L'aneurisma è una protrusione patologica della parete vascolare. A differenza di una nave normale, l'aneurisma ha una parete più sottile con la possibilità di rottura e sangue che penetra nel cervello o nello spazio tra le membrane del cervello (emorragia subaracnoidea).

Le ragioni principali per la formazione dell'aneurisma vascolare sono i disturbi congeniti della struttura della parete vascolare; aterosclerosi, in cui lo strato intermedio delle arterie viene distrutto e il muro si assottiglia; cambiamenti nella parete vascolare durante il processo infiammatorio.

La forma dell'aneurisma può essere sacculata con il collo, il corpo e la cupola; a forma di fuso - in cui la nave è uniformemente espansa su una grande distanza; laterale, simile a un tumore della parete del vaso.

Secondo il diametro dell'emissione:

  • Fino a 3 mm - molto piccolo;
  • Da 4 a 15 mm - al solito;
  • Da 16 a 25 mm - grande;
  • Più di 25 mm sono giganteschi.

Spesso, gli aneurismi inesplosi sono asintomatici e si trovano accidentalmente quando si esamina il cervello per un altro motivo.

Quando è necessario un intervento chirurgico per l'aneurisma vascolare del cervello?

aneurisma cerebrale

È necessario un approccio rigoroso alla validità dell'intervento chirurgico per un aneurisma inesploso dovuto a possibili complicazioni durante l'operazione. Le indicazioni per la chirurgia sono aneurismi superiori a 7 mm. Le indicazioni per la chirurgia diventano più definite con un aumento dell'aneurisma come osservato e con suscettibilità familiare all'emorragia (casi di emorragia da aneurisma in parenti stretti).

Preparazione per la chirurgia

Se il paziente ha indicazioni per la rimozione chirurgica di un aneurisma inesploso, viene ricoverato in ospedale in modo pianificato per la clinica, che deve soddisfare i seguenti requisiti:

  1. Avere un reparto neurochirurgico, oltre a specialisti con esperienza nella conduzione di interventi microchirurgici aperti sui vasi cerebrali, nonché con esperienza nella conduzione di interventi di spegnimento dell'aneurisma endovascolare;
  2. Avere un reparto diagnostico a raggi X, con la possibilità di condurre angiografia computerizzata a spirale, angiografia a risonanza magnetica, angiografia a sottrazione digitale;
  3. La sala operatoria dovrebbe essere dotata di attrezzature speciali per la microchirurgia degli aneurismi cerebrali;
  4. Avere un dipartimento di neuroreanimazione.

La preparazione per la chirurgia è una componente importante del trattamento di successo.

Condurre studi clinici generali (sangue, urina, analisi del sangue biochimica, coagulogramma, analisi del sangue per la determinazione delle infezioni (HIV, RW, epatite virale), radiografia del torace, ECG), consultazioni con specialisti (neurologo, terapeuta e altri specialisti sulla testimonianza).

Tutti gli studi sopra riportati possono essere fatti in clinica durante il ricovero in ospedale, ma è possibile completare questi studi su base ambulatoriale, prima del ricovero in ospedale.

Per selezionare il metodo dell'intervento chirurgico, vengono condotti studi per valutare la natura e la struttura dell'aneurisma, nonché lo stato del tessuto cerebrale.

  • Angiografia a risonanza magnetica (tempo di volo). Questa tecnica consente di ottenere un'immagine chiara dell'aneurisma con una dimensione dell'aneurisma di 3 mm o più.
  • Tomografia computerizzata in modalità angiografica. In questo esame, è possibile identificare la presenza di calcificazioni nel muro e coaguli di sangue all'interno dell'aneurisma. Tuttavia, questa tecnica è inferiore all'angiografia a risonanza magnetica nella precisione del riflesso della struttura dell'aneurisma con una dimensione inferiore a 5 mm.
  • Sottrazione digitale angiografia. Ad oggi, questo studio rimane il "gold standard" nel riconoscimento di aneurismi con una dimensione inferiore a 3 mm e vasi di piccolo diametro. Uno studio è condotto solo in ospedale, a causa della possibilità di complicazioni durante la sua attuazione.

