerosi multipla e le conseguenze della demilizzazione acuta acuta. Malformazione vascolare del lobo parietale destro (angioma venoso) 2,6 cm Decifrare cos'è questa diagnosi?

Sholomova Elena Ilinichna, il dottore risponde

Secondo le neuroimmagini, tua sorella ha un processo demielinizzante nel sistema nervoso centrale. Si verifica a seguito di infiammazione autoimmune, quando i tessuti del corpo iniziano a essere considerati estranei. A loro (in questo caso, alla guaina mielinica dei neuroni) si formano anticorpi che distruggono le normali cellule sane. Questo processo inizia più spesso l'infezione. Probabilmente, qualche tempo prima che comparissero i primi reclami, tua sorella soffriva di qualche tipo di malattia virale (forse anche in forma usurata).

Quando vengono rilevati i fuochi della demielinizzazione su una risonanza magnetica, di solito viene prescritto un secondo esame: una risonanza magnetica con contrasto per vedere se queste strutture accumulano contrasto. Veri fuochi di demielinizzazione nel periodo di infiammazione attiva si accumulano il contrasto. Pertanto, prima di tutto, è necessario chiarire nella descrizione delle fotografie se l'accumulo di contrasto è stato causato dai fuochi.

Il processo demielinizzante stesso può essere acuto e cronico. La prima aggressione autoimmune è acuta. In questo caso, la diagnosi è un'encefalomielite acuta disseminata. Successivamente, tali reazioni infiammatorie potrebbero non verificarsi. E i focolai esistenti di demielinizzazione su una risonanza magnetica rimangono come conseguenza della encefalomielite acuta disseminata trasferita. Tuttavia, vi è il rischio che tale attacco autoimmune venga ripetuto in futuro. Questo è accompagnato da un aumento del numero di fuochi di demielinizzazione sulla risonanza magnetica e dalla loro diffusione a vari sistemi di cablaggio del cervello e del midollo spinale. In questo caso, la probabilità di confermare la sclerosi multipla è alta. Questa è una neuroinfettiva progressiva, demilinante e progressivamente progressiva. La prognosi di questa malattia è determinata dal grado di progressione della malattia e dal deficit neurologico. Diagnosi differenziale del processo demielinizzante acuto e cronico da parte di un neurologo. Ciò potrebbe richiedere ulteriori metodi di ricerca - potenziali evocati uditivi e visivi e l'analisi del liquido cerebrospinale per la presenza di anticorpi oligoclonali.

L'angioma venoso è una neoplasia vascolare benigna, che è un plesso dei vasi sanguigni. Molto spesso, l'angioma venoso è congenito e molto probabilmente è stato semplicemente un riscontro diagnostico durante l'esecuzione della risonanza magnetica. Il trattamento chirurgico di angioma di queste dimensioni non richiede.

Demielinizzazione cerebrale

Un processo demielinizzante è una condizione patologica in cui la distruzione della mielina della sostanza bianca del sistema nervoso, centrale o periferico. La mielina viene sostituita da tessuto fibroso, che porta all'interruzione della trasmissione di impulsi lungo i percorsi conduttivi del cervello. Questa malattia appartiene all'autoimmune e negli ultimi anni c'è stata una tendenza ad aumentare la sua frequenza. Anche il numero di casi di rilevamento di questa malattia nei bambini e nelle persone sopra i 45 anni sta aumentando, e sempre più malattie sono state notate in regioni geografiche che non erano tipiche per loro. La ricerca condotta da eminenti scienziati nel campo dell'immunologia, neurogenetica, biologia molecolare e biochimica ha reso più comprensibile lo sviluppo di questa malattia, che rende possibile lo sviluppo di nuove tecnologie per il suo trattamento.

cause di

La malattia demielinizzante del cervello può svilupparsi per una serie di motivi, i principali sono elencati di seguito.

  1. Reazione immunitaria a proteine ​​che fanno parte della mielina. Queste proteine ​​cominciano a essere percepite dal sistema immunitario come estranee e vengono attaccate, causando la loro distruzione. Questa è la causa più pericolosa della malattia. L'innesco per il lancio di un tale meccanismo può essere un'infezione o caratteristiche congenite del sistema immunitario: encefalomielite multipla, sclerosi multipla, sindrome di Guillain-Barré, malattie reumatiche e infezioni in forma cronica.
  2. Neuroinfection: alcuni virus possono infettare la mielina, con conseguente demielinizzazione del cervello.
  3. Fallimento nel meccanismo del metabolismo. Questo processo può essere accompagnato da malnutrizione della mielina e dalla sua successiva morte. Questo è tipico per patologie come la tiroide, il diabete.
  4. Intossicazione con sostanze chimiche di diversa natura: forti sostanze alcoliche, narcotiche, psicotropiche, velenose, prodotti di pittura e produzione di vernici, acetone, olio essiccante o avvelenamento da prodotti dell'attività vitale del proprio organismo: perossidi, radicali liberi.
  5. I processi paraneoplastici sono patologie che sono una complicazione dei processi tumorali.
    Studi recenti confermano che il lancio del meccanismo di questa malattia gioca un ruolo importante nell'interazione tra fattori ambientali e predisposizione ereditaria. La relazione tra la posizione geografica e la probabilità di insorgenza della malattia. Inoltre, i virus (rosolia, morbillo, Epstein-Barr, herpes), infezioni batteriche, abitudini alimentari, stress, ecologia svolgono un ruolo importante.

