L'angiospasmo è un restringimento dei vasi sanguigni, dei capillari e delle piccole arterie, che porta a una violazione del metabolismo dei tessuti e della circolazione sanguigna. L'uomo moderno conduce uno stile di vita attivo. Durante lo sforzo fisico, il suo battito cardiaco aumenta e la sua circolazione sanguigna viene attivata. Grazie alla sua elasticità, i vasi sanguigni sani forniscono un flusso sanguigno ininterrotto a tutti gli organi per il loro corretto funzionamento. Se si verifica uno spasmo e il lume della nave si restringe, il cervello riceve meno ossigeno. Ciò si riflette nella perdita di coscienza, mal di testa, nausea e vomito. Quindi, il cervello segnala un'anomalia nel corpo. L'angiospasmo era considerato una malattia degli anziani, ma anno dopo anno, la malattia è "più giovane". La ragione è lo stress costante, lo stile di vita moderno e le condizioni ambientali sfavorevoli. Un ruolo importante in questo è giocato dall'ereditarietà e dalle malattie del passato.

Sintomi e segni di angiospasmo

I sintomi caratteristici di quasi tutte le manifestazioni di angiospasmo comprendono mal di testa, che è spremere e spasmi pressanti localizzati nelle tempie, negli occhi, nella fronte o nella parte posteriore della testa. A poco a poco, il dolore si diffonde su tutta la testa. Inoltre, una persona può apparire segni:

  • rumore nelle orecchie e nella testa;
  • nausea o vomito;
  • vertigini;
  • comparsa di mosche negli occhi e oscuramento;
  • disorientamento o perdita di coscienza;
  • deterioramento della memoria;
  • prestazioni ridotte e fatica

Le cause dell'angiospasmo vascolare includono le malattie:

  1. Cambiamenti aterosclerotici nei vasi.

La parete del vaso è costituita da fibre elastiche, che sono ben compresse e allungate. Con l'aterosclerosi si depositano placche e sali di colesterolo e questo viola la sua struttura.

  1. Osteocondrosi del rachide cervicale.

Le spine formate sulla colonna vertebrale esercitano una pressione sui vasi e impediscono il flusso sanguigno. Questo porta a uno spasmo riflesso.

  1. Malattie endocrine associate a disturbi ormonali.
  2. Stress e superlavoro
  3. Emorragie nel cervello, durante le quali le navi, cercando di fermare l'emorragia, si sono significativamente ristrette.
  4. Malattie cardiovascolari
  5. Infiammazioni delle pareti vascolari - vasculite.
  6. Tumori al cervello
  7. Lesione cerebrale traumatica.

Fenomeno dell'angiospasmo

Grave angiospasmo

La costrizione dell'arteria cardiaca porta all'angina pectoris con caratteristici attacchi prolungati e gravi a riposo. L'angiospasmo severo è caratterizzato da pressioni e dolori di taglio dietro lo sterno, che compaiono spesso al mattino presto o di notte quando sono in posizione orizzontale. A questo punto, il cardiogramma mostrerà anomalie quando le arterie coronarie non sono bloccate e non vi sono segni di carenza di ossigeno per il miocardio. Spesso questo è preceduto da un piccolo esercizio.

Angiospasmo moderato

Per moderare le angiospasmi dei vasi di piccolo e medio calibro si ha lo spasmo delle gambe dei grandi vasi. Questo è caratterizzato dal fatto che le gambe prima diventano pallide, poi diventano blu, e poi c'è rossore. Spesso si stancano e si congelano, c'è zoppia e dolore.

L'angiospasmo retinico moderato è un leggero restringimento del calibro dei vasi che nutrono l'occhio. È il risultato di disturbi somatici nel corpo.

Angiospasmo periferico

L'angiospasmo o il vasospasmo periferico si verificano più spesso e si verificano sullo sfondo della distonia vascolare e si manifesta in diverse varietà:

  • spasmi degli arti superiori;
  • livedo neurale - una malattia che si verifica nelle ragazze e nelle donne. L'area interessata diventa di colore bluastro e la pelle intorno diventa pallida. Quando i sintomi dell'ipotermia peggiorano e nella stagione calda scompaiono;
  • l'acrocianosi è una malattia che si manifesta durante la pubertà ed è accompagnata da intorpidimento delle estremità e sudorazione;
  • nelle malattie polmonari e nell'insufficienza cardiaca cronica;
  • i brividi appaiono in tempo freddo sotto forma di sigilli bluastri sul viso, mani, piedi e dietro le orecchie;
  • La sindrome di Raynaud è uno spasmo in cui ci sono tre fasi: ischemia, cianosi e iperemia. Nella prima fase, le piccole arterie si contraggono e il lume dei capillari si restringe. Nel secondo, c'è stagnazione di sangue nelle venule, arastovenosi anastomosi e capillari. Durante la terza fase, i vasi sono reattivamente dilatati. Tutto ciò è accompagnato da una violazione della sensibilità.

Molto spesso, l'angiospasmo periferico è associato a un tono capillare alterato, situato sulla pelle. Si verificano in presenza di fattori negativi: condizioni meteorologiche, situazioni stressanti, cambiamenti nello stile di vita.

Trattamento angiospasico

Il trattamento dell'angiospasmo deve iniziare con un esame approfondito per identificare le cause e la selezione dei metodi di trattamento. Per ogni paziente è diverso. In molte istituzioni mediche sono dapprima prescritte la scansione fronte-retro, l'ecografia Doppler, l'ecografia e la misurazione della tensione dell'ossigeno attraverso la pelle. Gli spasmi delle gambe e delle mani sono trattati dall'esposizione a una debole corrente eclettica. Il corso è progettato per le procedure di venti minuti per due settimane. Se compaiono ulcere e necrosi, alle aree viene applicato unguento anti-infiammatorio e cicatrizzante. Il trattamento può essere molto lungo, a volte fino a un anno. In alcuni casi, il trattamento farmacologico non aiuta e ricorre all'intervento chirurgico. Durante la simpatectomia, le fibre nervose vengono fissate con una clip. A volte devono essere cancellati. Inoltre, viene utilizzata la plasmaferesi. Come trattamento terapeutico misure utilizzando antispastici.

A casa, per alleviare l'angiospasmo, puoi preparare tu stesso la medicina. Per fare questo, versare un cucchiaio di foglie di vinca con trecento millilitri di acqua bollente e tenere per un quarto d'ora a bagnomaria. Raffreddare, filtrare e prendere un bicchiere tre volte al giorno.

Ecco alcuni suggerimenti per un rapido sollievo dal dolore:

  1. Tieni i piedi per tre minuti in acqua fredda.
  2. Lavare con acqua fredda.
  3. Sdraiati e appoggia la testa sul cuscino.
  4. Bevi venti gocce di valeriana o trenta gocce di Corvalol.
  5. Per gravi crampi alla testa, prendi aspirina, nurofen o spazgan.
  6. Massaggiare il collo e le tempie.
  7. Bevi un bicchiere di acqua tiepida con miele.

Nella dieta includono noci, cipolle, carote, biancospino e miele. Mangia meno spezie, sale e grassi.