L'angiografia a risonanza magnetica e la tomografia computerizzata in modalità angiografica possono essere eseguite prima dell'ospedalizzazione in clinica, a condizione che non siano trascorsi più di 6 mesi dal momento dello studio allo stato di ospedalizzazione, durante il tempo trascorso dalla ricerca non ci siano stati cambiamenti nelle condizioni del paziente e gli studi siano stati eseguiti al rispetto di tutti i requisiti tecnici necessari.

Prima dell'operazione, i numeri di pressione arteriosa sono regolati in numeri costantemente normali, il livello di zucchero nel sangue è correlato in caso di diabete mellito e, in caso di esacerbazione di malattie croniche, viene richiesto un risarcimento per la condizione.

Dopo che tutti gli esami necessari sono stati completati ed è stato stabilito che non ci sono controindicazioni all'operazione, il paziente viene inserito nella clinica. Viene esaminato da un chirurgo, spiega il piano operativo e le possibili complicanze, l'anestesista parla con il paziente. Il paziente compila un questionario e accetta l'operazione.

Alla vigilia dell'operazione dalle sei di sera è vietato mangiare e bere acqua, se l'operazione è prevista dopo le 12 è possibile concedere una cena leggera. La conformità a questa condizione è molto importante per garantire un'anestesia generale sicura.

Prima dell'operazione, devi fare una doccia e lavarti i capelli. La purezza è la prevenzione delle complicanze infettive.

Tutte le domande incomprensibili devono essere chiarite con il medico o con il personale infermieristico, il che aiuterà in una certa misura a rimuovere l'eccitazione preoperatoria associata all'intervento.

Come viene eseguita la rimozione chirurgica di un aneurisma cerebrale?

Per la rimozione chirurgica dell'aneurisma, viene utilizzato come intervento aperto sul cervello: ritaglio dell'aneurisma; rafforzare le pareti dell'aneurisma avvolgendo l'aneurisma con una garza chirurgica; arresto del flusso sanguigno attraverso l'arteria applicando una clip sull'arteria prima dell'aneurisma, o prima e dopo l'aneurisma (trepping) e le tecniche endovascolari.

Interventi chirurgici diretti per aneurisma cerebrale sono manipolazioni high-tech e richiedono al chirurgo di sperimentare e possedere tecniche microchirurgiche.

La complessità dell'operazione è la necessità di selezionare la nave e l'aneurisma in modo tale da prevenire la rottura dell'aneurisma e il danneggiamento del tessuto cerebrale.

Tali operazioni sono svolte principalmente per i giovani, tenendo conto della possibilità di correggere gli aneurismi dall'accesso aperto.

L'operazione viene eseguita in anestesia generale e dura diverse ore.

Durante l'intervento viene effettuato un monitoraggio costante delle principali funzioni del corpo:

  1. I parametri principali del corpo e del cervello sono controllati;
  2. La pressione sanguigna viene corretta, il tessuto cerebrale è protetto dall'ischemia, ecc.

Schematicamente, il corso di un'operazione aperta su un aneurisma cerebrale può essere rappresentato come segue:

  • La craniotomia viene eseguita;
  • Quindi un foro viene tagliato nel cranio con un cranitoma, la parte separata dell'osso si alza e viene rimossa (dopo il completamento dell'operazione, questa parte dell'osso ritorna al suo posto);
  • La dura madre viene esposta e il chirurgo ottiene l'accesso al cervello;
  • L'arteria patologica (portante) e l'aneurisma stesso risaltano;
  • Sul collo dell'aneurisma, alla sua base, imporre una clip - un microdispositivo autobloccante con rami, i rami pizzicano il collo dell'aneurisma e spengono l'aneurisma dal sangue;
  • Durante l'operazione, il radicalismo di spegnere l'aneurisma dal flusso sanguigno perforando l'aneurisma è necessariamente monitorato, l'aneurisma è esaminato usando l'ecografia Doppler a contatto, è possibile esaminare l'aneurisma attraverso un microscopio o endoscopio, così come l'angiografia di fluorescenza intraoperatoria;
  • L'operazione sull'aneurisma cerebrale viene completata suturando la dura madre, la parte asportata del cranio ritorna nella sua posizione e viene fissata con placche e viti in titanio.

Efficienza al di fuori dell'aneurisma quando il ritaglio raggiunge il 98%.

Quando viene indicato il trattamento endovascolare?

  1. Età oltre 60 anni;
  2. La presenza di gravi malattie;
  3. Aneurismi difficilmente accessibili con intervento aperto.

