Ivan Drozdov 03/02/2017 0 commenti

L'aneurisma cerebrale è una formazione patologica localizzata sulle pareti dei vasi intracranici, tende a crescere e riempie di sangue la cavità. Il muro della nave colpita si gonfia, a seguito del quale inizia a fare pressione sui nervi e sui tessuti cerebrali situati nelle vicinanze, che sono responsabili dell'attività vitale e del funzionamento del corpo. Avendo raggiunto una grande dimensione, l'aneurisma può rompersi e portare alle conseguenze più difficili - un ictus con le conseguenti conseguenze, coma o morte.

Cause dell'aneurisma cerebrale

La formazione di aneurismi intracranici è quasi sempre associata a disturbi patologici dei tessuti vascolari. Le malattie acquisite o congenite contribuiscono alla distruzione delle pareti dei vasi sanguigni, riducono il tono e la delaminazione. I vasi indeboliti non sopportano la naturale pressione del flusso sanguigno, causando la formazione di aneurisma nel punto più sottile sotto forma di protrusione della parete con conseguente accumulo di sangue nella cavità.

I motivi principali che provocano la distruzione delle pareti vascolari e l'aspetto di un aneurisma intracranico includono:

  • Anomalie genetiche che si manifestano non solo come malattie congenite, ma anche acquisite.
  • Ipertensione. Le pareti dei vasi sanguigni perdono la loro elasticità e diventano coperte da microcracks a causa dell'eccessiva pressione del sangue su di loro. Con effetti patologici prolungati, può verificarsi la protrusione della parete della nave assottigliata e lo sviluppo dell'aneurisma come conseguenza.
  • L'aterosclerosi. L'aspetto delle placche aterosclerotiche e la distruzione delle pareti vascolari è spesso combinato con ipertensione arteriosa, aumentando così il rischio di aneurismi.
  • Lesione intracranica. Con CCT chiuso possono verificarsi danni alle arterie cerebrali sulla dura madre, con il risultato che gli aneurismi si sviluppano sulle loro pareti.
  • Infezioni cerebrali In questi casi, gli aneurismi sono una complicazione della malattia di base, ad esempio, meningite acuta, endocardite batterica o malattie fungine.
  • Embolia tumorale L'aneurisma appare sullo sfondo di una parziale sovrapposizione del letto vascolare con un pezzo di tumore, distaccato dal corpo dell'educazione.
  • Esposizione alle radiazioni

Se una delle malattie o condizioni descritte è suscettibile, una persona dovrebbe essere periodicamente esaminata da specialisti e, se necessario, sottoporsi a un trattamento. Un'analisi regolare dello stato dei vasi cerebrali consentirà di osservare lo sviluppo della patologia e prendere le misure appropriate.

Aneurisma cerebrale: sintomi

All'inizio della malattia, i sintomi di un aneurisma cerebrale sono lievi. Segni che sono spesso simili alle manifestazioni di malattie neurologiche, pochi prestano attenzione, mentre la malattia continua a svilupparsi. Se nella fase iniziale la patologia dei vasi cerebrali non è stata rilevata e come risultato di questo aneurisma aumentato a grandi dimensioni, il paziente inizia a mostrare sintomi più pronunciati di questa malattia:

  • Mal di testa. La pulsazione moderata, che è più spesso vista da un lato e nell'area delle orbite, si verifica quando l'aneurisma dei vasi passa attraverso i tessuti superficiali delle meningi. Se la patologia è localizzata nei tessuti interni del midollo, il dolore alla testa non può essere disturbato a causa dell'assenza di recettori del dolore in queste strutture.
  • Dolore in faccia. Il sintomo si verifica durante lo sviluppo di aneurisma nelle pareti dell'arteria carotide e la pressione sui processi del nervo facciale.
  • Disturbi visivi L'aneurisma, situato vicino ai nervi ottici, può comprimerli e causare danni alla vista. Se la malattia si sviluppa in prossimità del fascio del nervo ottico, il paziente può parzialmente perdere la vista o diventare cieco.
  • Convulsioni. Le contrazioni muscolari si verificano involontariamente quando schiacciate da grandi aneurismi dei tessuti dei grandi emisferi, responsabili delle funzioni motorie. Le convulsioni causate dall'aneurisma non sono simili alle crisi epilettiche, tuttavia la loro appartenenza alla malattia può essere diagnosticata solo durante un esame dettagliato.
  • Disturbi neurologici causati dalla compressione dei nervi cranici. Di conseguenza, il paziente può diminuire il gusto e l'udito, manifestare espressioni facciali compromesse e ptosi della palpebra superiore.
  • Attacchi transitori di tipo ischemico. A seconda della nave o dell'arteria, che è interessata da un aneurisma, il paziente sviluppa attacchi acuti di disturbi del flusso cerebrale, che durano fino a un giorno. Questo processo è accompagnato da vertigini (fino a perdita di coscienza), perdita di orientamento, diminuzione della memoria e della sensibilità, paralisi degli arti e alcune parti del corpo.

In una condizione prossima alla rottura di un aneurisma, la natura dei sintomi cambia nel paziente. L'intensità dei segni neurologici descritti aumenta, a seguito della quale il paziente avverte un notevole deterioramento della salute. In questa fase, l'accesso ai medici è già una misura urgente, altrimenti la rottura dell'aneurisma minaccia di conseguenze irreversibili e morte.

Tipi di aneurismi

Secondo i segni esterni e la struttura di sviluppo, ci sono 3 tipi di aneurismi intracranici:

Descrivi il tuo problema con noi, o condividi la tua esperienza di vita nel curare una malattia, o chiedi consiglio! Raccontaci di te proprio qui sul sito. Il tuo problema non sarà ignorato e la tua esperienza aiuterà qualcuno! Scrivi >>

  1. Bagular - una borsa rotonda con il sangue all'interno è attaccata alla parete del vaso con una base o una gamba. L'aspetto di questo tipo di aneurisma assomiglia a una bacca appesa a un ramo, quindi è chiamata "bacca".
  2. Laterale - ha l'aspetto di un tumore, situato direttamente sul muro della nave;
  3. A forma di fuso - situato nel luogo dell'espansione patologica dei vasi sanguigni all'interno.

Nel sito di localizzazione dell'aneurisma ci sono:

  1. Arterioso - si verificano in luoghi di vasi arteriosi ramificati a causa della loro espansione patologica.
  2. Artero - influenzare le pareti dei vasi venosi.

Dalla natura dell'origine dell'aneurisma cerebrale si divide in:

  1. Esfoliante - gli aneurismi si trovano direttamente nella parete del vaso a causa della sua separazione e infiltrazione di sangue attraverso le fessure.
  2. Vero - sorgono all'interno della nave a causa della sporgenza del muro.
  3. False - si formano dal lato esterno del vaso nella forma di una neoplasia vuota, mentre il sangue penetra attraverso microfessure o buchi nel muro.

Gli aneurismi del cervello sono classificati da altri segni. Quindi, dal numero di aneurismi sono multipli o singoli, dalla natura dell'apparenza - congenita o acquisita, in termini di dimensioni - piccola, media e grande. Se l'aneurisma ha origine sullo sfondo di un'infezione purulenta, allora si chiama micotico.

Rottura di aneurisma cerebrale e sue conseguenze

Con vasi eccessivamente sottili e sotto l'influenza di fattori provocatori in un paziente, la rottura dell'aneurisma può verificarsi con l'effusione di sangue nei tessuti circostanti. A seconda della posizione dell'aneurisma, l'emorragia può colpire il tessuto cerebrale, i suoi spazi busta e i ventricoli.