Angiospasmo cerebrale

Il deterioramento dell'ambiente, in cui vi è una grande quantità di tossine e un ridotto contenuto di ossigeno, porta al fatto che l'angiospasmo cerebrale può apparire nelle persone già in giovane età. In precedenza, questa malattia è stata diagnosticata negli anziani a causa di una diminuzione dell'elasticità vascolare.

Ci sono diverse cause della malattia. Questo è superlavoro e frequente mancanza di sonno e osteocondrosi. In un fumatore, la probabilità di spasmi aumenta più volte rispetto a un non fumatore. Il mal di testa può essere sia moderato che molto grave. La maggior parte del dolore si avverte nelle tempie, sul collo e sulla fronte e può essere scatenata da una situazione stressante o dalle condizioni meteorologiche. Lunga permanenza al freddo senza un copricapo o abuso di alcool porta anche a angiospasmo. I sintomi principali sono:

  • mal di testa;
  • bassa o alta pressione sanguigna;
  • nausea;
  • vertigini;
  • disturbi della parola e della memoria

L'afflusso di sangue e la nutrizione della testa possono essere interrotti a causa del restringimento dei fori basilari nella colonna cervicale o del restringimento delle vertebre. Uno spasmo dei vasi sanguigni della testa è una malattia molto grave. È necessario eseguire una risonanza magnetica del collo e della testa, nonché degli ultrasuoni del rachide cervicale.

Angiospasmo del trattamento dei vasi cerebrali

Sulla base dei risultati dell'esame e dei test, è prescritto un trattamento. Per il trattamento della malattia di base, i vasodilatatori sono prescritti per migliorare l'apporto di sangue al cervello, l'assorbimento di ossigeno e per alleviare gli spasmi.

Aiuto e ricette della medicina tradizionale. Le cariche di brodo di valeriana, anice, motherwort e achillea prendono i primi segni e bevono durante il giorno.

L'infusione di impacchi di ghiaccio di piantaggine, erba di San Giovanni e dente di leone allevia rapidamente il dolore.

Per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, strofinare e mescolare un chilo di miele, cinque limoni, cinque teste di aglio. Miscelare mettere in un barattolo e conservare in frigorifero per una settimana. Poi ogni mattina per un mese, prendi due cucchiai.

Prendi prima dei pasti due mesi di decotto di timo e aglio.

Anche l'automassaggio della regione temporale, occipitale e della fronte è molto efficace. Gli oli di lavanda e gelsomino hanno un effetto calmante.

Rafforza i vasi sanguigni contribuisce a decotti di betulla, ortica, biancospino, rosa canina. Bevili al posto del tè in due corsi settimanali più volte all'anno. Smetti di fumare e alcol. Escludere dalla dieta di caffè, cibi grassi, affumicati e salsicce. La base della dieta dovrebbe essere cibi contenenti magnesio, potassio, calcio. Queste sono prugne, mele, uvetta, legumi. Mangiare albicocche secche, frutta, pesce, cavolo di mare, zucca. Bevi un giorno almeno due litri d'acqua.

Angiospasmo cerebrale

L'angiospasmo cerebrale è un restringimento dei vasi cerebrali, che presenta vari e pronunciati sintomi. Possono apparire simultaneamente, sostituendosi l'un l'altro, intensificarsi con un generale peggioramento della salute. Spesso sono di origine neurologica e dipendono dall'area dell'ischemia. Le caratteristiche principali includono:

  • mal di testa che sono localizzati in diverse aree;
  • fischio e tinnito;
  • affaticamento rapido e perdita di prestazioni;
  • oscuramento degli occhi quando si è sdraiati;
  • diminuita sensibilità o indolenzimento di una metà del corpo;
  • aumento della sudorazione;
  • cambiamento di polso e diminuzione in pressione arteriosa;
  • mosche e stelle negli occhi;
  • svenimento;
  • disturbi del linguaggio;
  • la memoria decade

Se le condizioni meteorologiche sono cambiate drasticamente o hai passato una notte insonne, al mattino con una forte inclinazione della testa potrebbe verificarsi un mal di testa. Provi un senso di pressione, forte compressione e pesantezza.

Nei bambini, l'angiospasmo cerebrale è caratterizzato da una diminuzione dell'appetito, sorprendente nel sonno. Deve essere notato in tempo e consulterà un medico per evitare la comparsa di neuropatia, sordità e ritardo mentale.

Angiospasmo retinico

La patologia dei vasi oculari oggi è la più significativa in oftalmologia. Quando si verifica l'angiospasmo della retina, l'arteria della retina o dei suoi rami si restringe senza cambiamenti nei vasi. Questa malattia si verifica nell'ipertensione, nella malattia di Raynaud, nell'avvelenamento da nicotina. A causa dell'ostruzione dell'arteria centrale, la sfocatura degli occhi, è possibile la comparsa di mosche nere e disturbi visivi. Nella fase iniziale, si avvertono irritazione e frequenti lampeggiamenti. La causa della malattia è una lunga visione della TV, sonno insufficiente e illuminazione insufficiente. Durante l'esame, il fondo dell'occhio può essere normale o potrebbe esserci un restringimento di alcuni o un ramo dell'arteria. Sullo sfondo dei cambiamenti aterosclerotici, talvolta viene rilevata la sclerosi della retina.

Per alleviare un attacco, è necessario assumere farmaci vasocostrittori, sedativi o disidratanti. Il trattamento viene eseguito congiuntamente da un oculista, neurologo e terapeuta. Se l'angiospasmo è causato da avvelenamento o eclampsia, è necessario il ricovero urgente.

Angiospasmo degli arti inferiori

Quando angiospasmo dei vasi degli arti inferiori lo spasmo delle arterie principali. Questo si manifesta sotto forma di un sintomo di gambe pallide di alabastro. In medicina, questa è chiamata la "gamba del comandante". Durante uno spasmo, la gamba diventa pallida, la pelle diventa blu e diventa rossa. Il pallore è causato da un improvviso deflusso di sangue. Il blu è dovuto alla mancanza di ossigeno e quando la circolazione sanguigna viene ripristinata, la gamba diventa rossa. Questa condizione può durare da venti minuti o più. Se l'angiospasmo è inibito, può portare a cianosi distale quando la pelle diventa color marmo. Dopo la cianosi, si può sviluppare un edema tissutale. In una fase successiva, potrebbero svilupparsi processi necrobiotici.