Il vantaggio del trattamento endovascolare è il suo basso impatto e il breve periodo postoperatorio.

Come viene eseguito l'intervento endovascolare nell'aneurisma vascolare cerebrale?

L'operazione viene eseguita in anestesia generale, in quanto richiede il pieno controllo della pressione sanguigna e la posizione del paziente sul tavolo operatorio.

Tutte le manipolazioni sui vasi vengono eseguite sotto controllo a raggi X in un'operazione a raggi X. L'intervento viene effettuato principalmente attraverso una puntura nella regione della piega femorale, da dove viene condotto un catetere attraverso l'arteria femorale verso l'aneurisma, l'aneurisma è completamente riempito con micro-spirali di platino e scollegato dal flusso sanguigno.

Attualmente, per la correzione endovascolare di un aneurisma a collo largo, vengono utilizzati metodi per proteggere il collo dell'aneurisma al fine di evitare che le microspirali cadano nel vaso di supporto:

trattamento endovascolare dell'aneurisma

Protezione temporanea del collo dell'aneurisma con un palloncino (metodo balloon-assistance), quando un catetere viene inserito nella regione del vaso trasportatore con un palloncino che si gonfia e dopo che le microspirali vengono inserite nell'aneurisma, dopo di che il palloncino viene rimosso;

  • Costante protezione del collo dell'aneurisma con l'aiuto di uno stent che viene inserito nel vaso e rimane permanentemente nel vaso. Lo stent ha cellule attraverso le quali vengono introdotte microspirali nella cavità dell'aneurisma e l'aneurisma è disconnesso dal flusso sanguigno;
  • L'introduzione del flusso nel vaso è uno stent reindirizzato, che ha un'alta densità e dirige il sangue attraverso il vaso in modo tale che il sangue non entri nell'aneurisma e l'aneurisma sia coagulato, cioè la possibilità della sua rottura sia esclusa. La trombosi completa dell'aneurisma si verifica entro 4 o 6 mesi dopo l'intervento.
  • Dopo aver installato qualsiasi tipo di stent entro tre mesi, è necessario ricorrere a farmaci per prevenire la trombosi dello stent, che deve essere presa in considerazione quando si sceglie questa tecnica di intervento.

    Recupero dopo l'intervento chirurgico

    Dopo l'operazione, il paziente viene posto in un reparto postoperatorio per osservare il personale medico, dove inizia a respirare autonomamente, dopodiché viene trasferito all'unità di terapia intensiva. Il tempo trascorso nell'unità di terapia intensiva dipende dalla complessità e dalle caratteristiche del decorso della chirurgia e dell'anestesia ed è di 24-48 ore.

    Quindi, nel reparto neurologico, il paziente continua a essere monitorato e trattato per una o due settimane, a seconda dell'intervento diretto o endovascolare. Alcuni pazienti dovranno sottoporsi a riabilitazione.

    La durata del periodo di osservazione postoperatoria dopo gli interventi endovascolari è significativamente più breve rispetto alla chirurgia diretta ed è di 5 - 6 giorni senza complicanze.

    Le conseguenze della chirurgia

    Potrebbero esserci complicazioni associate ad una reazione avversa all'anestesia, danni alla parete del vaso durante l'intervento chirurgico. Le conseguenze dell'intervento includono la formazione di coaguli di sangue, gonfiore del cervello, infezione, ictus, convulsioni, difficoltà di parola, visione offuscata, memoria, equilibrio, coordinazione del movimento, ecc.

    Tuttavia, la rimozione dell'aneurisma alla sua rottura, soggetta all'intervento in una clinica specializzata con una vasta esperienza nella correzione chirurgica degli aneurismi vascolari, riduce al minimo la possibilità di complicazioni gravi ed è incomparabile con le gravi conseguenze della rottura dell'aneurisma dell'arteria cerebrale. Inoltre, una parte delle complicanze viene eliminata durante l'intervento chirurgico o immediatamente nel periodo postoperatorio. In alcuni casi, ci vorrà un lungo periodo di riabilitazione utilizzando tecniche fisioterapiche, lavorando con un logopedista per le difficoltà di linguaggio, l'aiuto di uno psicologo, uno specialista di fisioterapia, un massaggiatore, ecc.

    Vita dopo l'intervento

    Il pieno recupero dopo un intervento chirurgico aperto richiede fino a due mesi, dopo le operazioni endovascolari, i pazienti tornano alla vita a pieno titolo in meno tempo. La durata del recupero dipende dallo stato di salute del paziente prima dell'operazione, dalle complicanze postoperatorie.