La classificazione di questa malattia è effettuata in due tipi:

  • mielinoclasma - predisposizione genetica alla distruzione accelerata della guaina mielinica;
  • Mielinopatia - la distruzione della guaina mielinica, già formata, a seguito di qualsiasi motivo, con la mielina non è associata.

sintomi

Il processo demielinizzante del cervello stesso non fornisce sintomi chiari. Dipende completamente da quali strutture del sistema nervoso centrale o periferico localizzano questa patologia. Ci sono tre principali malattie demielinizzanti: sclerosi multipla, leucoencefalopatia multifocale progressiva e encefalomielite acuta disseminata.

La sclerosi multipla - la malattia più comune tra queste, è caratterizzata dalla sconfitta di diverse parti del sistema nervoso centrale. Questo è accompagnato da una vasta gamma di sintomi. L'insorgenza della malattia si manifesta in giovane età - circa 25 anni ed è più comune nelle donne. Gli uomini si ammalano meno spesso, ma la malattia si manifesta in una forma più progressiva. I sintomi della sclerosi multipla sono condizionatamente divisi in 7 gruppi principali.

  1. Trauma piramidale: paresi, clonus, indebolimento della pelle e aumento dei riflessi tendinei, tono muscolare spastico, segni patologici.
  2. Danni al tronco cerebrale e ai nervi del cranio: nistagmo orizzontale, verticale o multiplo, indebolimento dei muscoli facciali, oftalmoplegia inter-nucleare, sindrome bulbare.
  3. Disfunzione degli organi pelvici: incontinenza urinaria, voglia di urinare, stitichezza, alterata potenza.
  4. Malattia del cervelletto: nistagmo, atassia del tronco, estremità, asinggia, ipotonia muscolare, dismetria.
  5. Compromissione visiva: perdita di acuità, scotoma, alterazione della percezione del colore, alterazione dei campi visivi, alterazione della luminosità, contrasto.
  6. Disturbi sensoriali: distorsione della percezione della temperatura, disestesia, atassia sensibile, sensazione di pressione negli arti, distorsione della sensibilità alle vibrazioni.
  7. Disturbi neuropsicologici: ipocondria, depressione, euforia, astenia, disturbi intellettivi, disturbi comportamentali.

diagnostica

Il metodo di ricerca più illustrativo che può rivelare focolai di demielinizzazione del cervello è la risonanza magnetica. Un quadro tipico di questa malattia è l'identificazione di focolai ovali o rotondi di dimensioni comprese tra 3 mm e 3 cm in qualsiasi parte del cervello. Tipico per la localizzazione in questa patologia è l'area delle zone sottocorticali e periventricolari. Se la malattia dura a lungo, allora queste lesioni possono unirsi. La risonanza magnetica mostra anche cambiamenti negli spazi subaracnoidi, un aumento del sistema ventricolare dovuto all'atrofia cerebrale.

Relativamente recentemente, il metodo dei potenziali evocati ha iniziato a essere utilizzato per la diagnosi delle malattie da deperibilità. Vengono valutati tre indicatori: somatosensoriale, visivo e uditivo. Ciò consente di valutare le menomazioni nella conduzione degli impulsi nel tronco cerebrale, negli organi visivi e nel midollo spinale.

L'elettroneuromiografia mostra la presenza di degenerazione assonale e consente di determinare la distruzione della mielina. Anche l'uso di questo metodo produce una valutazione quantitativa del grado di disturbi autonomici.

Il piano immunologico subisce immunoglobuline oligoclonali contenute nel liquido cerebrospinale. Se la loro concentrazione è alta, indica l'attività del processo patologico.

trattamento

Il trattamento delle malattie demielinizzanti è specifico e sintomatico. La nuova ricerca in medicina ha permesso di raggiungere un buon successo in specifici metodi di trattamento. I beta-interferoni sono considerati uno dei farmaci più efficaci: questi includono Rebife, Betaferon, Avanex. Studi clinici sul betaferone hanno dimostrato che il suo uso riduce il tasso di progressione della malattia del 30%, previene lo sviluppo di disabilità e riduce la frequenza delle esacerbazioni.

Gli esperti preferiscono sempre di più il metodo di somministrazione endovenosa di immunoglobuline (bioven, sandoglobulina, venoglobulina). Quindi, il trattamento delle esacerbazioni della malattia. Più di 20 anni fa, è stato sviluppato un nuovo metodo abbastanza efficace per il trattamento delle malattie demielinizzanti - l'immunofiltrazione del liquido cerebrospinale. Attualmente sono in corso studi su farmaci la cui azione è volta a fermare il processo di demielinizzazione.

Come mezzo di trattamento specifico, vengono utilizzati corticosteroidi, plasmaferesi, citostatici. Nootropici, neuroprotettori, amminoacidi, rilassanti muscolari sono anche ampiamente usati.

Demielinizzazione cerebrale

Le statistiche mostrano che negli ultimi anni è aumentata la diffusione delle malattie associate alla distruzione della mielina nei tessuti del corpo umano. Questo accade ovunque, e se prima in alcuni casi questi casi erano più probabili un'eccezione, ora la demielinizzazione del cervello è considerata la malattia più comune. Anche la percentuale di morbilità aumenta nei gruppi di età: sempre più giovani rappresentanti dell'umanità rientrano nel gruppo a rischio.

Caratteristiche speciali

Ad oggi, non sono stati trovati metodi sufficientemente efficaci per identificare e trattare i processi degenerativi negli strati di mielina nelle fasi iniziali della demielinizzazione del cervello. Ma la scienza continua a cercare una soluzione a questo problema. Nel corso dell'ultimo secolo, l'umanità ha progredito in modo sostanziale in questo settore.