L'emorragia causata dalla rottura dell'aneurisma porta con sé alti rischi di blocco dei canali di conduzione dei liquidi e di ristagno del liquido del liquore. Il cervello si gonfia e il sangue che si è diffuso attraverso i tessuti cerebrali nel processo di disintegrazione provoca lo sviluppo del processo infiammatorio e della necrosi. Di conseguenza, le parti del cervello che muoiono gradualmente cessano di trasmettere segnali ai sistemi e agli organi vitali e il loro lavoro cessa.

La rottura dell'aneurisma cerebrale è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Mal di testa intenso Il sangue versato nel tessuto cerebrale irrita i nervi che si trovano lì, provocando insopportabili dolori alla testa.
  • Nausea e improvviso rush di vomito.
  • Perdita di coscienza Si manifesta sullo sfondo di un netto aumento di ICP, provocato dall'effusione di sangue, formazione di ematoma e gonfiore del cervello.
  • Segni neurologici che indicano irritazione del rivestimento del cervello. Tali sintomi includono la comparsa di fotofobia, tensione muscolare nel collo, nella schiena e nelle gambe. In quest'ultimo caso, il paziente non può toccargli il petto con il mento e sedersi.

Quando l'aneurisma si rompe, il rischio di morte è estremamente alto.

Anche se una persona può essere salvata e fornita con una condizione stabile, c'è un'alta probabilità di complicazioni dopo l'emorragia subaracnoidea:

  • ri-rottura dell'aneurisma;
  • accumuli di liquidi nelle strutture cerebrali (cidrocephaly) causati dalla sovrapposizione dei canali conduttivi;
  • ischemia cerebrale con una bassa probabilità di morte.

Le complicazioni che si verificano dopo la rottura dell'aneurisma dipendono anche dal grado di danno cerebrale. Quindi, il paziente può manifestare:

  • disturbi del linguaggio - dopo l'emorragia nell'emisfero sinistro, la parola diventa confusa, sorgono problemi con la scrittura e la lettura;
  • disturbi del sistema motorio, paralisi degli arti - con lesioni del midollo spinale;
  • diminuzione del riflesso della deglutizione - l'assunzione di cibo è significativamente ostacolata, il cibo invece dell'esofago penetra nel tratto respiratorio, provocando così lo sviluppo di processi infiammatori nei polmoni;
  • instabilità psicoemotiva, manifestata sotto forma di attacchi di aggressività, rabbia o, al contrario, infantilismo, apatia, paura agghiacciante;
  • diminuzione della percezione - in una persona viene disturbata la percezione spaziale degli oggetti che lo circondano (ad esempio, è difficile per lui entrare nella porta o versare il tè nella tazza);
  • deterioramento cognitivo - manifestato sotto forma di menomazione della memoria, declino mentale e pensiero logico;
  • disturbi psicologici - una persona che ha avuto in precedenza un aneurisma rotto, è spesso disturbata da stati d'animo depressivi e su questo sfondo, insonnia si sviluppa, perdita di appetito, apatia verso gli eventi attuali;
  • mal di testa - attacchi ricorrenti sotto forma di forti pulsazioni o lombalgia, che sono difficili da rimuovere con antidolorifici, peggiorano la salute e riducono le prestazioni;
  • attacchi epilettici si verificano in ogni 5 ° paziente che hanno subito la rottura di un aneurisma.

Molto spesso, le funzioni cerebrali perse non possono essere ripristinate, tuttavia, la riabilitazione competente e il monitoraggio regolare da parte di specialisti ci consente di migliorare l'attività cerebrale e raggiungere un completo self-service.

Trattamento dell'aneurisma cerebrale

Per il trattamento dell'aneurisma vengono utilizzati due metodi principali: chirurgico e conservativo. Se un aneurisma cerebrale è di piccole dimensioni e non ha la tendenza a crescere, viene osservato dagli specialisti attraverso una diagnosi regolare e viene prescritto un farmaco di supporto. Con una crescita intensiva e la minaccia di una rottura dell'istruzione, si consiglia al paziente di sottoporsi a un intervento chirurgico.

Con un trattamento conservativo, al paziente vengono prescritti farmaci con un'azione mirata a ridurre l'impatto dell'aneurisma sul tessuto circostante e rimuovere i sintomi patologici:

  1. Farmaci vasodilatatori (Nimodipina) - prescritti per prevenire gli spasmi vascolari, la loro espansione e migliorare il flusso sanguigno attraverso le arterie del cervello.
  2. Farmaci antiipertensivi (Captopril, Labetalolo) - mostrati con pressione alta per alleviare il tono della parete vascolare. Quando l'aneurisma che assume farmaci aiuta ad alleviare la tensione del muro dell'educazione e quindi a ridurre il rischio della sua rottura.
  3. Anticonvulsivi (Fenozepam) - effetto rilassante sulle cellule nervose, con conseguente riduzione della velocità di trasmissione degli impulsi nell'area problematica.
  4. Farmaci da prescrizione antidolorifici (morfina) - prescritti per mal di testa insopportabili in terapia intensiva e sotto il controllo dei sistemi del corpo vitale. I farmaci in questo gruppo contribuiscono alla dipendenza, quindi vengono utilizzati in casi eccezionali.
  5. Pillole antiemetiche (Metoclopramide) - indicato quando la condizione peggiora con periodi di vomito.

Va ricordato che è impossibile curare l'aneurisma dei vasi cerebrali in modo conservativo, i farmaci a base di farmaci possono solo ridurre il rischio della sua rottura.

Se la formazione sta crescendo rapidamente e mette sotto pressione il tessuto adiacente, allora è necessario ascoltare l'opinione degli esperti e, in assenza di controindicazioni, accettare l'operazione.

Rimozione dell'aneurisma cerebrale, chirurgia

L'intervento chirurgico comporta il rischio dello sviluppo di complicazioni successive, ma sono molte volte inferiori rispetto alle minacce che si verificano quando l'aneurisma cerebrale si rompe.

A seconda delle prove, delle condizioni generali, della posizione e del grado di minaccia alla vita, al paziente viene prescritta una delle seguenti procedure chirurgiche:

  1. Operazione aperta (kranitomy). Il metodo prevede l'apertura del cranio nel luogo di localizzazione dell'aneurisma e l'uso di uno dei tipi di trattamento:
    • Ritaglio - una clip di metallo viene posta sul collo dell'aneurisma senza bloccare la madre e rimuovere il sangue accumulato dalla cavità. Nel corso del tempo, la cavità dell'aneurisma viene sostituita dal tessuto connettivo, che impedisce la successiva penetrazione di sangue in esso.
    • Shunting: la nave danneggiata viene bloccata e il flusso sanguigno viene reindirizzato a una nave artificiale situata accanto ad essa (shunt).
    • Rafforzamento delle pareti - la nave danneggiata nel sito dello sviluppo dell'aneurisma è avvolta in uno speciale materiale chirurgico, in conseguenza del quale si forma una sorta di capsula nell'area del problema.
  2. Embolizzazione endovascolare La procedura viene eseguita in un modo minimamente invasivo senza la necessità di aprire il cranio. Usando l'angiografia, un catetere flessibile viene guidato attraverso il vaso sanguigno verso l'aneurisma. Dopo di ciò, una spirale metallica viene inserita nella cavità di formazione, che blocca il lume del vaso e impedisce quindi l'ingresso di sangue all'interno. Il vantaggio del metodo è l'assenza della necessità di un intervento aperto, allo stesso tempo, gli svantaggi includono l'incapacità di rimuovere il sangue accumulato nella cavità dell'aneurisma e lo sviluppo di spasmi vascolari come reazione a un corpo estraneo.