    Aneurisma prima e dopo chirurgia endovascolare

    Dopo una craniotomia per diversi giorni, c'è dolore nella ferita, mentre la ferita guarisce, si avverte prurito, gonfiore in quest'area è possibile e intorpidimento per diversi mesi.

    Il mal di testa può essere osservato per circa due settimane, la stanchezza e l'ansia sono disturbate fino a otto settimane dopo l'intervento chirurgico aperto. Pertanto, si raccomanda il pisolino pomeridiano nel pomeriggio.

    Il paziente deve essere sotto la supervisione di un neurologo, assumere i farmaci necessari, antidolorifici. Durante l'anno è necessario evitare gli sport di contatto, sollevando più di 2 - 2,5 kg, seduti a lungo.

    Se il lavoro non è correlato ai carichi, dopo circa 6 settimane è possibile discutere con il medico l'opportunità di iniziare il lavoro.

    Nonostante il fatto che l'uso dell'angiografia MR e dell'angiografia CT sia limitato dalla presenza di possibili distorsioni dell'immagine da clip metalliche, stent e spirali, questi metodi rimangono abbastanza efficaci nel controllo postoperatorio.

    La ricerca ripetuta dopo intervento aperto è raccomandata per esser effettuata nel periodo da 6 a 12 mesi dopo l'intervento.

    Dopo aver eseguito la chirurgia endovascolare, si raccomanda di controllare l'angiografia con sottrazione digitale nel periodo da 6 a 12 mesi dopo l'intervento.

    I pazienti con una predisposizione alla formazione di aneurismi, indipendentemente dal tipo di intervento chirurgico, dopo il periodo di osservazione è completato, l'angiografia con risonanza magnetica e la tomografia computerizzata in modalità angiografica sono raccomandati 1 volta in 5 anni per prevenire la formazione di nuovi aneurismi.

    Rassegne di pazienti dopo correzione chirurgica di aneurisma cerebrale vascolare positivo. Tra le reazioni avverse che persistono nel periodo posticipato dopo l'operazione, molti osservano un deterioramento della salute durante un cambiamento del tempo.

    Ci sono molte recensioni positive sul trattamento all'NN Burdenko Institute, dove sono state eseguite oltre 400 correzioni chirurgiche di aneurismi inesplosi negli ultimi dieci anni, con risultati positivi delle operazioni.

    Un'operazione per rimuovere un aneurisma cerebrale inesploso viene eseguita gratuitamente secondo una quota per operazioni ad alta tecnologia. Per questo, è necessario presentare i documenti medici pertinenti alla clinica selezionata, e se ci sono quote, verrà emesso un "Protocollo di decisione delle quote", il paziente viene inserito nel piano di operazioni e attende il suo turno.

    Se il paziente si reca in ambulatorio da solo, senza documenti di orientamento, l'operazione viene eseguita a pagamento.

    Nel caso del trattamento pagato, il costo dell'operazione è molto individuale e dipende dai materiali utilizzati durante l'operazione, dalle qualifiche del medico, dal tempo trascorso in ospedale, ecc. In media, il costo dell'operazione nelle cliniche di Mosca per tagliare l'aneurisma è di circa 80.000 rubli, per endovascolare fuori aneurisma - circa 75.000 rubli.

    Data l'elevata mortalità dovuta all'emorragia in caso di rottura dell'aneurisma, se vi sono evidenze, si raccomanda di eseguire un intervento chirurgico preventivo per spegnere l'aneurisma dal flusso sanguigno.

    Chirurgia su aneurisma cerebrale: indicazioni, conduzione, riabilitazione dopo

    L'aneurisma cerebrale è una patologia molto insidiosa. Per molto tempo potrebbe essere asintomatico e il suo proprietario non sa nemmeno della presenza di un'anomalia. Tuttavia, qualsiasi aneurisma porta il rischio di emorragia, le cui conseguenze possono essere fatali, quindi l'operazione sull'aneurisma è l'unica decisione giusta quando viene rilevata.

    L'aneurisma dei vasi cerebrali ha spesso una struttura arteriosa, può essere localizzato in varie parti del cranio e può essere da microscopico a gigante. Certamente, il rischio di rottura è sproporzionatamente più alto con una grande istruzione, ma con piccoli aneurismi lo è.