Al momento, le idee di base su come si svolgono i processi distruttivi sono conosciute, le cause sono state identificate, ci sono un certo numero di prescrizioni e raccomandazioni di trattamento - è vero, finora solo per malattie specifiche.

Corso della malattia

La descrizione del decorso della malattia aiuterà a capire cos'è la demielinizzazione del cervello.

La demielinizzazione del cervello inizia con la formazione di grandi quantità di anticorpi nel corpo - questo processo è anche chiamato autoimmunizzazione. Anticorpi nel sangue - questo è un tipo speciale di formazioni proteiche, in questo caso, iniziano ad attaccare parti del tessuto nervoso, che provoca l'inizio del processo di infiammazione in esse.

Per questo motivo, il danno globale inizia ai processi delle cellule nervose - i neuroni. La fibra nervosa allo stato normale è ricoperta da una guaina protettiva di mielina, ma tali circostanze portano alla sua distruzione e alla diminuzione della conduttività degli impulsi nervosi.

motivi

Le principali cause di demielinizzazione nel cervello:

  • Predisposizione inerente al genotipo umano;
  • Malattie virali e infettive;
  • La presenza di eventuali infezioni batteriche croniche, per esempio, una persona che è un portatore di H. pylori;
  • Avvelenamento chimico con metalli pesanti, benzina e altre sostanze;
  • Stare a lungo in uno stato di grave ansia, stress;
  • Contenuto di una percentuale molto ampia di prodotti di origine animale
  • Ambiente inquinato

Inoltre, ci sono alcune leggi della distribuzione geografica della percentuale di incidenza. La popolazione dei paesi dell'Europa e degli Stati Uniti è più soggetta, le persone provenienti dalla Russia centrale e dalla Siberia sono meno esposte. Ma gli abitanti dei continenti caldi e dei paesi orientali non sono quasi influenzati dall'incidenza.

Se cerchi la causa in una gara, allora la razza europea è in pericolo maggiore.

L'agente causale dell'insorgenza di un processo autoimmune può essere naturale, a causa delle reazioni ereditarie ai cambiamenti nell'ambiente circostante o interno: alcuni geni mutati causano la sintesi di anticorpi.

La distruzione della mielina che si verifica sullo sfondo delle infezioni si verifica come segue: se un corpo che rappresenta un pericolo entra nel corpo, gli organi speciali secernono una serie specifica di anticorpi per distruggerlo, progettati per neutralizzare un particolare tipo di corpo. Ma tra loro ci sono anche quelli che sono molto simili nella struttura delle cellule del corpo. Di conseguenza, gli anticorpi agiscono su di loro, inizia l'autodistruzione.

Se nelle fasi iniziali le conseguenze che la demielinizzazione delle cause cerebrali sono reversibili, allora in futuro, in condizioni più avanzate, non ci sarà tale possibilità.

sintomi

I principali sintomi della demielinizzazione del cervello sono segni di disturbi neurologici. La loro manifestazione inizia con interruzioni visive. Nel corso del tempo, il paziente capisce che ci sono stati alcuni problemi nel suo corpo e va a vedere uno specialista.

Tuttavia, il problema sta nel fatto che la descrizione orale dei sintomi da sola non è sufficiente per una diagnosi che richiede un esame più approfondito.

I disturbi neurologici possono essere un segno di demielinizzazione del cervello.

Malattie demielinizzanti

Per i professionisti medici, la cosa più importante è capire le cause e, sulla base di esse, scegliere i metodi di trattamento. La durata di un'ulteriore vita dipende anche dal provocatore della malattia. Con alcuni puoi vivere per decine di anni e la presenza di altri può portare alla morte in due anni.

Principali malattie demielinizzanti:

diagnostica

La diagnosi di demielinizzazione del cervello inizia, di solito con la risonanza magnetica, perché al momento è uno dei metodi più efficaci e affidabili per rilevare i focolai demielinizzanti. Di solito si trovano nella sostanza bianca del cervello. Inoltre, è sicuro per donne in gravidanza e bambini.

Foci di demielinizzazione della risonanza magnetica

trattamento

Gli obiettivi del trattamento di demielinizzazione nel cervello: fermare i processi di distruzione delle fibre di mielina, che richiede la neutralizzazione di anticorpi pericolosi. Tali farmaci come Betaferon, Avonex, Copaxone serviranno come buoni mezzi in questo caso.

I preparati Betaferon sono usati per trattare la sclerosi multipla. Possono ridurre in modo significativo la probabilità di complicanze come la disabilità e un'aumentata incidenza delle manifestazioni più acute. La minaccia fatale diminuisce.

Le immunoglobuline e i loro farmaci possono ridurre la produzione di complessi immunoprotettivi - anticorpi. Sono usati durante le esacerbazioni di malattie provocate dalla demielinizzazione. Il corso è progettato per cinque giorni. Il farmaco viene iniettato sotto la pelle per via endovenosa.

Un metodo molto efficace è la filtrazione del liquore. Questa procedura consiste nel far passare un dispositivo spinale liquido attraverso uno speciale dispositivo di purificazione di anticorpi. Garantito per sbarazzarsi di loro.

Lo scambio di plasma sanguigno, uno dei metodi tradizionali di trattamento, rimuove anche le sostanze immunitarie e gli anticorpi.

Il secondo metodo è i glucocorticoidi, che sopprimono il funzionamento del sistema immunitario, la sintesi dei corpi anti-mielina, indeboliscono l'infiammazione da essi provocata.

Il trattamento dei sintomi sta nel trattamento di farmaci nootropi, antidolorifici, anticonvulsivanti e neuroprotettori. Per aumentare la trasmissione degli impulsi nervosi, vengono prescritte vitamine del gruppo B. In alcuni casi, vengono prescritti antidepressivi.