Nonostante la progressività di quest'ultimo metodo, la spirale può deformarsi nel tempo e aprire il lume, con il risultato che l'apporto di sangue all'aneurisma viene ripristinato e inizia a crescere. In tali casi, si consiglia al paziente di ripetere l'operazione.

Riabilitazione dopo chirurgia aneurisma cerebrale

Il periodo di recupero dopo l'intervento chirurgico dipende da diversi fattori: l'età del paziente, il tipo di aneurisma e le strutture cerebrali che ha colpito, la professionalità dei chirurghi che eseguono l'operazione e il grado di complicazioni che potrebbero verificarsi durante il suo funzionamento.

Fino a quando lo stato si stabilizza nel periodo postoperatorio, il paziente è in ospedale e sotto la supervisione di neurochirurghi, è in terapia farmacologica. A seconda dello stato di salute e degli indicatori in ospedale, può rimanere da 3 a 30 giorni. Dopo questo periodo inizia il periodo di riabilitazione.

Per una riabilitazione efficace, il paziente può aver bisogno di fino a 2 anni, durante i quali il trattamento è raccomandato in sanatori specializzati sotto la supervisione di medici e psicologi della riabilitazione. Durante questo periodo, le misure di supporto e riabilitazione sono prescritte da corsi con una pausa tra di loro in poche settimane. A seconda del grado di danno alle strutture del cervello con la persona che ha subito l'operazione, specialisti a stretto profilo sono impegnati ad aiutarlo a ripristinare le funzioni perdute di parola, scrittura, lettura, cammino.

Le misure riabilitative efficaci prescritte dopo la rimozione di un aneurisma intracranico includono procedure di fisioterapia che possono essere suddivise in due gruppi:

  1. effetti tattili sul tessuto muscolare e sui vasi sanguigni che sono stati danneggiati durante l'intervento chirurgico o l'emorragia;
  2. l'uso di tecniche strumentali per la stimolazione dei tessuti interessati dalla chirurgia.

Il primo gruppo comprende:

  • massaggio terapeutico delle aree problematiche - cintura della spalla, area del collo, testa, arti;
  • agopuntura;
  • terapia fisica, compreso il lavoro con i simulatori, se dopo l'operazione le funzioni motorie sono compromesse.

Di tutte le tecniche strumentali dopo la rimozione dell'aneurisma cerebrale, vengono utilizzati i seguenti:

  • elettroforesi utilizzando soluzioni medicinali;
  • stimolazione muscolare;
  • UHF secondo indicazioni;
  • bagni di ossigeno, bromo o idrogeno solforato.

Su base individuale, un riabilitatore può modificare l'elenco delle procedure mediche a seconda di come l'attuale corso della terapia influisce sul corpo.

Conseguenze di aneurisma cerebrale e prognosi

Un paziente con diagnosi di aneurisma cerebrale deve comprendere che un ritardo nel trattamento può minacciare una rottura, un'emorragia subaracnoidea e gravi conseguenze: dalla perdita di alcune funzioni vitali fino alla morte.

Quando viene rilevato un aneurisma prima della rottura, il paziente ha una possibilità, se non per un completo recupero, quindi per un significativo prolungamento della vita. La prognosi di sopravvivenza dopo l'intervento chirurgico è in media di 10 anni e la frequenza può variare in base all'età, alla resistenza del corpo, alla struttura e alla posizione di un aneurisma remoto.

Un aneurisma cerebrale rotto peggiora significativamente la prognosi di sopravvivenza ed è espresso nei seguenti risultati medi:

  • morte nel 10% dei casi prima dell'arrivo dei medici, nel 5% - dopo l'intervento chirurgico, nel 50% - entro 30 giorni dalla rottura;
  • la formazione di ematoma intracranico nel 22% dei pazienti sopravvissuti che hanno avuto emorragia subaracnoidea;
  • deflusso di sangue nei ventricoli del cervello nel 14% dei pazienti, che in metà dei casi porta alla morte.

I rischi di morte aumentano di parecchie volte se un grande aneurisma si trova in uno stadio acuto o si verifica un'emorragia ripetuta.

Di tutti i pazienti sopravvissuti dopo la rottura dell'aneurisma, solo il 30% è in grado di mantenersi autonomo, mentre possono avere disturbi della funzione cerebrale a seconda del sito dell'emorragia:

  • violazione della percezione;
  • diminuzione delle funzioni cognitive (memoria, pensiero, capacità di sviluppo mentale);
  • cambiamenti nelle qualità comportamentali e nel background psico-emozionale;
  • violazione delle funzioni vocali, uditive e visive;
  • convulsioni epilettiche, paralisi corta.

Sentiti libero di porre le tue domande proprio qui sul sito. Ti risponderemo! Fai una domanda >>

La prognosi per la rottura di un aneurisma cerebrale dipende da diversi fattori: l'età del paziente, la posizione dell'aneurisma, il grado di versamento e la pronta assistenza dei medici.

aneurisma

Aneurisma - l'espansione della nave in qualsiasi area con diradamento e indebolimento della sua parete, causata da alterazioni patologiche o anomalie di sviluppo. Il cuore ha una struttura muraria fondamentalmente simile con vasi grandi ed è anatomicamente e fisiologicamente integro con essi, quindi il termine "aneurisma" è ugualmente applicabile a cambiamenti simili nei vasi e nel cuore. La presenza di un aneurisma è pericolosa perché la nave in questo luogo può rompersi in qualsiasi momento, causando un sanguinamento o emorragia massiccia nell'organo parenchimale. La cupola dell'aneurisma è solitamente strappata, come la sua zona più fragile.

Le conseguenze della rottura di aneurismi del cervello, del cuore e degli aneurismi aortici sono particolarmente gravi. Essendo un posto conveniente per la formazione di coaguli di sangue, l'aneurisma aumenta significativamente il rischio di ictus ischemico e attacchi cardiaci, che possono essere una conseguenza della separazione di un coagulo di sangue dalla sua parete. La morte improvvisa in questo caso può verificarsi a causa di embolia polmonare. Spesso le placche aterosclerotiche sono alla base dell'aneurisma. Aneurismi anche piuttosto grandi spesso non vengono diagnosticati fino al momento del trauma, quindi, gli studi vascolari preventivi sono di grande importanza nella prevenzione delle complicanze.

Cause di aneurisma

Le cause dell'aneurisma non sono completamente investigate e numerosi studi condotti in quest'area ci permettono di chiamare questa patologia multi-vettore. Ad esempio, sotto l'influenza di fattori negativi, la patologia congenita progredisce. L'ipertensione può essere la base per lo sviluppo di aneurisma di nuovo - sullo sfondo di altre influenze. Lo sviluppo di aneurisma può causare lesioni, infezioni, ipertensione, ma più spesso l'aneurisma si sviluppa a causa dell'aterosclerosi o della deficienza genetica ereditaria del collagene. Gli aneurismi nella prima infanzia sono solitamente causati da anomalie dello sviluppo. Sono diagnosticati durante l'infanzia, ma il più delle volte l'aneurisma gap si sviluppa all'età di 40-60 anni.