Angiospasmo di cosa si tratta

ANGIOSPASMO (angiospasmus, angeion greca - vaso e spasmo - spasmo) - restringimento patologico del lume delle arterie con una forte restrizione o addirittura cessazione del flusso sanguigno in esse a causa di contrazioni eccessive dei muscoli vascolari per queste condizioni emodinamiche. La conseguenza immediata dell'angiospasmo è l'ischemia tissutale nel pool di arterie spasmodiche. Questo angiospasmo differisce dalla vasocostrizione fisiologica, che fornisce una riduzione adeguata (per alcune condizioni emodinamiche) del flusso sanguigno capillare.

contenuto

Storia di

Claude Bernard (1851) fu uno dei primi ad osservare l'angiospasmo in un esperimento, irritando i rami del nervo simpatico con una corrente galvanica. Entro la fine del 19 ° secolo, vi era un'idea del ruolo dell'angiospasmo nel verificarsi di disturbi circolatori transitori in un certo numero di condizioni patologiche, che era ampiamente distribuito tra i medici all'inizio del 20 ° secolo. Ciò è stato facilitato, in particolare, dall'introduzione nella pratica clinica di metodi per lo studio del tono vascolare, le cui violazioni potrebbero essere spiegate da una parte di disturbi emodinamici clinicamente evidenti, determinati da studi morfologici.Inoltre, molti sintomi clinici nell'ipertensione, aterosclerosi, vasculite, nevrosi autonomica non erano sempre giustificati spiegato come manifestazioni di angiospasmo. E ora il termine "angiospasmo" viene a volte usato inutilmente ampiamente. Il più delle volte viene erroneamente utilizzato nei seguenti casi: 1) per spiegare la natura di eventuali disturbi circolatori regionali acuti, sebbene non siano escluse altre cause probabili (ipotensione delle arterie o delle vene, stasi ematica, emorragia, ecc.); 2) riferirsi a vasocostrizione fisiologica o addirittura aumento fisiologico del tono delle arterie senza restringere il lume; 3) per spiegare la natura della riduzione stabilita del flusso sanguigno attraverso il corpo, senza eccezioni, la connessione di questa diminuzione con altre cause (diminuzione della pressione arteriosa centrale, otturazione organica del lume delle arterie e altri). A volte non si tiene conto del fatto che anche il restringimento transitorio visibile dell'arteria (con capillaroscopia, osservazione diretta dei vasi attraverso la finestra nell'esperimento, con angiografia, ecc.) E l'ischemia transitoria non sono sempre causati dall'angiospasmo; possono essere, in particolare, una conseguenza dello shunt di sangue attraverso anastomosi artero-venose prossimali al restringimento osservato della nave.

A causa dell'iperbolizzazione del ruolo dell'angiospasmo nella patologia delle misure terapeutiche volte ad eliminare sospette angiospasmo, esse non sono sempre efficaci o peggiorano la condizione dei pazienti; d'altra parte, le proprietà antispasmodiche sono attribuite a un numero di farmaci solo sulla base del loro effetto terapeutico in condizioni che non sono considerate come manifestazioni di angiospasmo.

Lo studio del ruolo clinico dell'angiospasmo nella patologia della circolazione sanguigna nei singoli organi umani è metodologicamente molto difficile. Ciò si applica in particolare all'angiospasmo cerebrale e allo spasmo delle arterie coronarie del cuore. Pertanto, i punti di vista sul ruolo dell'angiospasmo nelle malattie umane sono diversi. Per esempio, insieme alla visione tradizionale dell'angiospasmo come il principale anello nella patogenesi dell'angina, c'è una tendenza a negare completamente il suo ruolo patogenetico. Raab (W. Raab) ha definito il concetto di angiospasmo come applicato all'angina pectoris un'ipotesi temporanea, la cui necessità, a suo avviso, è scomparsa in relazione alla rilevazione dell'effetto sulla miocarditossia causata dalle catecolamine. Tuttavia, molti medici non possono spiegare alcuni casi di angina pectoris da qualsiasi altro motivo diverso vasocostrizione, e nella conferma del suo ruolo di un certo numero di argomenti, tra cui l'effetto positivo di aumento del flusso sanguigno coronarico dopo il myotropic amministrazione mezzi, come la papaverina in dosi che non influenza il metabolismo del miocardio. A.V. Smolyannikov e T.A. Naddachina (1963) descrivono i cambiamenti morfologici delle piccole e intramurali arterie del cuore, che sono considerati il ​​risultato e l'evidenza di disturbi funzionali della circolazione coronarica. Il ruolo dell'angiospasmo cerebrale non è stato completamente studiato. (vedi sotto). Lo studio delle arterie cerebrali e delle vene nelle crisi cerebrali vascolari mediante pletismografia orbitale ha mostrato che nei pazienti ipertesi (tra i reparti terapeutici), l'angiospasmo cerebrale come principale o come collegamento aggiuntivo nella patogenesi è osservato in meno del 15% di tutte le crisi.

I modelli sperimentali di angiospasmo sono riprodotti principalmente in specie animali che non sono caratterizzate da ipertensione e aterosclerosi e queste malattie sono spesso indicate come fattori che contribuiscono allo sviluppo dell'angiospasmo nell'uomo. Pertanto, non tutte le conclusioni sulla patogenesi dell'angiospasmo ottenute in modelli sperimentali possono essere accettate per l'analisi, patologia della circolazione sanguigna negli esseri umani, sebbene i meccanismi più comuni per la regolazione del tono vascolare nell'uomo e negli animali siano gli stessi. Apparentemente, in particolari condizioni patologiche, le reazioni arteriotiche fisiologiche possono essere la base per lo sviluppo dell'angiospasmo nel cervello, associato, in particolare, a una ridotta autoregolazione del flusso sanguigno cerebrale. Così, è noto che l'aumento fisiologico del tono delle arterie del cervello, che impedisce un eccessivo flusso sanguigno, è osservato negli umani con un aumento della pressione sanguigna o nella creazione di un ostacolo al deflusso dalle vene della testa (negli animali, questa reazione è stata notata da G. I. Mchedlishvili e L. G. Ormodadze) risposta ad un aumento della pressione in uno dei seni venosi. Pertanto, l'angiospasmo cerebrale, a differenza di altre cause di crisi cerebrale nell'ipertensione, è di solito osservato in pazienti con pressione arteriosa alta sostenuta durante un forte aumento di ipertensione, oppure si sviluppa nella fase culminante di una crisi causata dalla congestione nelle vene del cervello. Non sono stati ottenuti modelli completamente simili di tali angiospasmi negli esperimenti su animali. Essendo funzionale in natura, l'angiospasmo si sviluppa non solo con i disturbi primari della regolazione vasomotoria esterna (nervosa e umorale); in alcuni casi, a quanto pare, determina la dinamica clinica delle malattie vascolari organiche (aterosclerosi, trombosi, embolia, ecc.), in cui lo sviluppo dell'angiospasmo è facilitato da un cambiamento nella reattività della parete vascolare colpita. Quest'ultima circostanza ha un particolare significato clinico. Si presume che l'angiospasmo da stimoli esterocettivi o dovuto a riflessi viscero-addominali si sviluppi più facilmente sui vasi alterati; sono inoltre possibili reazioni vasomotorie pervertite a stimoli fisiologici (ad es. angiospasmo in risposta alla stimolazione del calore) e agenti farmacologici.

Nel caso dell'angiospasmo, si nota il ruolo dell'intossicazione e dei rischi professionali: fumo, intossicazione da piombo, disolfuro di carbonio.

Per l'angiospasmo alle estremità, che spesso riflette gli stadi iniziali dell'angiopatia organica (vedi Angiotropononosi, malattia di Raynaud), si nota il ruolo patogenico del congelamento e del raffreddamento ripetuto.

patogenesi

L'angiospasmo può verificarsi solo nelle arterie, la cui parete contiene uno strato muscolare ben sviluppato, che supera la pressione intravascolare riducendo e limita nettamente il lume della nave. Tale riduzione del lume viene ottenuta mediante un ispessimento dell'intima della nave a causa di un significativo accorciamento del perimetro del mezzo, delle bobine di membrana elastica interna e dei progetti dell'endotelio nel lume della nave.