Nella maggior parte dei casi, il trattamento completo della demielinizzazione del cervello non è completamente possibile. Il compito principale dei medici è quello di indebolire l'ulteriore effetto degli anticorpi sul sistema nervoso attraverso l'uso di agenti e dispositivi terapeutici. Per trovare nuove e più utili soluzioni a questo problema, ora gruppi di lavoro di scienziati in tutto il mondo.

Demielinizzazione cerebrale

Un processo demielinizzante è una condizione patologica in cui la distruzione della mielina della sostanza bianca del sistema nervoso, centrale o periferico. La mielina viene sostituita da tessuto fibroso, che porta all'interruzione della trasmissione di impulsi lungo i percorsi conduttivi del cervello. Questa malattia appartiene all'autoimmune e negli ultimi anni c'è stata una tendenza ad aumentare la sua frequenza. Anche il numero di casi di rilevamento di questa malattia nei bambini e nelle persone sopra i 45 anni sta aumentando, e sempre più malattie sono state notate in regioni geografiche che non erano tipiche per loro. La ricerca condotta da eminenti scienziati nel campo dell'immunologia, neurogenetica, biologia molecolare e biochimica ha reso più comprensibile lo sviluppo di questa malattia, che rende possibile lo sviluppo di nuove tecnologie per il suo trattamento.

cause di

La malattia demielinizzante del cervello può svilupparsi per una serie di motivi, i principali sono elencati di seguito.

  1. Reazione immunitaria a proteine ​​che fanno parte della mielina. Queste proteine ​​cominciano a essere percepite dal sistema immunitario come estranee e vengono attaccate, causando la loro distruzione. Questa è la causa più pericolosa della malattia. L'innesco per il lancio di un tale meccanismo può essere un'infezione o caratteristiche congenite del sistema immunitario: encefalomielite multipla, sclerosi multipla, sindrome di Guillain-Barré, malattie reumatiche e infezioni in forma cronica.
  2. Neuroinfection: alcuni virus possono infettare la mielina, con conseguente demielinizzazione del cervello.
  3. Fallimento nel meccanismo del metabolismo. Questo processo può essere accompagnato da malnutrizione della mielina e dalla sua successiva morte. Questo è tipico per patologie come la tiroide, il diabete.
  4. Intossicazione con sostanze chimiche di diversa natura: forti sostanze alcoliche, narcotiche, psicotropiche, velenose, prodotti di pittura e produzione di vernici, acetone, olio essiccante o avvelenamento da prodotti dell'attività vitale del proprio organismo: perossidi, radicali liberi.
  5. I processi paraneoplastici sono patologie che sono una complicazione dei processi tumorali.
    Studi recenti confermano che il lancio del meccanismo di questa malattia gioca un ruolo importante nell'interazione tra fattori ambientali e predisposizione ereditaria. La relazione tra la posizione geografica e la probabilità di insorgenza della malattia. Inoltre, i virus (rosolia, morbillo, Epstein-Barr, herpes), infezioni batteriche, abitudini alimentari, stress, ecologia svolgono un ruolo importante.

La classificazione di questa malattia è effettuata in due tipi:

  • mielinoclasma - predisposizione genetica alla distruzione accelerata della guaina mielinica;
  • Mielinopatia - la distruzione della guaina mielinica, già formata, a seguito di qualsiasi motivo, con la mielina non è associata.

sintomi

Il processo demielinizzante del cervello stesso non fornisce sintomi chiari. Dipende completamente da quali strutture del sistema nervoso centrale o periferico localizzano questa patologia. Ci sono tre principali malattie demielinizzanti: sclerosi multipla, leucoencefalopatia multifocale progressiva e encefalomielite acuta disseminata.

La sclerosi multipla - la malattia più comune tra queste, è caratterizzata dalla sconfitta di diverse parti del sistema nervoso centrale. Questo è accompagnato da una vasta gamma di sintomi. L'insorgenza della malattia si manifesta in giovane età - circa 25 anni ed è più comune nelle donne. Gli uomini si ammalano meno spesso, ma la malattia si manifesta in una forma più progressiva. I sintomi della sclerosi multipla sono condizionatamente divisi in 7 gruppi principali.

  1. Trauma piramidale: paresi, clonus, indebolimento della pelle e aumento dei riflessi tendinei, tono muscolare spastico, segni patologici.
  2. Danni al tronco cerebrale e ai nervi del cranio: nistagmo orizzontale, verticale o multiplo, indebolimento dei muscoli facciali, oftalmoplegia inter-nucleare, sindrome bulbare.
  3. Disfunzione degli organi pelvici: incontinenza urinaria, voglia di urinare, stitichezza, alterata potenza.
  4. Malattia del cervelletto: nistagmo, atassia del tronco, estremità, asinggia, ipotonia muscolare, dismetria.
  5. Compromissione visiva: perdita di acuità, scotoma, alterazione della percezione del colore, alterazione dei campi visivi, alterazione della luminosità, contrasto.
  6. Disturbi sensoriali: distorsione della percezione della temperatura, disestesia, atassia sensibile, sensazione di pressione negli arti, distorsione della sensibilità alle vibrazioni.
  7. Disturbi neuropsicologici: ipocondria, depressione, euforia, astenia, disturbi intellettivi, disturbi comportamentali.

diagnostica

Il metodo di ricerca più illustrativo che può rivelare focolai di demielinizzazione del cervello è la risonanza magnetica. Un quadro tipico di questa malattia è l'identificazione di focolai ovali o rotondi di dimensioni comprese tra 3 mm e 3 cm in qualsiasi parte del cervello. Tipico per la localizzazione in questa patologia è l'area delle zone sottocorticali e periventricolari. Se la malattia dura a lungo, allora queste lesioni possono unirsi. La risonanza magnetica mostra anche cambiamenti negli spazi subaracnoidi, un aumento del sistema ventricolare dovuto all'atrofia cerebrale.