Normalmente, i vasi sanguigni umani sono formati da tre strati: tessuto connettivo, strato muscolare e membrana elastica. Quando due di loro sono assenti a causa di patologie congenite o sotto l'influenza di altre cause, e la parete del vaso è rappresentata solo dal tessuto connettivo, si gonfia sotto l'influenza del flusso sanguigno. Si forma una capsula separata o si trasforma una parte della nave, che successivamente lo rende soggetto a una rottura improvvisa seguita da emorragia. La conseguenza della rottura dell'aneurisma è un'emorragia subaracnoidea non traumatica, poiché molto spesso la rottura avviene con le arterie che raggiungono e penetrano nel cervello.

I fattori di aneurisma includono:

  • Sindrome di Marfan,
  • displasia fibrosa,
  • Sindrome di Ehlers-Danlos
  • Sindrome di Erdheim
  • carenza di elastina ereditaria;

lungo corso di malattie croniche:

  • malattia del rene policistico
  • ipoplasia dell'arteria renale,
  • coartazione dell'aorta,
  • ipertensione e altre malattie cardiovascolari;
  • lesioni arteriose meccaniche;
  • interventi operativi;
  • embolia batterica, micotica, tumorale;
  • aterosclerosi, ialinosi della parete vascolare;
  • effetti delle radiazioni sul corpo (compresa la terapia antitumorale).
  • Sintomi di aneurisma

    L'aneurisma dei vasi sanguigni si espande gradualmente, avviene per tensione delle pareti assottigliate con corrente crescente di sangue pulsante. L'aneurisma è costituito da collo, corpo e cupola. Il collo è la sua parte più forte, dove sono conservati tutti e tre gli strati di cellule. Il corpo è un'estensione, una protrusione ed è già formato da uno strato e termina con una cupola, la parte più sottile della protuberanza. Nel sacco aneurisma, il flusso sanguigno rallenta ed è significativamente diverso da quello nel letto arterioso distale. Ciò è dovuto al fatto che, entrando nella cavità aneurismatica, il sangue scorre lungo le pareti e il flusso centrale è trattenuto dal meccanismo di turbolenza e dalla presenza di masse trombotiche nell'aneurisma.

    La formazione e la presenza di un aneurisma è solitamente asintomatica e si osserva una compromissione del benessere in relazione a una rottura improvvisa di un aneurisma o uno stato di eccedenza con il suo sangue vicino a quello. Di solito, il corpo reagisce negativamente a un aumento della pressione, quando il flusso di sangue in vasi indeboliti aumenta, quindi la rottura è più probabile.

    Le ragioni per la rottura dell'aneurisma sono considerate:

    • ipertensione;
    • flusso sanguigno turbolento caratteristico dei punti di biforcazione arteriosa o delle loro curve;
    • fumo, abuso di alcool;
    • esercizio eccessivo;
    • sovraccarico emotivo;
    • gravidanza e parto.

    La rottura dell'aneurisma si manifesta con sintomi percettibili, che non solo sono impossibili da ignorare, ma anche impossibili:

    mal di testa con le seguenti caratteristiche:

    • paragonabile a un colpo improvviso,
    • forte, palpitante nella parte posteriore della testa,
    • carattere caldo e scoppiante;
  • nausea e vomito ripetuto;
  • agitazione psicomotoria;

    coscienza alterata con le seguenti caratteristiche:

    • durata variabile - sia a breve che a lungo,
    • in vari gradi - come lieve annebbiamento della mente e coma atonico;
  • ipertermia;
  • torcicollo;
  • fotofobia e rifiuto del rumore.
  • Tale quadro clinico è tipico per i pazienti reclutati ¾. A seconda della posizione dell'aneurisma e del tipo della nave danneggiata, sono possibili sintomi specifici: dal danno alla funzione visiva a stati convulsi e coma.

    Tipi di malattia

    La localizzazione dell'aneurisma crea la base per un'ampia classificazione di questa patologia:

    • Aneurisma vascolare cerebrale;
    • Aneurisma aortico;
    • Aneurisma del cuore;
    • Aneurisma vascolare periferico;

    Per origine, gli aneurismi sono divisi in congeniti e acquisiti. A seconda della forma, ci sono aneurismi diffusi e sacculari.

    Aneurisma vascolare cerebrale

    La parte principale degli aneurismi cerebrali si trova nel bacino del circolo di Willis (circolo arterioso della base del cervello grande). Di solito, esiste un solo aneurisma cerebrale, sebbene possano esserci aneurismi a più camere multiple o accoppiati. Spesso, gli aneurismi cerebrali sono asintomatici per un periodo piuttosto lungo, e solo il raggiungimento di dimensioni molto grandi può causare sintomi non specifici. I sintomi di un grande aneurisma in una nave cerebrale sono simili ai sintomi di un tumore al cervello in quanto esercitano una pressione costante sulle strutture cerebrali circostanti. Una persona può soffrire di menomazione visiva, comparsa di allucinazioni visive e illusioni, compromissione della coordinazione e dell'equilibrio, paresi di una mano, disturbi della parola, mal di testa continui o ricorrenti e sofferenza della sfera emotiva-volitiva. Essendo un deposito di sangue, un aneurisma ruba anche alcune parti del cervello e può causare disturbi neurologici transitori o causare ictus ischemico.

    Circa il 30% dei pazienti dopo un aneurisma cerebrale rotto muore entro le prime tre settimane. La metà di tutti coloro che avevano rotto gli aneurismi muoiono durante la prima metà dell'anno a seguito di una recidiva di emorragia. Il trattamento di aneurismi intatti può essere sia conservativo che chirurgico. Se c'è un aneurisma inferiore a 10 mm, non ci sono fattori di rischio per disturbi emodinamici e danni alla parete vascolare (aterosclerosi, pressione arteriosa alta o instabile, fumo, ecc.), Oltre i 60 anni, le condizioni del paziente vengono monitorate e allo stesso tempo prescritte farmaci attività.

    Il trattamento chirurgico è possibile mediante accesso intravascolare, microchirurgia endoscopica o sul cranio aperto, a seconda della posizione e della dimensione dell'aneurisma. Molto spesso durante un'operazione, una clip viene posizionata sul collo alla base dell'aneurisma, che esclude l'aneurisma dal sangue e contribuisce alla sclerosi delle sue pareti. È possibile eseguire un'operazione per riempire l'aneurisma con un pallone ad aria o bobine di platino.

    Quando l'aneurisma si rompe, il volume dell'operazione aumenta. Oltre ad applicare una clip, controllano gli spazi cerebrali e rimuovono i coaguli di sangue, se è presente un ematoma, vengono anche rimossi e viene stabilito un drenaggio esterno durante le emorragie cerebrali. Per il trattamento di pazienti di età superiore a 75 anni quando la rottura dell'aneurisma senza emorragia massiva, è preferibile l'accesso chirurgico intravascolare.

    Aneurisma dell'aorta addominale

    Poiché l'aorta è la più grande nave del corpo umano, la sua parete è piuttosto densa e, quando è tesa, è soggetta a esfoliare nei suoi componenti: l'endotelio, lo strato muscolare, la guaina esterna del tessuto connettivo. L'aneurisma aortico spesso si presenta come un'area uniformemente allargata, sulla quale la parete può lacerarsi dall'interno e le masse trombotiche si depositano nello spazio tra gli strati. Un aneurisma sacculare può anche formarsi sull'aorta addominale. Con una tale educazione, una persona sentirà costantemente una sensazione di bruciore, un fastidioso dolore al petto o all'addome, una pulsazione nello stomaco, probabilmente una gamba fredda. L'aneurisma dell'aorta addominale fino a sette centimetri non può dare alcun sintomo, pur essendo un contenitore abbastanza grande per la formazione di coaguli di sangue e pericoloso in termini di sviluppo di un'emorragia massiccia.