Se in condizioni normali nelle cellule della muscolatura liscia vascolare sotto l'influenza di stimoli contrattili, ci sono due processi coniugati - contrazione e necessariamente rilassamento dopo di essa, poi durante il rilassamento angiospasico viene disturbato e, di conseguenza, l'arteria rimane a lungo in uno stato di restringimento acuto. La contrazione muscolare a lungo termine viene eseguita con costi energetici. Anche un'angiospasmo acuto, difficile da eliminare nella vita, scompare naturalmente dopo la morte, quando il metabolismo nella parete arteriosa si arresta. Pertanto, è impossibile rilevare l'angiospasmo reale durante l'autopsia dei cadaveri (solo i cambiamenti ischemici nei tessuti causati da loro durante la vita) rimangono, che è stato uno dei motivi per negare la possibilità di angiospasmo, per esempio, nel cervello.

L'angiospasmo può basarsi su due varianti patogenetiche. Vasocostrizione sorge vuoi quando eccessiva stimolazione vasocostrittrice nervo parete arteriosa o modo particolarmente umorale (ad esempio vasocostrizione delle arterie della retina e il cervello all'inizio di un attacco di emicrania), o cambiando la funzione stessa della parete arteriosa in modo che anche ordinario effetto vasocostrittore provocano la riduzione di tipo vasocostrizione. I cambiamenti locali organici, metabolici e funzionali nei tessuti svolgono spesso un ruolo cruciale nella patogenesi dell'angiospasmo. Quindi, lo spasmo delle arterie cerebrali è spesso osservato vicino ad aneurismi o emorragie subaracnoidee; nella malattia di Raynaud, le pareti delle arterie digitali diventano altamente sensibili agli effetti del freddo a causa di disturbi locali, poiché l'angiospasmo si verifica anche dopo la denervazione vascolare.

Non tutte le arterie possono essere ugualmente inclini all'angiospasmo. Quando l'angiografia viene rilevata nell'angiografia radiocontrastica nel cervello, nel cuore e negli arti, l'angiospasmo si localizza principalmente nelle arterie di grosso calibro. Tuttavia, l'angiografia radiopaca non può essere considerata un metodo adeguato per lo studio dell'angiospasmo, in particolare, perché finora non esistono sostanze di contrasto genetico indifferenti ai vasi che non causano reazioni vascolari. Nella pratica clinica, i sintomi di angiospasmo si osservano principalmente nelle arterie di medio calibro. Apparentemente, la propensione all'emergenza dell'angiospasmo dipende dalle caratteristiche funzionali delle arterie, in particolare dal loro tipico comportamento funzionale nella regolazione della circolazione sanguigna. In generale, l'angiospasmo dovrebbe svilupparsi più facilmente in quelle parti del sistema vascolare in cui l'innervazione vasocostrittore è meglio sviluppata, dove agenti vasocostrittori endogeni agiscono più fortemente (catecolamine, serotonina, vasopressina altri) o fattori ambientali fisici (a freddo) e, infine, dove la vasocostrizione è un tipo tipico reazioni vascolari in condizioni fisiologiche e patologiche.

A causa della mancanza di metodi adeguati per studiare l'angiospasmo e la mancanza di conoscenza dei meccanismi di contrazione della muscolatura liscia, la patogenesi dell'angiospasmo nella maggior parte degli organi rimane poco studiata fino a poco tempo fa. È noto che la causa dell'angiospasmo può variare in diverse parti di una complessa catena di processi che implementano il meccanismo di contrazione e rilassamento della muscolatura liscia vascolare. Sulla base dei dati sperimentali disponibili nella patogenesi dell'angiospasmo, si distinguono i seguenti possibili meccanismi:

1. Stimolazione della sintesi intensiva ea lungo termine di sostanze vasocostrittrici endogene come l'alfa-adrenomimetica (vedi Catecolamine), serotonina (vedi), ecc. Nella parete arteriosa, che porta alla sua riduzione a lungo termine. Ad esempio, in relazione all'arteria carotide interna, è stato dimostrato che la sua angiospasmo può verificarsi a seguito della mobilizzazione della serotonina nella parete arteriosa sotto l'influenza di proteine ​​estranee che circolano nel lume vascolare.

2. Disturbo della normale distruzione di sostanze vasocostrittore endogene nella parete arteriosa, per esempio, in violazione della funzione della monamina ossidasi, che distrugge le catecolamine e la serotonina (nell'esperimento si ottiene mediante inibizione farmacologica della monamina ossidasi, ad esempio iproniazide o nialamide).

3. Violazione della normale funzione delle membrane muscolari. Nel muscolo non controllato, le membrane sono polarizzate a causa del trasferimento attivo degli ioni attraverso di loro (potassio - all'interno della cellula, sodio - all'esterno). La depolarizzazione della membrana è uno dei legami essenziali nel processo che precede la riduzione dei miofilamenti, dopodiché, a causa del trasporto di ioni attivo (operazione "pompa di sodio-potassio"), la polarizzazione della membrana viene ripristinata (ripolarizzazione) ei miofilamenti si rilassano. Se i processi che portano alla ripolarizzazione delle membrane muscolari sono violati, la parete arteriosa rimane contratta a lungo. Tali disturbi possono dipendere da alterazioni patologiche o legate all'età nelle membrane delle cellule muscolari lisce vascolari, compromissione delle reazioni enzimatiche che trasportano attivamente gli ioni di potassio e di sodio attraverso le membrane cellulari e la rottura di altri processi coinvolti nella ripolarizzazione della membrana.

4. Violazione del normale trasporto di ioni di calcio nelle cellule muscolari lisce. Dopo la depolarizzazione delle membrane muscolari, gli ioni di calcio vengono trasportati all'interno dei miofilamenti e causano il loro accorciamento: le cellule muscolari lisce si contraggono, cioè gli ioni di calcio sono la contrazione del meccanismo di innesco ("innesco"). La successiva rimozione di ioni calcio dai miofilamenti provoca il processo del loro rilassamento. Pertanto, gli ioni calcio alterati dai miofilamenti (dovuti a disfunzione della "pompa di calcio") possono causare angiospasmo. Si trova che l'effetto antispasmodico di alcuni farmaci, per esempio. la papaverina, la metilxantina (teofillina, caffeina e altri) si ottiene attraverso il rilascio di ioni calcio legati ai miofilamenti delle cellule arteriose della muscolatura liscia.

5. L'angiospasmo può anche dipendere dal rilassamento alterato dei miofilamenti a causa di cambiamenti nelle loro proteine. Le cause immediate di tali violazioni sono capite male.

Quadro clinico

I segni clinici dell'angiospasmo non sono specifici, sono associati alla sua localizzazione e consistono principalmente in disturbi della funzione del tessuto ischemico. Il grado di disturbi funzionali è proporzionale al grado e alla durata dell'angiospasmo.