Relativamente recentemente, il metodo dei potenziali evocati ha iniziato a essere utilizzato per la diagnosi delle malattie da deperibilità. Vengono valutati tre indicatori: somatosensoriale, visivo e uditivo. Ciò consente di valutare le menomazioni nella conduzione degli impulsi nel tronco cerebrale, negli organi visivi e nel midollo spinale.

L'elettroneuromiografia mostra la presenza di degenerazione assonale e consente di determinare la distruzione della mielina. Anche l'uso di questo metodo produce una valutazione quantitativa del grado di disturbi autonomici.

Il piano immunologico subisce immunoglobuline oligoclonali contenute nel liquido cerebrospinale. Se la loro concentrazione è alta, indica l'attività del processo patologico.

trattamento

Il trattamento delle malattie demielinizzanti è specifico e sintomatico. La nuova ricerca in medicina ha permesso di raggiungere un buon successo in specifici metodi di trattamento. I beta-interferoni sono considerati uno dei farmaci più efficaci: questi includono Rebife, Betaferon, Avanex. Studi clinici sul betaferone hanno dimostrato che il suo uso riduce il tasso di progressione della malattia del 30%, previene lo sviluppo di disabilità e riduce la frequenza delle esacerbazioni.

Gli esperti preferiscono sempre di più il metodo di somministrazione endovenosa di immunoglobuline (bioven, sandoglobulina, venoglobulina). Quindi, il trattamento delle esacerbazioni della malattia. Più di 20 anni fa, è stato sviluppato un nuovo metodo abbastanza efficace per il trattamento delle malattie demielinizzanti - l'immunofiltrazione del liquido cerebrospinale. Attualmente sono in corso studi su farmaci la cui azione è volta a fermare il processo di demielinizzazione.

Come mezzo di trattamento specifico, vengono utilizzati corticosteroidi, plasmaferesi, citostatici. Nootropici, neuroprotettori, amminoacidi, rilassanti muscolari sono anche ampiamente usati.

Malattia del cervello demielinizzante

La malattia demielinizzante del cervello è una patologia caratterizzata da danni alla guaina delle fibre nervose e una violazione della loro conduttività.

Le fibre nervose sono processi lunghi di neuroni rivestiti di mielina che hanno una base lipidica. Nel processo di demielinizzazione, queste membrane vengono distrutte nel sistema nervoso centrale o periferico. Al posto del tessuto fibroso della mielina distrutto cresce, che non è in grado di condurre impulsi nervosi.

La demielinizzazione del cervello è caratterizzata dalla comparsa di lesioni che hanno una forma rotonda o ovale. Foci di demielinizzazione del cervello - questa è una lesione delle membrane delle fibre nervose, che fornisce un quadro clinico specifico che dipende dalla localizzazione del neurone stesso e dei suoi processi.

Cause dello sviluppo

Attualmente, le ragioni specifiche per lo sviluppo della demielinizzazione non sono state stabilite. Molti esperti ritengono che tali malattie siano ereditarie. Spesso la malattia nelle donne di mezza età. Recentemente, un gran numero di casi registrati nei bambini.

Esaminiamo cos'è questa demielinizzazione e come accade. Nella sua patogenesi, la demielinizzazione del cervello è un processo autoimmune. Ci sono alcuni fattori che fanno sì che il corpo percepisca le cellule della mielina come estranee. Il sistema immunitario viene attivato e inizia a distruggere le proprie cellule. Il tessuto fibroso cresce al punto della lesione. Al centro, l'obiettivo della demielinizzazione è una porzione di tessuto nervoso danneggiato che si trova in una struttura cerebrale specifica, che causa le manifestazioni cliniche della lesione.

Il processo di demielinizzazione può essere diviso in 2 tipi:

  • La mieloclastia è la distruzione della mielina con difetti nella struttura ed è geneticamente determinata;
  • Mielopatia: la distruzione della mielina normale sotto l'influenza di alcuni fattori.

I principali fattori che possono portare a una malattia cerebrale demielinizzata sono:

  • Il meccanismo autoimmune causa il tipo più progressivo di sviluppo della demielinizzazione. Questo meccanismo è descritto nel caso di sclerosi multipla, sindrome di Guillain-Barré, malattie reumatiche;
  • Malattie infettive che comportano danni al tessuto nervoso (compresi agenti virali);
  • Disturbi metabolici nel corpo, con conseguente sviluppo di alterazioni distrofiche nel tessuto nervoso (stati encefalopatici nel diabete mellito);
  • Meccanismo tossico (sostanze che interessano il tessuto lipidico - organofosfato, toluene, benzene, acetone e altri). È stato dimostrato che tale lesione può essere causata da corpi chetonici durante lo sviluppo della chetoacidosi in pazienti con diabete mellito;
  • Con il collasso dei tumori durante la distruzione dei tessuti molli circostanti.

sintomi

La manifestazione dei sintomi di demielinizzazione dipende dalla posizione del focus nel cervello e dalla violazione della sua capacità funzionale.