    Quando rotture di aneurisma, dolore acuto nell'addome, regione lombare sinistra, compare il vomito. In caso di emorragia massiva, l'area dolente può espandersi in pochi minuti, scendendo fino alla regione pelvica, irritando i percorsi nervosi e cedendo alle gambe. L'impulso aumenta, la pressione sanguigna cala bruscamente, possono verificarsi svenimenti. Una complicazione di una rottura dell'aorta addominale può essere un ictus ischemico del cervello, a seguito di un forte calo della pressione sanguigna, ma più spesso colpisce i vasi degli arti inferiori e gli organi della cavità addominale.

    Trattamento chirurgico dell'aneurisma dell'aorta addominale. L'operazione consiste nell'asportazione dell'area danneggiata dell'aorta e nell'installazione di un difetto della protesi in atto. Le navi che sono partiti dall'aorta a questo punto sono impiantate nella protesi. Durante l'operazione, modificano artificialmente il ciclo di circolazione del sangue, chiudendolo sopra l'aorta addominale, quindi, dopo l'intervento chirurgico, possono verificarsi complicanze a livello dell'intestino, degli organi pelvici e dei reni a causa dell'ischemia prolungata. Inoltre, ad un certo momento dell'operazione, diventa necessario interrompere completamente la circolazione del sangue, che complica anche il recupero dopo l'intervento chirurgico.

    Complicanze che si trovano in difficoltà nel periodo postoperatorio: insufficienza renale, malattia infiammatoria pelvica, edema polmonare, atonia intestinale, edema cerebrale. Il cervello è più sensibile all'assenza di ossigeno e, nel periodo più difficile dell'intervento, viene rifornito di sangue attraverso le vene giugulari interne, mentre contemporaneamente somministrando farmaci per via endovenosa che riducono la necessità di tessuto nervoso in ossigeno (per prevenire l'atrofia della corteccia e delle strutture sottocorticali). Inoltre, per prevenire le violazioni della respirazione dei tessuti, al fine di rallentare i processi metabolici, il corpo del paziente viene raffreddato a 12 ° C per l'operazione. La diminuzione della temperatura corporea è un altro fattore che causa complicanze postoperatorie.

    Aneurisma del cuore

    L'aneurisma del cuore si forma nel sito di cardiosclerosi, post-infarto o infezione. La parete del cuore, soggetta a necrosi e restaurata dal tessuto connettivo, non resiste allo stesso carico di lavoro di uno strato muscolare a tutti gli effetti, ed è tesa sotto la pressione del sangue. Allo stesso tempo, i sintomi di insufficienza cardiaca aumentano: debolezza, gonfiore, ristagno dell'espettorato nei polmoni, mancanza di respiro, aumento della frequenza cardiaca al minuto. All'ecografia, tale sito è nettamente distinto da scarsa contrattilità, sporgenza del muro sotto forma di una borsa.

    Tali aneurismi sono classificati come subacuti (da due a sei settimane dopo un infarto) e cronici (da sei a otto settimane dopo un infarto). Più tardi si forma l'aneurisma, più forti sono le sue pareti e migliore è la prognosi del trattamento conservativo. Se un aneurisma cardiaco si sviluppa anche prima della formazione del tessuto connettivo a pieno titolo nel sito di necrosi (al momento di un attacco cardiaco o nelle prime due settimane), è considerato acuto ed estremamente pericoloso da rompere, il che porta sempre alla morte. I dolori di infarto durante lo sviluppo di un aneurisma acuto del cuore durano più a lungo, la loro intensità è più alta, sull'elettrocardiogramma i segni di un attacco cardiaco acuto persistono per un mese.

    Quando viene rilevato l'aneurisma di un paziente, il paziente viene trasferito a un rigoroso riposo a letto e vengono prescritti farmaci che riducono la frequenza, l'intensità delle contrazioni cardiache e la pressione sanguigna. Questo approccio aiuta a ridurre in modo significativo il carico sulla zona danneggiata del cuore e preparare in modo fluido il tessuto muscolare sano rimanente per nuove condizioni di lavoro. Un β-bloccante è prescritto per la selezione: Atenololo, Metaprololo, Propranololo, Nebivololo, ecc. Per il trattamento dei disturbi del ritmo, il farmaco di scelta è il Cordarone (Amiodarone). Tuttavia, tale trattamento di un aneurisma del cuore non può essere definito promettente e, se possibile, viene eseguito un intervento chirurgico per rimuovere l'aneurisma seguito dalla placca cardiaca. Durante l'operazione, così come quando si interviene nell'aorta, viene utilizzata la circolazione sanguigna artificiale. Un ostacolo al funzionamento del cuore può essere un'età avanzata, gravi malattie comorbili, estesi cambiamenti sclerotici dei ventricoli, un terzo grado di insufficienza cardiaca con lo sviluppo di cambiamenti distrofici in molti organi.

    Aneurisma vascolare periferico

    L'esistenza di aneurismi dell'arteria periferica è principalmente pericolosa per la formazione di grossi coaguli di sangue. Allontanandosi dal muro dell'aneurisma, un simile trombo può entrare nei vasi sanguigni degli organi vitali: cuore, cervello, reni, polmoni. L'aneurisma può pizzicare una vena che passa e causare la sua dilatazione varicosa, gonfiore dell'arto. Quando la pressione viene applicata a un nervo vicino, la neuropatia può svilupparsi. Come in altri casi, gli aneurismi vascolari periferici possono rompersi, causando emorragie nei muscoli, cavità, parenchima di organi. L'emorragia dall'aneurisma ai muscoli causa un forte dolore e assomiglia ad un ematoma bruscamente crescente. La temperatura dell'area danneggiata del muscolo sarà aumentata, ci sarà gonfiore. La condizione richiede un intervento chirurgico con ripristino dell'integrità della parete del vaso. Il sangue può essere versato nello spazio tra la fascia, e quindi l'ematoma verrà rimosso dal danno alla nave.

    I sintomi della presenza di un aneurisma periferico possono variare a seconda della sua posizione, dello stile di vita del paziente, dello sforzo fisico, della corporatura, ecc. Ad esempio, con un aneurisma dell'arteria poplitea, questa può essere una formazione pulsante sotto la pelle, che si abbassa quando la gamba è sollevata sopra il livello del bacino. Se il paziente ha una grande massa e una tendenza all'ipertensione, l'aneurisma popliteo può aumentare fino a raggiungere una dimensione che impedisce alla gamba di flettersi nell'articolazione. Tali aneurismi sono spesso multi-camera, con un gran numero di coaguli di sangue di varie dimensioni. Di solito, la rimozione chirurgica dell'aneurisma con l'applicazione di una clip o di una placca vascolare sugli arti è facile da implementare. In assenza della possibilità di un'operazione per qualsiasi motivo, viene mostrato l'uso regolare di farmaci che riducono la funzione di aggregazione del sangue: Eparina, Warfarin, Aspirina (scelta in base alla presenza di malattie concomitanti).