    Secondo statistiche, le anomalie di navi cerebrali possono esser trovate nel 5% della popolazione, e il loro divario succede all'età più attiva - 30-50 anni. Nei bambini, le emorragie da aneurismi sono estremamente rare.

    tipi di aneurismi cerebrali

    Le dimensioni dell'aneurisma sono piccole, medie, grandi e giganti, singole e multi-camera. A seconda della posizione, vi è un aneurisma dell'arteria carotide (interna), anteriore e medio-cerebrale, bacino vertebro-basilar. Circa il 15% dei casi sono anomalie vascolari multiple.

    Di tutte le emorragie all'interno del cranio, il subaracnoide è uno dei più gravi e la sua causa nell'85% dei casi è la malformazione vascolare. Allo stesso tempo, il sangue penetra sotto la pia madre, schiaccia il cervello, interrompe il movimento del liquido cerebrospinale, provoca gravi disturbi neurologici e la dislocazione delle strutture del tronco cerebrale ha un alto rischio di morte nel periodo acuto della malattia.

    Il trattamento chirurgico degli aneurismi viene effettuato ai reparti di chirurgia vascolare. Mira non solo a combattere le conseguenze del divario nell'istruzione, ma anche la sua prevenzione, soprattutto. È possibile diagnosticare l'aneurisma utilizzando la risonanza magnetica, ma solo se il paziente si rivolge per aiuto. Le forme asintomatiche di patologia spesso rimangono al di fuori del campo visivo dei medici, costituendo una minaccia maggiore per la salute e la vita dei pazienti.

    Se vi sono segni di attività cerebrale compromessa, cefalea grave, particolarmente ricorrente, con una storia familiare povera in termini di patologia vascolare del cervello, si dovrebbe cercare il prima possibile per eliminare o confermare la diagnosi, così come un trattamento chirurgico tempestivo, che impedirà lo sviluppo dello scenario in pericolo di vita.

    Indicazioni e tempistica dell'operazione per un aneurisma cerebrale

    Un'indicazione per un intervento chirurgico per aneurisma cerebrale è la presenza stessa dell'aneurisma, anche se è piccolo e asintomatico. I pazienti con aneurismi vivono letteralmente su una polveriera, che può "strattonare" in qualsiasi momento. Lo stress e le esperienze costanti dalla consapevolezza di questo rischio possono provocare fluttuazioni di pressione e angiospasmo, portando così il momento di rottura più vicino, quindi l'operazione, se ritardata, non è da molto tempo.

    Solo in rari casi, i medici possono adottare una tattica di attesa: quando l'aneurisma è molto piccolo, si trova in profondità e l'operazione può causare più danni, settimane della sua presenza, tuttavia, come dimostra la pratica, spesso l'indecisione e il ritardo del medico giocano un ruolo negativo - la patologia progredisce e il gap segue.

    Gli aneurismi inesplosi richiedono un intervento chirurgico pianificato in neurochirurgia o nel reparto vascolare, mentre è importante che venga eseguito da specialisti con sufficiente esperienza di tali interventi, e la clinica abbia tassi minimi di mortalità e disabilità tra i pazienti.

    Spesso, i pazienti con diagnosi di aneurisma sono tormentati dalla domanda: fare o non avere un intervento chirurgico? Dopo aver ascoltato e aver letto le possibili conseguenze del trattamento, temendo le complicazioni neurologiche dell'intervento, stanno seriamente pensando di abbandonarlo. In questi casi, vale ancora la pena di pensare non tanto ai rischi di un'operazione pianificata, che può essere minimamente invasiva e sicura, quanto alla probabilità di emorragia con una statistica negativa completamente diversa.

    rottura dell'aneurisma cerebrale

    La rottura dell'aneurisma è necessariamente soggetta a correzione chirurgica, ma ci sono alcune differenze in termini di attuazione, che sono associate alle caratteristiche individuali della patologia.

    Nel periodo acuto e acuto di emorragia (le prime due settimane dopo la rottura) le indicazioni per la chirurgia considerano:

    • Il divario si è verificato con patologia semplice;
    • Condizione stabile del paziente;
    • Grande rischio di riemorragia;
    • La minaccia di vasospasmo pronunciato e, di conseguenza, ischemia cerebrale.