Considerare le lesioni più comuni e la loro manifestazione clinica:

  • Percorsi piramidali - paresi e paralisi degli arti, ipertonicità dei muscoli, iperreflessia, comparsa di riflessi patologici;
  • La parte staminale - disturbi respiratori, alterata funzione vegetativa (spasmo vascolare, aumento o diminuzione della pressione sanguigna), disordinarietà dei muscoli mimici;
  • Segmenti del midollo spinale inferiori - disfunzione degli organi pelvici;
  • Cervelletto - una violazione di coordinamento, orientamento nello spazio;
  • Nervo ottico: violazione della percezione visiva prima della perdita parziale o totale della vista;
  • Sintomi cognitivi in ​​lesioni multiple del tessuto nervoso.

In termini di quadro clinico, consideriamo alcune delle più comuni malattie demielinizzanti.

La sclerosi multipla è una malattia del sistema nervoso centrale caratterizzata dalla comparsa di molteplici focolai di demielinizzazione del cervello, che porta allo sviluppo di vari sintomi neurologici. Clinicamente manifestata sotto forma di paresi o paralisi a una o due parti, minzione e defecazione alterate. Le manifestazioni della malattia dipendono dalla dimensione delle lesioni, dalla loro localizzazione e dalla progressione della demielinizzazione delle fibre nervose.

Opticomielite è una malattia caratterizzata da danno selettivo al nervo ottico e segmenti del midollo spinale. Il quadro clinico della diemizzazione si esprime nella violazione delle funzioni visive (perdita parziale della vista fino alla completa cecità) e para- e tetraparesi a seconda del segmento interessato. La leucoencephalapatia è una malattia demielinizzante con decorso fulminante.

I centri di demielinizzazione del cervello si trovano asimmetricamente. È stato stabilito che la malattia è causata da virus i cui portatori sono la maggioranza della popolazione. L'impulso principale per lo sviluppo delle lesioni è una violazione del sistema immunitario. I principali sintomi clinici sono dovuti a focolai sparpagliati di demielinizzazione e si manifestano come monoparesi o emiparesi. Lo sviluppo di disturbi mentali seguiti da demenza è molto specifico per questa malattia.

Metodi diagnostici

Per rilevare la fonte di demielinizzazione del cervello è necessario condurre studi strumentali. Il metodo più comune e informativo è la risonanza magnetica (MRI). La risonanza magnetica mostra chiaramente tutte le strutture del tessuto cerebrale e consente di rilevare focolai di demielinizzazione della sostanza bianca fino a 3 mm. Per dimensione, posizione, posizione delle lesioni, è possibile regolare il trattamento e la prognosi per il paziente.

L'elettromiografia viene utilizzata per diagnosticare lesioni del sistema nervoso periferico. Il metodo si basa sulla registrazione degli impulsi e sulla rilevazione di violazioni della loro conduttività.

Se si sospetta un meccanismo autoimmune per lo sviluppo della malattia, vengono condotti studi sui liquori sul contenuto di anticorpi specifici.

trattamento

È impossibile interrompere completamente il processo di demielinizzazione. Allo stato attuale, è possibile prevenire l'ulteriore diffusione di focolai e ridurre l'insorgenza dei sintomi. Il trattamento demienializzante delle malattie del cervello non è specifico.

Il trattamento principale è volto ad eliminare i sintomi e sono prescritti i seguenti farmaci:

  • I rilassanti muscolari sono usati per alleviare il tono muscolare aumentato e facilitare il movimento;
  • Farmaci che aumentano la resistenza dei neuroni al danno del gruppo di farmaci nootropici;
  • Farmaci anti-infiammatori corticosteroidi per alleviare i processi infiammatori.

Dovrebbe essere notato un ruolo speciale nel trattamento delle malattie demielinizzanti dei farmaci con interferone-serie - β-interferone. Il trattamento della sclerosi multipla con questi farmaci ha mostrato buoni risultati. Riducono il grado di danno alla mielina, riducendo così il tasso di sviluppo della malattia e la disabilità del paziente.

Anche la filtrazione del liquido spinale con la rimozione di antigeni e la somministrazione di immunoglobuline sono ampiamente utilizzate.

Al fine di ottenere un processo stabile di remissione, si raccomanda ai pazienti di osservare uno stile di vita sano, un'attività fisica moderata e un trattamento periodico in condizioni ospedaliere sotto la supervisione di specialisti.

Stiamo cercando di capire i risultati di MRT GM

Quindi, per cominciare, lascia che ti ricordi che la risonanza magnetica cerebrale è stata causata da cattivi sintomi che non si sono interrotti per tre mesi. Proverò a descrivere i sintomi:

Lievi vertigini sistemiche, quasi infinite, quasi impercettibili, ma molto sgradevoli.
Percezione permanente "sfocata" dei dintorni, "inchiodato" e ritardo nella testa - Non riesco a descrivere meglio.
A volte "portava" in curva, non poteva "adattarsi" allo stipite della porta, toccare l'angolo del tavolo, ecc. Non spesso, ma come si dice, prestato attenzione.
La capacità di lavorare si è notevolmente deteriorata - lascia che ti ricordi che il mio strumento principale è un computer. Il lavoro è diventato difficile, non la parola giusta...
Stanchezza cronica - entro la fine della giornata non si può fare nulla, solo per inseguire cattivi pensieri sulla tua inutile salute.
Problemi con il sonno - Ho iniziato a svegliarmi periodicamente presto e non potevo più addormentarmi. Nel mio caso, è presto - sono le 5 di mattina, di solito ho dormito fino alle 6:30 - 7 del mattino Vado a letto abbastanza presto, alle 23:00 e qualcuno dirà che questo è abbastanza, ma so quanto ho bisogno... Sono diventato molto sensibile alla "mancanza di sonno". A proposito, il risveglio cronico precoce è una delle principali lamentele fino ad oggi, è solo peggiorato. Ma questa sarà una storia a parte...
Mal di testa periodici, ma non frequenti e non severi. Abbastanza lungo (2-5 ore), principalmente nella regione degli emisferi e nella parte frontale, non c'era dolore occipitale.
È stato con un tale "set" che ho deciso di andare su una risonanza magnetica del cervello. Perché proprio su una risonanza magnetica senza indicazioni da un neurologo? Molto probabilmente, il fatto che poco prima che avessi avuto questi sintomi la mia ex moglie morì di cancro ha avuto un ruolo. Una storia leggermente diversa e piuttosto lunga, non dirò tutto, dirò solo che riguarda l'argomento MRI. Quindi, per quanto ne so, le sue lamentele erano molto simili alle mie: nessun mal di testa "selvaggio", vertigini, andatura instabile, ecc. Di conseguenza, in base ai risultati della MRT di un GM, le fu diagnosticato un tumore (o metastasi nel GM, non dirò di sicuro). Così ho deciso che, prima di apparire a un neurologo, sarebbe stato necessario "puntare l'io", cosa che ho fatto. E 'stato terribile - le parole non possono trasmettere!