    Aneurismi viscerali dei vasi dell'intestino, reni, organi pelvici, fegato, milza, strappati, causano un quadro di un infarto emorragico dell'organo corrispondente. L'emorragia nell'organo provoca dolore acuto, alterazione della funzione degli organi, la successiva morte dell'area del parenchima, che è impregnata di sangue. Il trattamento comprende il ripristino chirurgico dell'integrità del vaso danneggiato e il trattamento conservativo con l'uso di farmaci che migliorano il metabolismo nei tessuti. Anche nella fase preospedaliera, è importante condurre un efficace sollievo dal dolore per prevenire lo shock.

    complicazioni

    L'aneurisma è pericoloso rischio di rottura in qualsiasi momento. Questo, a sua volta, causerà un forte sanguinamento o emorragia nel corpo, che è associato ad un alto rischio di morte. L'aneurisma dei vasi cerebrali può causare disturbi neurologici o provocare un ictus ischemico. Una complicazione di una rottura dell'aorta addominale può essere una lesione dei vasi degli arti inferiori, della cavità addominale o dell'ictus cerebrale ischemico.

    L'aneurisma del cuore, che si è sviluppato al momento di un infarto o nelle prime due settimane dopo di esso, è una rottura estremamente pericolosa, che porta sempre alla morte. Gli aneurismi dell'arteria periferica sono pericolosi a causa della formazione di grossi coaguli di sangue. Un coagulo di sangue può entrare nei vasi degli organi vitali. L'aneurisma può pizzicare una vena che passa e causare vene varicose, gonfiore dell'arto. Con la pressione sul nervo adiacente vi è il rischio di neuropatia.

    diagnostica

    La diagnosi mirata dell'aneurisma da sola viene eseguita di rado e di solito come parte di un'indagine completa, in parte presentata dai metodi strumentali usati in relazione alla determinazione della rottura dell'aneurisma. In relazione a un paziente che lamenta sintomi caratteristici della rottura dell'aneurisma o emorragia subaracnoidea non traumatica, applicare:

    • angiografia cerebrale - per determinare la presenza e le cause di emorragia; quando viene rilevato un aneurisma, consente di analizzare lo spasmo vascolare;
    • tomografia computerizzata - per determinare la presenza di emorragia e valutare la sua intensità, prevalenza, presenza e dimensione di ematoma intracerebrale o emorragia intraventricolare, fuochi di ischemia; se necessario, è possibile valutare la gravità e la natura dell'idrocefalo, sindrome della dislocazione;
    • tomografia a risonanza magnetica - per determinare la presenza di emorragia non solo in periodi acuti ma anche in periodi cronici subacuti, elimina la necessità di un'angiografia cerebrale invasiva in caso di controindicazioni (ad esempio, in caso di intolleranza allo iodio);
    • puntura lombare - per la determinazione dell'emorragia subaracnoidea dovuta alla rottura dell'aneurisma; il liquido cerebrospinale è ritirato, che è intensamente e uniformemente colorato con sangue il primo giorno dopo l'emorragia;
    • dopplerografia transcranica - per determinare la velocità del flusso sanguigno attraverso le arterie principali del cervello, la localizzazione dello spasmo, la dinamica del suo sviluppo e il grado di restringimento del lume dell'arteria.

    I sintomi della rottura dell'aneurisma assumono spesso la forma di "maschere" di altre malattie. La probabilità di una diagnosi errata o non tempestiva è spesso stimata al 25%. Tali malattie richiedono una diagnosi differenziale per escludere l'aneurisma, questi sono:

    • crisi ipertensiva,
    • emicrania,
    • intossicazione alimentare acuta
    • psicosi acuta
    • sciatica,
    • la meningite.

    Una visita tempestiva al medico, così come la sua rapida risposta al problema, significa alte possibilità di superare la crisi con prospettive favorevoli per il futuro.

    Trattamento dell'aneurisma

    L'aneurisma si riferisce al gruppo di malattie che possono essere superate solo attraverso l'intervento chirurgico. Il trattamento dell'aneurisma dipende dalla sua posizione, dalla presenza o dall'assenza di una lacuna, dal grado di danno alle aree vicine, dalle caratteristiche individuali dell'organismo, ma sarà sempre un'operazione.

    Lo scopo del trattamento chirurgico dell'aneurisma è l'escissione dell'area danneggiata della nave e la sua sostituzione con una protesi di plastica o un frammento di un vaso sanguigno da un'altra parte del corpo. Si raccomanda di dare la preferenza a condurre operazioni in centri vascolari specializzati con esperienza di tali operazioni, con indicatori minimi di mortalità, disabilità e complicanze.

    L'intervento chirurgico in caso di rottura dell'aneurisma dovrebbe essere il più urgente possibile al fine di escludere la nave danneggiata dal flusso sanguigno. Con aneurismi inesplosi, la tempistica dell'operazione non ha importanza, può essere eseguita nei prossimi anni.

    La presenza nel paziente di tali terribili complicazioni come una rottura dell'aneurisma, lo sviluppo dell'angiospasmo influenza notevolmente la scelta delle tattiche chirurgiche di successo. Quando si riattiva l'aneurisma, nel caso di una condizione compensata del paziente, viene mostrata un'operazione di emergenza per spegnere l'aneurisma dal flusso sanguigno.

    Ad oggi, due metodi sono utilizzati per disattivare gli aneurismi dal flusso sanguigno:

    1. microchirurgia aperta - eseguita da un neurochirurgo in anestesia generale utilizzando un microscopio operatorio e una tecnica microchirurgica.
    2. Intervento endovascolare - è prescritto per aneurismi di difficile localizzazione, in pazienti di età avanzata (oltre 75 anni) e con altri tipi di circostanze impossibili per il taglio dell'aneurisma.

    Il gruppo di interventi chirurgici palliativi include:

    • installazione di sensori di pressione intracranici,
    • drenaggio del sistema ventricolare del cervello,
    • installazione di sensori per microdialisi e tensione dell'ossigeno dei tessuti.

    Il primo giorno dopo l'operazione, e possibilmente di più, il paziente è nel dipartimento di neuroreanimazione. Qui la prevenzione di complicazioni è effettuata, tutti gli indicatori vitali sono attentamente controllati. Se la condizione viene valutata in modo soddisfacente, un giorno dopo il paziente può essere trasferito al reparto di neurochirurgia. Quando lo stato di salute peggiora e gli indici diminuiscono, viene prescritta una TC di emergenza del cervello, i cui risultati determinano ulteriori tattiche di trattamento, fino a re-operare.

    prevenzione

    Le misure per prevenire gli aneurismi includono l'eliminazione dei fattori di sviluppo dell'aterosclerosi (la dieta dovrebbe escludere le carni grasse, i cibi ipercalorici, smettere di fumare, mantenere uno stile di vita sano), controllare le malattie che possono scatenare l'aneurisma (ipertensione, diabete mellito). Un ruolo importante nella prevenzione delle complicanze degli aneurismi sono gli studi vascolari profilattici.

    Aneurisma dei vasi cerebrali: sintomi, cause, diagnosi, trattamento e prognosi

    Dieci minuti prima della fine della performance, durante il monologo finale di Figaro, Andrei Mironov fece un passo indietro, appoggiò la mano sul gazebo e cominciò ad affondare... Il suo amico e compagno Alexander Shirvindt lo afferrò e lo portò dietro le quinte, gridando: "Sipario!". Andrei Mironov fu portato in un ospedale locale, dove morì due giorni dopo senza riprendere conoscenza... Morì a causa di un aneurisma rotto dei vasi cerebrali.

    In Israele, l'aneurisma vascolare cerebrale può diagnosticare e guarire in modo affidabile. Lo so non solo dalla stampa e dai manuali medici.

    Sono un medico di famiglia israeliano. Molti dei miei pazienti israeliani sono stati curati e completamente liberati dell'aneurisma.

    Oggi questa malattia è curabile.