Si ritiene che l'angiospasmo nel sistema delle arterie coronarie forma la clinica dell'angina pectoris (vedi) e possa essere la causa dell'infarto miocardico (vedi) con i suoi sintomi corrispondenti; spasmo dei vasi del mesenterio si manifesta rospo addominale (vedi); lo spasmo delle arterie cerebrali è alla base della patogenesi di alcune varianti di crisi cerebrali e ictus con sintomi caratteristici di disturbi neurologici focali. Lo sviluppo dell'angiospasmo negli organi muscolari è spesso espresso dal dolore nella zona ischemica con irradiazione nel corrispondente segmento di innervazione somatica.

Il corso di angiospasmo è il più studiato con la sua localizzazione nei vasi delle estremità. L'angiospasmo a breve termine dell'arteria delle dita causa uno sbiancamento acuto e il raffreddamento del dito con una violazione del dolore e della sensibilità tattile dalla parestesia locale all'anestesia. Tale combinazione di sintomi è caratterizzata come un "dito morto" (digitus mortus). Sintomi simili si sviluppano sull'intero arto con angiospasmo delle sue arterie, di solito accompagnando il loro danno organico. L'alabastro (come nelle statue) pallore della gamba, che si sviluppa in questi casi, è un sintomo, indicato come "il piede del comandante". Nel caso di angiospasmo prolungato delle arterie delle estremità, si osserva la comparsa di cianosi distale, talvolta uniformemente distribuita, talvolta sotto forma di una maglia cianotica, creando l'impressione di una pelle di marmo. La comparsa di cianosi è causata dalla paresi venosa venosa nella zona ischemica e si nota solo quando è possibile che il sangue entri attraverso le anastomosi dalle vene in cui il flusso sanguigno continua, o se si mantiene un flusso minimo di sangue capillare a causa della parziale pervietà delle arterie spastiche. In caso di digitus mortus, la cianosi è solitamente assente, ma spesso si verifica durante l'ischemia di ampie parti degli arti. A seguito di cianosi, si sviluppa un edema tissutale dovuto ad un aumento della permeabilità capillare per le proteine ​​a causa dell'ipossia della membrana. Nella fase successiva, i processi necrobiotici si sviluppano: quanto prima, tanto più ampio è il divario tra la necessità di ossigeno del tessuto e la quantità di flusso sanguigno. Nel muscolo cardiaco, dove il bisogno di ossigeno è alto, si sviluppano focolai di distrofia dopo alcuni minuti di ischemia.

La diagnosi

La diagnosi di angiospasmo negli organi interni è fatta secondo la dinamica dei sintomi caratteristici dell'ischemia acuta (angina pectoris, rospo addominale). L'angiospasmo periferico è oggettivamente riconosciuto da una diminuzione della temperatura locale, la cui entità è determinata solo dall'intensità dell'afflusso arterioso.

La diagnosi differenziale di angiospasmo con forme di ischemia di natura organica è difficile, specialmente nei casi in cui l'angiospasmo si sviluppa sullo sfondo delle angiopatie ostruttive. Come test differenziale, vengono studiate le dinamiche del flusso sanguigno sotto l'influenza di stimoli termici (per angiospasmo alle estremità) e agenti farmacologici. Nella genesi mista di ischemia, la quota di angiospasmo in essa è determinata dal grado di aumento del flusso sanguigno in risposta all'effetto vasodilatatore. Nell'ambito clinico, la pletismografia (vedi), la reografia (vedi), la termometria locale sono utilizzate per diagnosticare angiospasmo di diversa localizzazione.

L'angiospasmo cerebrale è un restringimento delle arterie cerebrali che porta alla malnutrizione del tessuto nervoso del cervello.

Dall'inizio del secolo scorso, lo spasmo dei vasi cerebrali ha iniziato a spiegare la patogenesi delle crisi cerebrali (vedi).

A partire dagli anni '20 di questo secolo, questa teoria è stata oggetto di critiche, poiché non c'erano prove convincenti della possibilità di uno spasmo delle arterie cerebrali. La teoria dell'angiospasmo cerebrale è in contrasto con la teoria dell'insufficienza cerebrovascolare, proposta nel 1951 da Denny-Brown (D. Denny-Brown), secondo la quale la circolazione cerebrale transitoria e persistente non si basa sull'angiospasmo, ma su insufficiente flusso sanguigno verso vasi cerebrali ristretti aterosclerotici durante una caduta della circolazione sanguigna. Questa teoria ha sostenitori e si basa su dati clinici, patologici e sperimentali, ma non può essere considerata universale.

Ad oggi, molte prove si sono accumulate a favore dell'esistenza di angiospasmi cerebrali e della loro importanza nella patogenesi dei disturbi della circolazione cerebrale. Negli esperimenti, attraverso l'osservazione attraverso la "finestra" del cranio, è stato dimostrato che gli effetti meccanici, chimici e un forte aumento della pressione sanguigna possono causare uno spasmo dei vasi cerebrali.

In emicrania, ipertensione e altre malattie, una persona può sperimentare uno spasmo di vasi della retina provenienti dal sistema dell'arteria carotide interna. Puoi pensare alla possibilità di fenomeni simili nei vasi del cervello. Spasmi di vasi cerebrali sono stati notati durante le operazioni sul cervello, così come durante l'angiografia cerebrale. Nell'aterosclerosi cerebrale, il grado di danno ai vasi cerebrali è diverso nelle diverse parti del cervello, e con i cambiamenti di contrasto nel vaso, rimane la possibilità di spasmo.

L'angiospasmo cerebrale può causare ischemia transitoria di un'area cerebrale; in altri casi porta alla plasmorragia nella parete di piccoli vasi con la successiva ialinosi, o provoca un rammollimento del cervello. Entrambi possono essere il risultato di una crisi ipertensiva.

Non tutti i casi di rammollimento ischemico nell'aterosclerosi cerebrale sono spiegati dal meccanismo dell'insufficienza cerebrovascolare. Alcuni di essi possono avere un'origine angiospastica, poiché durante l'esame dell'autopsia non vengono rilevate occlusioni nei vasi di alimentazione, la loro pervietà al flusso sanguigno viene preservata.

Nell'aterosclerosi, negli stadi successivi dell'ipertensione e in altre malattie vascolari del cervello, l'apparato nervoso dei vasi è interessato, possono verificarsi reazioni vasomotorie inadeguate, per lo più sotto forma di costrizione riflessa delle arterie del cervello e dei vasi sanguigni; a volte è anche possibile la loro estensione riflessa primaria. I fattori che causano l'irritazione dei recettori vascolari cerebrali non sono stati studiati. Questo può essere l'effetto di alta pressione sanguigna, microemboli, cambiamenti nella composizione del sangue e altro ancora.

In varie malattie, le crisi cerebrali hanno una diversa base patogenetica, che dovrebbe essere considerata quando si effettuano misure terapeutiche. Quindi, un certo numero di crisi cerebrali nell'ipertensione può essere basato sul meccanismo dell'angiospasmo cerebrale, e in aterosclerosi cerebrale in alcuni casi le crisi cerebrali sono di origine angiospastica, in altre - sono causate da insufficienza cerebrovascolare.