Ora i risultati. Conclusione MRI (2007) afferma: L'immagine MR di un singolo focus sulla sostanza bianca del cervello - probabilmente di origine vascolare. Segni di idrocefalo esterno moderatamente grave. Per il quadro generale, ecco una scansione del testo completo del risultato della ricerca:

Il medico che ha scritto la conclusione non ha trovato nulla di "militare" nello studio, non ha visto tumori e tumori. Non ha fatto un giro d'occhio sul "Single focus in white matter", ha detto che molto probabilmente il risultato di una crisi ipertensiva o in generale è inerente, non può minacciare particolarmente con nulla e difficilmente può causare le mie vertigini.

Più tardi, quando ho guardato i risultati della risonanza magnetica archiviati a casa su DVD, ho trovato questo "buco nero" nella mia testa:

Alla reception con un neurologo, il quadro non può essere chiarito, in generale. Non ho ricevuto alcun commento specifico su un singolo focus o su idrocefalo, o anche sul "buco nero". Tutto in termini generali, come "niente di micidiale". Raccomandazioni generali, ecc. eccetera E ha visitato due neurologi. Cerebrolizina prescritta, vitamine e sedativi. Hanno detto di monitorare periodicamente e fare una risonanza magnetica circa una volta ogni due anni per osservare in dinamica. Sembra essere rassicurato, ma d'altra parte, nessuna misura specifica. I medici, naturalmente, sanno che sono migliori, ma allarmanti.

Nessun cambiamento, per non parlare di miglioramenti nelle mie condizioni, seguito. Ha superato i corsi designati - per niente. Nel corso degli anni, ha fatto altri 4 esami MRI di GM. L'immagine quasi non è cambiata. Citerò i risultati della risonanza magnetica (2012):

Un po 'tesa la dicitura "single", vale a dire. al plurale. La prossima visita al neurologo è stata un po 'rassicurante - non ho visto praticamente nessuna reazione alla formulazione della conclusione.

Ecco l'ultima ricerca, cito i suoi risultati in pieno, perché ho notato (secondo me) una pessima dinamica. MRI GM 2013:

Elemento evidenziato in giallo che mi rendeva nervoso. Alla prima risonanza magnetica, i singoli focolai erano di 0,3 cm, e qui è già apparsa la cifra di 0,4 cm. Io, ovviamente, capisco che sto invecchiando, la mia salute non migliora, ma il quadro è deprimente. Un altro appuntamento con un neurologo - ancora, niente. Un aumento di focolai, spiegò il dottore, "molto probabilmente l'errore o le diverse capacità risolutive dell'apparato". Bene, cosa dobbiamo fare, dobbiamo credere... Inoltre, è più redditizio che pensare al cattivo.

Inoltre, è apparso un lipoma interemisferico. Solo alcune pipette...

L'ultima visita al neurologo si è conclusa con un altro corso di cerebrolysin (ora endovenoso) e mexidol per via intramuscolare. Più 20 giorni di assunzione della droga Tagista. Inoltre, stiamo nuovamente parlando di antidepressivi. Ma ne parleremo più avanti...

Durante la mia ultima visita, ho chiesto al medico una domanda sulla sclerosi multipla. Un neurologo ha negato categoricamente la diagnosi di SM, ma vi dico ancora perché ho fatto di nuovo una risonanza magnetica e perché ho avuto di nuovo un appuntamento con un neurologo.

Penso che molti VSD-shniki abbiano attraversato angosce e dubbi simili, quindi nel prossimo post parleremo un po 'dei sintomi della sclerosi multipla.

Commenti (dall'archivio):

Yury 16/10/2014
Tutti i tuoi studi non dovrebbero essere di particolare interesse. In questo, tutti gli esperti che ti hanno guardato hanno assolutamente ragione. E i "fuochi di gliosi" non sono di per sé una diagnosi indipendente, ma sempre causalmente associati a qualsiasi malattia o qualsiasi disfunzione del corpo. Nel tuo caso, si presume genesi vascolare. Raccomando di condurre uno studio ecografico (doppler, triplex) BCS del cervello. Forse tu HNMK.