    Contenuto di un articolo sull'aneurisma cerebrale

    Cos'è un aneurisma cerebrale?

    L'aneurisma vascolare cerebrale (altrimenti noto come aneurisma intracranico) è una piccola formazione sul vaso sanguigno cerebrale che cresce rapidamente di dimensioni e si riempie di sangue. La parte convessa dell'aneurisma può esercitare pressione sul nervo o sul tessuto circostante del cervello, ma la rottura dell'aneurisma rappresenta un pericolo particolare, in conseguenza del quale il sangue penetra nel tessuto circostante del cervello (si parla di emorragia).

    Alcuni tipi di aneurismi, in particolare quelli di dimensioni molto ridotte, non portano a emorragie o altre complicazioni. L'aneurisma dei vasi cerebrali può verificarsi in qualsiasi area del cervello, ma, di regola, si trova nel sito del ramo dell'arteria dall'arteria, tra la superficie inferiore del cervello e la base del cranio.

    Quali sono le cause dell'aneurisma cerebrale?

    L'aneurisma dei vasi cerebrali può essere causato da anomalie congenite delle pareti dei vasi sanguigni. Inoltre, un aneurisma intracranico si verifica in persone con alcune malattie genetiche, come: malattie del tessuto connettivo, malattia del rene policistico, alcuni disturbi circolatori, come malformazioni congenite artero-venose (plessi patologici delle arterie e vene del cervello che compromettono la circolazione).

    Altre cause di aneurisma cerebrale includono lesioni alla testa o lesioni, ipertensione, infezioni, gonfiore, aterosclerosi (malattia vascolare accompagnata da deposito di colesterolo sulle pareti dei vasi sanguigni) e altre malattie del sistema vascolare, nonché: fumo e uso di droghe. Alcuni ricercatori ritengono che i contraccettivi orali possano aumentare il rischio di aneurisma.

    L'aneurisma risultante da un'infezione si chiama aneurisma infetto (micotico). Gli aneurismi associati al cancro sono spesso associati a tumori primari o metastatici della testa e del collo. L'uso di stupefacenti, in particolare l'uso frequente di cocaina, può portare a danni ai vasi sanguigni e portare allo sviluppo di un aneurisma cerebrale.

    Tipi di aneurismi

    Vengono determinati tre tipi principali di aneurisma cerebrale.

    L'aneurisma bagulare assomiglia ad una sacca di sangue arrotondata, che è attaccata da un collo o una base ad un'arteria o ad un ramo di un vaso sanguigno. Questa è la forma più comune di aneurisma cerebrale (noto anche come aneurisma a bacca, a causa della somiglianza esterna con la bacca che pende dallo stelo) che di solito si sviluppa nelle arterie della base del cervello. L'aneurisma bagulare si verifica più spesso negli adulti.

    Un aneurisma laterale appare come un tumore su una delle pareti di un vaso sanguigno, e un aneurisma a forma di fuso si forma come risultato dell'espansione della parete del vaso in una delle sue sezioni.

    Gli aneurismi sono anche classificati per taglia. I piccoli aneurismi hanno un diametro inferiore a 11 millimetri, gli aneurismi medi sono 11-25 millimetri e gli aneurismi giganti hanno un diametro superiore a 25 mm.

    Chi è a rischio?

    L'aneurisma dei vasi cerebrali può verificarsi a qualsiasi età. Questa malattia è più comune negli adulti che nei bambini ed è leggermente più comune nelle donne che negli uomini. Le persone con determinate malattie ereditarie sono a più alto rischio.

    Il rischio di rottura ed emorragia nel cervello esiste per tutti i tipi di aneurisma cerebrale. Ci sono circa 10 rotture di aneurisma riportate ogni 100.000 persone all'anno, ovvero circa 27.000 persone all'anno negli Stati Uniti). Molto spesso, l'aneurisma colpisce persone di età compresa tra 30 e 60 anni.

    L'ipertensione, l'abuso di alcol, la tossicodipendenza (in particolare l'uso di cocaina) e il fumo possono anche contribuire alla rottura degli aneurismi. Inoltre, le condizioni e le dimensioni dell'aneurisma influenzano anche il rischio di rottura.

    Qual è il pericolo dell'aneurisma cerebrale?

    Una rottura dell'aneurisma porta a sanguinamento nel cervello, causando gravi complicazioni, tra cui: ictus emorragico, danni al sistema nervoso o morte. Dopo la prima pausa, l'aneurisma può scoppiare ancora una volta con un'emorragia ripetuta nel cervello, possono anche svilupparsi nuovi aneurismi.

    Molto spesso, una rottura porta a emorragia subaracnoidea (emorragia nella cavità tra l'osso cranico e il cervello). Una pericolosa conseguenza dell'emorragia subaracnoidea è l'idrocefalo, che è caratterizzato da un eccessivo accumulo di liquido cerebrospinale (CSF) nei ventricoli del cervello, che sotto la sua influenza espande ed esercita una pressione sul tessuto cerebrale.

    Un'altra complicazione è il vasospasmo, in cui i vasi sanguigni si restringono, il che limita il flusso di sangue alle aree vitali del cervello. Una mancanza di afflusso di sangue può causare danni a ictus o tessuto.

    Aneurisma dei vasi cerebrali: sintomi

    Spesso, gli aneurismi vascolari cerebrali sono asintomatici, fino a quando non raggiungono una grande dimensione o si verifica una rottura. Un piccolo aneurisma che non cambia di dimensioni, di regola, non ha sintomi, mentre gli aneurismi grandi e in costante crescita possono esercitare pressione su tessuti e nervi.

    I sintomi dell'aneurisma cerebrale sono: dolore nella zona degli occhi, intorpidimento, debolezza o paralisi di un lato del viso, pupille dilatate e visione offuscata.

    Quando si rompe un aneurisma vascolare cerebrale, una persona può avere un mal di testa improvviso e molto grave, è possibile anche una doppia visione, nausea, vomito, torcicollo e perdita di coscienza. Le persone di solito descrivono questa condizione come "il peggior mal di testa nella loro vita", che, di norma, è caratterizzato da nitidezza e intensità. In alcuni casi, prima della rottura dell'aneurisma in un paziente, appaiono "segnali" o cefalea di avvertimento che durano per diversi giorni o addirittura settimane prima dell'attacco.

    Altri sintomi di una rottura dell'aneurisma cerebrale comprendono nausea e vomito, accompagnati da forte mal di testa, abbassamento della palpebra, sensibilità alla luce, cambiamenti nello stato mentale o livello di ansia. Alcuni pazienti hanno convulsioni. È anche possibile la perdita di coscienza, e in rari casi - il coma.

    Se soffre di mal di testa acuto, specialmente in combinazione con gli altri sintomi sopra menzionati, deve consultare immediatamente un medico.

    Diagnosi di aneurisma cerebrale

    Di regola, l'aneurisma non si manifesta fino a quando non si verifica una rottura. A volte si trova casualmente quando si esegue obsledovany associata ad altre malattie.

    Alcuni metodi diagnostici possono fornire informazioni sull'aneurisma e il metodo di trattamento più appropriato. Questi esami sono di solito eseguiti dopo l'emorragia subaracnoidea per confermare la diagnosi di aneurisma dei vasi cerebrali.

    L'angiografia è un esame radiologico dei vasi sanguigni che viene eseguito utilizzando mezzi di contrasto. L'angiografia intracerebrale può rivelare quanto restringono o distruggono le arterie oi vasi sanguigni del cervello, della testa o del collo e possono identificare i cambiamenti nell'arteria o nella vena, incluso il punto debole, cioè l'aneurisma.