Trattamento e prevenzione

Il trattamento e la prevenzione dell'angiospasmo coincidono in parte con il trattamento e la prevenzione delle principali malattie che accompagnano l'angiospasmo (nevrosi, ipertensione, aterosclerosi, vasculite). Il fumo di tabacco è escluso. Risanamento di focolai infettivi. Quando l'angiospasmo sullo sfondo della pressione alta richiede un'efficace terapia antipertensiva (farmaci rauwolfii, α-metildopa, derivati ​​di guanetidina). La possibilità di angiospasmo come conseguenza del riflesso viscerovisceral dovrebbe essere considerata. Così, con la "sindrome colecisto-coronarica" ​​di S.Pietrokin, "gli attacchi di angina sono talvolta eliminati dopo colecistectomia.

Il sollievo diretto dell'angiospasmo ha le sue caratteristiche nelle sue forme individuali (vedi Crisi, malattia di Raynaud, Angina pectoris). Non esistono farmaci antispasmodici universali per le navi di tutte le aree. I farmaci vengono selezionati individualmente per ciascun paziente, tenendo conto delle differenze regionali nella reazione dei vasi sanguigni e della possibilità di una risposta paradossale agli agenti farmacologici. I nitriti, ad esempio, sono più efficaci per le angiospasmo coronarico, ma tendono a rallentare il flusso sanguigno nelle arterie cerebrali. Con angiospasmo cerebrale, la probabilità e il grado dell'effetto spasmolitico diminuiscono nella seguente serie di farmaci (per somministrazione endovenosa): Vincamina (alla dose di 10-20 mg); no-shpa (soluzione al 2% - 2-4 ml); papaverina (soluzione al 2% - 2 ml - lentamente!); caffeina (soluzione al 10% - 2-3 ml) o aminofillina (soluzione al 2,4% - 10 ml).

In caso di angiospasmo periferico, l'applicazione del calore (immersione di un arto dolente in acqua calda), blocco novocaine nella zona radice dei segmenti corrispondenti può essere testato, secondo le indicazioni - somministrazione intraarteriosa di una soluzione novocaina allo 0,25% (10 ml) o no-spits (2% soluzione - 3 mL).

prevenzione

La prevenzione dell'angiospasmo negli arti prevede l'eliminazione del ri-raffreddamento, l'allenamento delle reazioni vascolari ponendo alternativamente gli arti in acqua fredda e calda (la loro differenza di temperatura aumenta ogni giorno di 1 °) per 1-2 minuti ogni 5-6 volte durante una procedura (il corso continua da due a tre settimane); prescrizione di acido nicotinico, preparazioni pancreatiche (depot-padutin, incpanana), ATP, angiotropina.

I metodi di trattamento chirurgico (simpatectomia) e l'alcolismo dei nervi simpatici sono indicati principalmente per angiospasmo sullo sfondo delle angiopatie organiche (vedi Alcolizzazione, Simpatectomia).

bibliografia

Votchal B.Ye. e Zhmurkin V.P Alcuni dati sulla farmacodinamica del tono delle vene e delle arterie del cervello, Cor et vasa (Praha), Vol. 10, No. 1, p. 11, 1968, bibliogr. loro, Approccio farmacologico al problema della patologia del tono vascolare, Klin, medical, vol. 46, No. 10, p. 10, 1968, bibliogr. Mchedlishvili GI. Patogenesi dell'angiospasmo, Pat. Fiziol. e sperimentare. ter., № 2, p. 6, 1974, bibliogr. Somlyo A.P. a. Somlyo A. V. Muscolatura liscia vascolare, Pharmacol. Rev., v. 20, p. 197, 1968, bibliogr.

A. cerebrale

Bogolepov NK Crisi cerebrali e ictus, M., 1U71; Disturbi transitori della circolazione cerebrale, ed. R.A. Tkachev, M., 1967; Schmidt E. V. Stenosi e trombosi delle arterie carotidi e disturbi della circolazione cerebrale, M., 1963; Meyer, J., S., Waltz, A. G. a. Gotoh F. Patogenesi del vasospasmo cerebrale nell'encefalopatia ipertensiva, Neurologia (Minneap.), V. 10, p. 735, 859, 1960.

V.P. Zhmurkin; G. I. Mchedli-shvili (Pat. Phys.), R. A. Tkachev (Neur.).

Trattamento e cause di angiospasmi

Angiospasmo o spasmo dei vasi sanguigni è un restringimento del lume delle arterie dovuto a un'eccessiva contrazione prolungata delle pareti. Lo spasmo è temporaneo - fino a 20 minuti, ma le conseguenze in questo caso possono essere gravi.

Meccanismo del disordine

La base elettrochimica dello spasmo è ridotta a una rottura nel trasporto di ioni metallici - sodio, potassio e calcio. La mancanza di sodio e potassio porta ad una riduzione irregolare della muscolatura liscia, e l'afflusso di ioni di calcio contribuisce allo spasmo delle pareti e non riduce il tono muscolare.

L'angiospasmo vascolare è locale, solitamente nell'area dell'infiammazione, trombo, aneurisma e non si estende all'intero letto delle arteriole. Tuttavia, come risultato del restringimento del dotto, la sezione tissutale nella zona dello spasmo non riceve ossigeno e cibo in quantità sufficienti. Con ripetizione frequente di questo fenomeno si sviluppa l'ischemia.

Lo spasmo può avere natura fisiologica e patologica.

Spasmo fisiologico

Il restringimento del lume del vaso sanguigno è uno dei meccanismi protettivi del corpo. Con ferite aperte e ferite, lo spasmo arterioso riduce la perdita di sangue. Una volta raffreddato, il dissanguamento della periferia riduce la perdita di calore e consente di concentrarsi sul mantenimento degli organi interni più importanti.

In situazioni di stress - il pericolo, il restringimento delle arteriole consente di aumentare la pressione sanguigna. Allo stesso tempo l'adrenalina viene rilasciata nel sangue, mobilitando tutte le forze del corpo per la lotta imminente.

Spasmo patologico

La patologia è chiamata una reazione eccessiva a un fattore irritante che non è commisurato al grado di irritazione. Se durante il normale raffreddamento, l'aria calda provoca rapidamente la dilatazione dei vasi sanguigni, quindi lo spasmo patologico con gli stessi segni esterni - pelle bianca "alabastro", blu, diminuzione della temperatura cutanea, può verificarsi in qualsiasi momento ed è scarsamente associata alla temperatura dell'aria.

L'angiospasmo è il primo stadio di un malfunzionamento del sistema cardiovascolare. È impossibile ignorare i suoi segni, che sfortunatamente accadono abbastanza spesso: lo spasmo è di breve durata e quindi sembra innocuo.

In effetti, la "fame" periodica dei tessuti finisce in fallimento:

  • aumenta il gonfiore dei tessuti nella zona dello spasmo. Questo viola la permeabilità delle pareti dei capillari, che porta alla perdita di proteine;
  • le pareti di venule sono indebolite, la paresi vascolare è possibile, il che porta automaticamente alla compromissione della circolazione sanguigna;
  • più spesso si osserva la vasocostrizione, più pronunciati diventano i segni dell'ischemia. Possibile perdita parziale o totale della funzionalità degli organi e sviluppo di complicanze necrotiche.

A seconda della localizzazione della zona, si distinguono diversi tipi di angiospasmi:

  • spasmo della periferia vascolare - capillari, piccole arteriole. Le mani sono più sensibili a questo;
  • restringimento del canale principale delle navi - le conseguenze di tale spasmo sono molto più evidenti e molto più difficili;
  • angiospasmo coronarico;
  • angiospasmo cerebrale.