Gen 29/11/2014
Ho fatto una risonanza magnetica e ho scritto esattamente la stessa conclusione, ho un'instabilità nel camminare e l'altra ma il neuropatologo ha scritto il farmaco, ma il disco non ha nemmeno visto cosa non so cosa fare

Sasha 17/03/2015
buon pomeriggio Dimmi, cosa significa la mia conclusione del cervello mtr? unico focus di gliosi nel lobo frontale destro, molto probabilmente di genesi vascolare. Disturbi della liquorodinamica sotto forma di espansione degli spazi subaracnoidi convessi delle regioni fronto-parietali. variante normotipica della struttura delle arterie del circolo willisiano senza segni di riduzione del flusso sanguigno nei rami periferici delle arterie cerebrali. moderata asimmetria del flusso sanguigno delle arterie vertebrali D> S. grazie!

Irina il 17/04/2015
Dannazione, eprst, sei un uomo. Prenditi in mano e non ascoltare così tanto i tuoi pseudobati. Non ho ancora 30 anni, ma già un sacco di vere piaghe, ma non mi perdo. Giustamente detto, le donne sono più forti degli uomini!

Michael 21/04/2015
Tale problema e anche aree isolate di gliosi 0,3 cm.
RS è stato negato. Scrivimi se c'è un desiderio, puoi discutere su cosa fare dopo e su quale diagnostica sottoporti, perché anch'io non so esattamente cosa fare.

Elena 04.05.2015
La mia risonanza magnetica ha mostrato una singola messa a fuoco con un segnale iperintenso in T2, 4 mm di dimensione. E hanno anche detto che andava bene... La visione scompare sempre di più dopo ogni attacco di mal di testa. Camminare è più difficile e non è possibile trovare la causa. Nel centro della RS, hanno detto, per ogni evenienza, di ripetere la risonanza magnetica in sei mesi e questo era tutto

Tatyana 07.07.2015
nella sostanza bianca dei lobi frontali e parietali, sottocorticali, sono definiti pochi focolai vasogenici di 0,5 cm di dimensione.
cosa significa?

[email protected] il 21/07/2015
Femmina, 73, lamentele: mal di testa, confusione. Conclusione: RM-quadro di focolai soporentali multipli di gliosi (genesi vascolare); idrocefalo interno (triventrico) moderato. Singole cisti lacunari post-ischemiche della regione dei nuclei basali a sinistra. Atrofia corticale diffusa Qual è la realtà? Quanto è serio? Quali sono i trattamenti?

Eugenia 07.07.2015
Cittadini, compagni, ay. Rispondere. Qualcuno ha trovato una cura per questa infezione?

Sergey 30/07/2015
Ciao, ho più fuochi di gliosi fino a 0,9 cm, è molto brutto ??

Constantin il 09/06/2015
Ho lo stesso problema, con questa diagnosi dare un gruppo?

NATALIA 09.09.2015
CHE COSA SIGNIFICA DIAGNOSI-SEGNALI RESONANALI MAGNETICI DELLE CARTA DEL CERVELLO, SEGNI DELL'IDROCEFALIA DIPENDENTE ESTERNA, SEGNI DELL'ACIDO CAUDALO

Doc (Autore) 09/09/2015
Segni del cervello - questo è già buono :) Questo è uno scherzo, come tu, spero, capisco.
Non hai letteralmente riscritto la conclusione, questa volta. Ma non importa.
La seconda cosa è importante: non ci sono consulenti medici professionisti qui e, ancora di più, pochi specialisti stretti. Il fatto che risponderanno a voi non può essere considerato più di un'ipotesi, che nella maggior parte dei casi potrebbe essere errata.
Dovresti contattare un forum specializzato, ad esempio, nella sezione appropriata del server Russianmed. Ma la mia esperienza suggerisce che è improbabile che la vostra conclusione sia prestata attenzione, perché non c'è nulla di "meritevole di attenzione" secondo il parere del neurologo in questa conclusione.
Il mio consiglio è di consultare un neurologo a tempo pieno, ci sarà più confusione.

Bene, se sei già così urgente e hai paura della dicitura "GM vasogenic foci" (sembra così giusto), allora questo non è altro che "focolai di genesi vascolare", che sono stati menzionati in questo post nei commenti e non sono così rari. Di nuovo, nella mia esperienza personale, i neurologi praticamente non prestano attenzione alla loro presenza, specialmente se sono "pochi"

Inoltre, Leggere Imbarcazioni

Cosa minaccia le vene varicose nelle gambe?

Le vene varicose sono un processo patologico caratterizzato da un aumento del lume vascolare, una diminuzione del deflusso del sangue, un assottigliamento delle pareti dei vasi sanguigni e la loro deformazione.

Tromboflebiti, trombosi, vene varicose, flebiti: principali somiglianze e differenze, metodi di trattamento

L'elenco delle malattie che colpiscono le arterie vascolari degli arti inferiori, non è così grande.

Che cos'è la leucoencefalopatia cerebrale: tipi, diagnosi e trattamento

Leucoencefalopatia del cervello - questa patologia, in cui c'è una sconfitta della sostanza bianca, che causa la demenza. Esistono diverse forme nosologiche causate da varie cause.

Crisi vegetativa (attacco di panico) - i primi sintomi e il trattamento del paziente in questo stato

Crisi vegetativa - incompreso, spiacevole per una persona, ansia con la paura e varie manifestazioni somatiche.

Cause, sintomi del prolasso della valvola mitrale, se è necessario un trattamento

Da questo articolo imparerai: la patologia caratteristica del prolasso della valvola mitrale, le sue cause, la classificazione per gravità.

Distonia cardiovascolare e suo trattamento

La distonia cardiovascolare ha diversi nomi: distonia vegetativa-vascolare o neurocircolatoria, nevrosi vegetativa, sindrome psico-vegetativa. Questo è un complesso di sintomi e manifestazioni cliniche che sorgono a seguito di disturbi nel lavoro delle divisioni centrali o periferiche dell'ANS.