    Questo metodo viene utilizzato per diagnosticare i disturbi della circolazione cerebrale e consente inoltre di determinare con precisione la posizione, le dimensioni e la forma di un tumore cerebrale, di un aneurisma o di una nave rotta.

    L'angiografia viene eseguita in stanze per radiografie appositamente attrezzate. Dopo l'introduzione di un anestetico locale, un catetere flessibile viene inserito nell'arteria e portato alla nave interessata. Una piccola quantità di sostanza radiopaca viene rilasciata nel flusso sanguigno e si diffonde attraverso i vasi della testa e del collo, dopo di che vengono prese diverse radiografie, con le quali è possibile diagnosticare aneurismi o altri disturbi circolatori.

    La tomografia computerizzata (CT) della testa è un metodo diagnostico rapido, indolore e non invasivo mediante il quale è possibile rilevare la presenza di aneurisma dei vasi cerebrali e, per un aneurisma rotto, determinare se si è verificata un'emorragia cerebrale a seguito di una rottura. Di norma, questa è la prima procedura diagnostica prescritta da un medico se suggerisce la possibilità di rottura. I raggi X vengono elaborati da un computer come immagini bidimensionali di sezioni trasversali del cervello e del cranio. A volte gli agenti di contrasto vengono iniettati nel flusso sanguigno prima di eseguire una scansione TC. Questo processo, chiamato angiografia con tomografia computerizzata (angiografia CT), fornisce un'immagine più chiara e dettagliata dei vasi sanguigni del cervello. La tomografia computerizzata viene di solito eseguita in regime ambulatoriale, in laboratori specializzati o cliniche.

    La risonanza magnetica (MRI) utilizza le onde radio del computer e un potente campo magnetico per ottenere un'immagine dettagliata del cervello e di altri organi. L'angiografia a risonanza magnetica (MRA) fornisce un'immagine ancora più dettagliata dei vasi sanguigni. Le immagini possono essere considerate come immagini tridimensionali o sezioni trasversali bidimensionali del cervello e dei vasi. Questa procedura indolore e non invasiva può mostrare le dimensioni e la forma di un aneurisma inesploso, oltre a determinare la presenza di emorragia nel cervello.

    Se si sospetta un aneurisma rotto, il medico può riferire il paziente per un'analisi del liquido cerebrospinale. Dopo aver applicato un anestetico locale dallo spazio subaracnoideo tra il midollo spinale e le sue membrane circostanti, una piccola quantità di liquido cerebrospinale (che protegge il cervello e il midollo spinale) viene estratta utilizzando un ago chirurgico. Questo fluido viene quindi controllato per sanguinamento o sanguinamento nel cervello. Nelle persone con sospetta emorragia subaracnoidea, questa procedura viene solitamente eseguita in un ospedale.

    Aneurisma dei vasi cerebrali: trattamento

    Non tutti i casi di rottura dell'aneurisma. Si raccomanda ai pazienti con aneurismi di piccole dimensioni di monitorare continuamente la dinamica della crescita dell'aneurisma e lo sviluppo di ulteriori sintomi al fine di iniziare un trattamento intensivo nel tempo. Ogni caso di aneurisma è unico. Il tipo, la dimensione e la posizione dell'aneurisma, la probabilità della sua rottura, l'età della persona, il suo stato di salute, la storia della malattia, l'ereditarietà e il rischio associato al trattamento influenzano la scelta del metodo ottimale di trattamento dell'aneurisma.

    Esistono due tipi di trattamento chirurgico degli aneurismi cerebrali: ritaglio dell'aneurisma e occlusione. Queste operazioni appartengono alla categoria delle operazioni più complesse e rischiose (probabilmente un danno ad altri vasi sanguigni, può verificarsi un aneurisma ripetuto, c'è anche il rischio di un attacco postoperatorio).

    L'embolizzazione endovascolare è un'alternativa alla chirurgia. Questa procedura viene eseguita più di una volta durante la vita di una persona.

    È possibile prevenire l'insorgenza di aneurisma cerebrale?

    Ad oggi, la prevenzione dell'aneurisma non esiste. Le persone con diagnosi di aneurisma cerebrale dovrebbero monitorare attentamente la loro pressione, non fumare o usare cocaina o altri farmaci. Anche questi pazienti devono consultare il proprio medico per sapere se usare l'aspirina o altri fluidificanti del sangue. Le donne hanno bisogno di consultarsi sull'uso dei contraccettivi orali.

    Conseguenze di aneurisma cerebrale e prognosi

    Un aneurisma inesploso può passare inosservato per tutta la vita. Ci sono casi in cui la rottura dell'aneurisma può essere fatale, o causare ictus emorragico, vasospasmo (la principale causa di invalidità o morte a causa di rottura dell'aneurisma), idrocefalo, coma, nonché danni cerebrali temporanei o irreversibili.

    La prognosi dopo la rottura dell'aneurisma dipende in gran parte dall'età, dalla salute generale della persona, da altre condizioni neurologiche associate, dalla posizione dell'aneurisma, dal grado di sanguinamento (e dal sanguinamento), nonché dal tempo trascorso dalla rottura alla fornitura di assistenza medica. I due fattori più importanti sono la diagnosi precoce e il trattamento.

    I pazienti sottoposti a trattamento di un aneurisma inesploso richiederanno meno terapia di riabilitazione e si riprenderanno più velocemente di quelli che hanno avuto una rottura di aneurisma. Il recupero dal trattamento o dalla rottura può richiedere da alcune settimane a mesi.

    Inoltre, Leggere Imbarcazioni

    Pressione normale e polso di una persona per età: tabella, anomalie

    Da questo articolo imparerai: quale pressione è normale alle diverse età. Quando una deviazione dalla norma è considerata una patologia, e quando - no.

    Come vivere dopo aver stentato il cuore.

    Abbiamo cercato di raccogliere le domande più comuni dei nostri pazienti e rispondere loro. Per cosa viene fatto lo stenting del cuore? Come sta stenting Riabilitazione dopo stenting Quanti vivono dopo stenting del cuore Complicazioni, conseguenze, rischi di stenting Dieta dopo stenting Farmaci dopo stenting Dopo che lo stent ha dato l'invalidità? Carichi dopo lo stent Stenting e alcol È possibile volare su un aereo dopo lo stent? Dolore dopo stenting<

    Diuretici risparmiatori di potassio

    Lascia un commento 33,557I farmaci diuretici che trattengono il potassio nel corpo umano sono chiamati diuretici risparmiatori di potassio. I farmaci agiscono sul tubulo distale del nefrone, che contribuisce alla ritenzione di potassio - un importante elemento della vita, che è necessario per il normale funzionamento dell'intero organismo.

    Metodi e metodi per eliminare il trombo delle navi coronarie

    Il sistema cardiovascolare di una persona fornisce sangue ossigenato a tutti gli organi interni, e la salute e la qualità della vita di una persona dipendono dalla sua funzionalità.

    Lividi sul corpo senza motivo

    Lividi da lividi o "guadagnato" in autunno non sorprendono nessuno. Ti capita che ci sia un livido - eccolo lì, viola e doloroso - e non c'è memoria di dove sia venuto, no?

    Revisione completa di tutti i tipi di bloccanti adrenergici: selettivi, non selettivi, alfa, beta

    Da questo articolo imparerai cosa sono gli adrenoblokers, in quali gruppi sono divisi. Il meccanismo della loro azione, indicazioni, elenco di droganti-bloccanti.