Il quadro clinico è associato all'organo ischemico e si manifesta come una mancanza della sua funzionalità.

Cause degli spasmi vascolari

Il meccanismo della malattia non è ben compreso. Inoltre, non è identico per le diverse regioni vascolari.

La causa dell'angiospasmo patologico non è chiara, sebbene siano identificati numerosi fattori che stimolano lo sviluppo della malattia:

  • Il fumo è uno dei fattori esterni più potenti. Il fumo porta a vasocostrizione costante e qualsiasi altro, il fattore più debole - un raffreddore, per esempio, può portare a spasmi;
  • intossicazione con composti di disolfuro di carbonio e piombo. Ora è abbastanza raro, come succede quando si è in contatto costante con sostanze tossiche;
  • aterosclerosi: è noto che le angiospasmo si verificano più spesso nel sito in cui sono presenti placche aterosclerotiche;
  • infiammazione dei vasi sanguigni di diversa natura;
  • i disturbi del regolamento nervoso sono il gruppo più esteso, poiché la causa delle violazioni può essere costituita da molti fattori di natura sia interna che esterna: dal fallimento del sistema endocrino a qualsiasi nevrosi.

Descrizione del sintomo

La manifestazione esterna della malattia è più evidente se associata a un restringimento dei capillari. In questo caso, l'area interessata acquisisce colore bianco alabastro. Gli spasmi di grandi vasi si notano solo con il deterioramento della funzionalità.

  • La sindrome angiospastica è caratteristica della malattia di Raynaud. A volte è chiamato il sintomo di "dita bianche". C'è un sanguinamento delle mani, mentre le dita diventano bianche, perdono la sensibilità, si raffreddano.
  • Mesh livedo - una sezione di pelle (di solito sui fianchi o sulle caviglie) acquisisce una tinta bluastra uniforme, a volte sotto forma di una rete, la pelle attorno all'area diventa pallida e fredda. Il bluastro è dovuto a paralisi venosa parziale. Successivamente, lo spasmo porta a un forte edema dell'area interessata e all'insorgenza di processi necrotici.
  • Lo spasmo dell'arteria principale è la "gamba del comandante". L'immagine è simile alla malattia di Raynaud, ma si estende a tutto l'arto inferiore. La gamba diventa bianca come la neve, la temperatura della pelle diminuisce notevolmente. In caso di spasmo prolungato, la pelle può acquisire una sfumatura bluastra a causa della paresi venosa.
  • I sintomi dello spasmo coronarico sono identici ai segni dell'angina pectoris: il dolore dietro lo sterno è prevalentemente a riposo, non il movimento, è parossistico.
  • L'angiospasmo cerebrale, di regola, accompagna l'aterosclerosi dei vasi cerebrali, tuttavia, appare per altri motivi. I suoi sintomi sono dovuti alle aree del cervello interessate.

Trattamento della malattia

L'automedicazione è esclusa. Gli spasmi vascolari nella maggioranza assoluta dei casi sono associati ad alcune altre malattie e non sono tanto un disturbo indipendente quanto l'accompagnamento. Senza un esame approfondito e una diagnosi per sbarazzarsi della malattia non ci riuscirà.

Se possibile, applicare un trattamento conservativo. Si è concluso nei seguenti eventi:

  • trattamento della malattia di base - aterosclerosi, processi infiammatori, ipertensione;
  • ripristino della normale regolazione nervosa;
  • eliminazione degli effetti dell'ischemia temporanea.

Va notato che nel trattamento di eventuali disturbi associati al lavoro del sistema circolatorio, la partecipazione del paziente è di grande importanza.

Una sufficiente attività fisica, l'uso di procedure fisiologiche - elettroforesi, bagni di ozocerite, bagni di idrogeno solforato, non solo hanno un effetto benefico sulla condizione, ma aiutano anche significativamente i farmaci.

Il segreto è molto semplice: il movimento attiva la circolazione sanguigna e la possibilità e il rischio di spasmi si riducono significativamente.

I farmaci sono prescritti in accordo con la localizzazione della malattia. Quindi, in caso di angiospasmo cerebrale, vengono utilizzati farmaci antispasmodici - No-shpa, papaverina, in caso di spasmo coronarico - nitroglicerina. Per alleviare i sintomi, vengono prescritti farmaci che sono antagonisti del calcio, verapamil, prevenendo così l'afflusso di ioni di calcio alle cellule delle pareti.

L'intervento chirurgico viene eseguito con l'inutilità del conservatore.

Le nostre navi

Trattamento e prevenzione delle malattie vascolari

Sintomi e trattamento delle angiospasmo vascolare

L'angiospasmo vascolare è un restringimento del loro lume, che dura non più di venti minuti. La ragione per il restringimento dei vasi sanguigni è la loro costante riduzione in un dato momento. Questo processo può essere una normale reazione a fattori esterni e interni che influenzano il corpo e patologici, a causa di una malattia o condizione acquisita.

Norma angiospasmica

Ogni organismo vivente ha i suoi meccanismi di adattamento necessari per un'ulteriore sopravvivenza. L'uomo non fa eccezione. La vasocostrizione si manifesta con danno tissutale traumatico, che consente di evitare una grande perdita di sangue e quindi contribuisce alla sopravvivenza. L'angiospasmo cerebrale può verificarsi anche quando esposto a fattori freddi, impedendo il trasferimento eccessivo di calore. Cambiamenti nel tono della parete vascolare si verificano anche durante i processi infettivi nel corpo umano, che impedisce la diffusione di agenti infettivi e dei loro metaboliti, limitando così il processo infettivo. In tali condizioni, l'angiospasmo non richiede trattamento o correzione, in quanto è uno dei meccanismi protettivi di una persona.

Angiospasmo in patologia

Le reazioni patologiche sono chiamate reazioni eccessive a fattori irritanti che non corrispondono al grado di irritazione. Con lo spasmo prolungato dei vasi, la regolazione della loro attività si rompe, che alla fine porta all'ischemia di organi e tessuti. Un esempio è l'effetto del restringimento della parete vascolare sul cervello, gli occhi, il cuore, gli arti superiori e inferiori, i vasi periferici. Tale condizione richiede un trattamento immediato da parte di specialisti appropriati.

Cause che possono portare al vasospasmo

Oggi i medici non conoscono la causa esatta dell'angiospasmo. Ma gli scienziati hanno identificato i fattori che contribuiranno allo sviluppo di questo stato. Questi fattori includono:

  1. Fumo di tabacco Nella composizione del fumo di tabacco è la nicotina, che colpisce il tono della parete vascolare, restringendo il suo lume. Nei fumatori cronici, questi cambiamenti sono pronunciati.
  2. Intossicazione da piombo e suoi composti. Il piombo contribuisce al restringimento del lume del vaso. Fortunatamente, questa è una condizione piuttosto rara. La maggior parte dell'intossicazione da piombo viene rilevata nelle persone che hanno contatti con lui durante il loro lavoro.
  3. L'aterosclerosi. La malattia vascolare aterosclerotica è la principale causa di spasmo. La placca aterosclerotica restringe il lume dell'arteria, che porta allo spasmo.
  4. Processi infiammatori della parete vascolare. Nei processi infiammatori vengono rilasciate una varietà di sostanze che contribuiscono all'aumento della permeabilità della parete vascolare e al restringimento del suo lume. Questo alla fine porta all'angiospasmo.
  5. Disregolazione. Questi includono sia un disturbo nel sistema endocrino e un cambiamento nella regolazione nervosa. Le cause possono essere tumori cerebrali, nevrosi, malattie endocrinologiche. Identificare questi cambiamenti negli studi di laboratorio e strumentali, che sono condotti in cliniche specializzate.

Meccanismo di angiospasmo

Il corpo umano ha molte zone vascolari riflesse. Ogni zona vascolare è caratterizzata dalla presenza di un fattore specifico che porterà a una condizione patologica. Come risultato dell'azione di un fattore specifico, il trasporto di ioni attraverso la membrana cellulare delle cellule muscolari viene interrotto. Gli ioni di calcio si accumulano nello stesso tempo all'interno delle cellule, causando così e mantenendo uno spasmo vascolare. È caratteristico che questo stato possa avere un carattere locale (ad esempio, nell'occhio).

Sintomi di angiospasmo

I sintomi dello spasmo vascolare dipendono dalla posizione della lesione e dalla durata dell'esposizione. Si distinguono spasmi di vasi cerebrali del cervello, occhi, arti superiori e inferiori, vasi periferici e vasi coronarici.

Spasmo dei vasi cardiaci

Lo spasmo delle navi coronarie è chiamato un restringimento temporaneo e acuto del loro lume. Ad oggi, i medici non hanno appreso le cause esatte di questa condizione. Si ritiene che il fumo, lo stress e i cambiamenti nell'attività piastrinica abbiano un ruolo nello sviluppo dello spasmo. Manifestata con un dolore periodico nello sterno, una sensazione di paura. Questa condizione può portare a effetti avversi per la salute del paziente, pertanto la terapia dovrebbe iniziare il più presto possibile.

Oltre ai vasi coronarici, si nota una variazione del lume del muro dei capillari. A uno spasmo di vasi capillari è possibile rivelare cambiamenti caratteristici sull'elettrocardiogramma. Alcuni scienziati hanno suggerito che uno spasmo costante dei capillari del cuore porta a uno spasmo dei vasi corrispondenti.

Angiospasmo cerebrale

In genere, l'angiospasmo cerebrale si trova in persone di età superiore ai trenta anni. Le cause di questa condizione possono essere superlavoro, stress e osteocondrosi del rachide cervicale. Ci sono una serie di sintomi di angiospasmo cerebrale, che includono:

  1. Amnesia. Il grado di perdita di memoria dipende dalla durata dell'effetto dello spasmo. Più lungo è lo spasmo, maggiore è il grado di ischemia cerebrale.
  2. Perdita di orientamento nello spazio. Una insufficiente circolazione del sangue nel sistema cerebrale porta all'atassia cerebellare, che è caratterizzata da una perdita di orientamento nello spazio.
  3. Mal di testa. Il mal di testa può essere causato da stress o maltempo. Il dolore può essere grave o moderato. Molto spesso localizzati nella fronte, nell'occipite o nei templi. Inoltre, il mal di testa può essere localizzato su tutta la superficie della testa.
  4. Violazione dell'apparato vocale. Si manifesta con un discorso distorto o la sua assenza. Questa condizione è associata al danno ischemico ai centri di Broca e Wernicke nella corteccia cerebrale.
  5. Vertigini. Le vertigini sono un tipico segno di mancanza di ossigeno nel cervello.

Angiospasmo retinico

Il problema dei vasi oculari è il principale nell'oftalmologia. Nelle fasi iniziali della malattia, il paziente è preoccupato per il formicolio agli occhi e frequenti battiti di ciglia. Con la progressione dello stato appare nebbia negli occhi, mosche nere e disturbi visivi. L'angiospasmo vascolare retinico viene trattato congiuntamente da un neurologo, un oftalmologo e un terapeuta. Per alleviare i sintomi, applicare sedativi e farmaci disidratanti. Il trattamento deve iniziare il più presto possibile per prevenire cambiamenti irreversibili agli occhi.

Vasospasmo periferico

L'angiospasmo più comune è il vasospasmo periferico.

Il vasospasmo periferico è uno dei meccanismi più importanti nella perdita di sangue acuta. Il sangue scorre dalla periferia al centro, dove si trovano gli organi vitali più sensibili all'ipossia (cervello, cuore, ghiandole endocrine).

Sugli arti inferiori, lo spasmo è visibile ad occhio nudo ed è manifestato dal pallore della pelle, che poi diventa blu. Pallore è dovuto al deflusso di sangue nei vasi centrali e blu - a causa della mancanza di ossigeno. In definitiva, la mancanza di ossigeno nei tessuti porta alla loro graduale morte. Se identificate tali sintomi, dovreste immediatamente chiedere consiglio e trattamento da un medico.

Aspetti salienti del trattamento dello spasmo vascolare

Qualsiasi trattamento inizia con un sondaggio. Il medico deve scoprire la causa dell'angiospasmo e trovare il trattamento appropriato.

Sono prescritti antispastici (no-shpa, papaverina) e altri farmaci che alleviano i sintomi della malattia. Pertanto, questi farmaci prevengono lo sviluppo di malattie più gravi.

Se il trattamento conservativo non dà effetto, rivolgersi ai chirurghi. I chirurghi rimuovono parte dell'area vascolare riflessa, rimuovendo così lo spasmo.

Inoltre, Leggere Imbarcazioni

Calcificazione del cuore e dei vasi sanguigni: occorrenza, segni, diagnosi, trattamento

Nella vecchiaia e in determinate condizioni patologiche, nel corpo umano si accumula una quantità eccessiva di calcio, che non può espellere naturalmente.

Prolasso della valvola mitrale (MVP) 1 grado: che cos'è, sintomi e trattamento

Da questo articolo imparerai: cos'è il prolasso della valvola mitrale di 1 grado, le sue cause e sintomi. Trattamento e prognosi della malattia

Qual è il nome del dottore per le vene e i vasi sanguigni

I sistemi circolatorio e linfatico coinvolgono tutto il nostro corpo. Prima o poi, ogni persona ha problemi con certi tipi di vasi. Ci sono un numero enorme di tali malattie, congenite e acquisite, e abbiamo bisogno di specialisti diversi per il loro trattamento.

Quanto è pericoloso il prolasso della valvola mitrale durante la gravidanza?

Di grande importanza in ostetricia è una patologia somatica concomitante generale, che richiede un ostetrico-ginecologo e un medico di una specialità ristretta per lavorare insieme.

Emorragia oculare

Cos'è l'emorragia negli occhi?Danni ai piccoli vasi sanguigni dell'occhio causano arrossamento degli occhi o emorragia. A seconda della posizione della nave danneggiata, si distinguono:

Emorragia cerebrale: tipi, manifestazioni, cause e conseguenze

L'emorragia intracerebrale è una condizione pericolosa per la vita caratterizzata dalla fuoriuscita di sangue dai vasi cerebrali nel tessuto o nei ventricoli di quest'ultimo.