    I pazienti in condizioni gravi e critiche durante questo periodo subiscono un'operazione chirurgica solo per ragioni vitali: compressione del cervello, spostamento delle strutture dello stelo, idrocefalo acuto, focolai massicci di necrosi del tessuto cerebrale. In altri casi, l'operazione viene posticipata al momento della stabilizzazione.

    Dopo che sono trascorsi i primi 14 giorni dal momento del flusso di sangue dall'aneurisma, l'operazione viene eseguita sui pazienti:

    1. In condizioni gravi a causa di un percorso complicato (marcato angiospasmo);
    2. Con aneurismi difficili da rimuovere.

    La questione del trattamento chirurgico degli aneurismi rotti con grave ischemia cerebrale rimane aperta e controverso, non sono ancora state determinate con precisione indicazioni chiare per la chirurgia in questi pazienti. L'intervento e l'anestesia generale possono aggravare il danno al tessuto cerebrale, quindi l'operazione viene eseguita immediatamente solo con angiospasmo compensato, in altri casi, in attesa di tattiche.

    Preparazione preoperatoria

    aneurisma vascolare cerebrale nella foto

    Durante il taglio di routine dell'aneurisma, gli specialisti hanno il tempo di esaminare a fondo il paziente e prepararlo all'intervento. Come terapia conservativa vengono prescritti farmaci antipertensivi, farmaci che normalizzano il ritmo cardiaco in caso di aritmie e la correzione dello spettro lipidico viene eseguita in presenza di anomalie.

    Prima di pianificare l'operazione, il paziente viene sottoposto a vari esami, compresi esami del sangue, test delle urine, un coagulogramma, un cardiogramma, ecc., Come in altri interventi chirurgici. Per localizzare e chiarire la natura della formazione vascolare, vengono eseguite TC, RM con contrasto, angiografia, ecografia Doppler.

    In caso di aneurisma rotto, il paziente entra in ospedale con una clinica di emorragia subaracnoidea acuta o intracerebrale e viene inviato al reparto neurochirurgico, non c'è praticamente tempo per gli esami, quindi è necessario limitarsi al minimo che consente di determinare la posizione della malformazione.

    Sia la trepanning che la chirurgia endovasale coinvolgono l'anestesia generale, sebbene in quest'ultimo caso possa essere utilizzata l'anestesia locale. Prima dell'operazione, il paziente parla con il chirurgo e l'anestesista (eccetto per i casi di coma e sanguinamento acuto), non mangia le 8 ore successive all'operazione, cerca di dormire. Capelli al posto della rasatura.

    Tecnica chirurgica per aneurisma

    I principali tipi di interventi sulle malformazioni vascolari del cervello sono riconosciuti:

    • Rimozione dell'aneurisma con accesso libero;
    • Tecnica endovascolare.

    Trattamento per aneurisma da trapanazione

    L'efficienza delle operazioni aperte raggiunge il 98%, vengono eseguite con sufficiente disponibilità di aneurisma e in caso di rottura. Il paziente sta subendo un'anestesia generale, il chirurgo esegue il trepanning del cranio, taglia la dura madre e cerca l'intero aneurisma o il luogo della sua rottura. Successivamente, è necessario disattivare la malformazione del flusso sanguigno generale. Questo di solito viene fatto con l'aiuto di una clip di metallo che assomiglia a una molletta, che viene posta sulla nave che alimenta l'aneurisma e blocca il movimento del sangue attraverso di essa.

    Dopo che l'aneurisma è stato "disattivato", la dura madre viene suturata, il lembo dell'osso viene posto in posizione, le suture vengono applicate al lembo della pelle. Con grave edema cerebrale, è possibile eseguire una trapanazione con decompressione, lasciando la finestra ossea aperta fino alla scomparsa dell'edema e non minacciando con lo spostamento delle strutture staminali. Il frammento osseo viene temporaneamente inserito nella fibra dell'addome per mantenere la vitalità e quindi torna al suo posto.

    Una chirurgia cerebrale aperta può causare danni ai suoi tessuti e disturbi neurologici in seguito, quindi è importante agire con estrema cautela. In presenza di emorragia, i coaguli e il sangue liquido vengono rimossi dal cranio, quando entra nel sistema ventricolare, viene eseguito il drenaggio delle cavità cerebrali.

    Dopo aver tagliato l'aneurisma, è importante valutare la sicurezza del flusso sanguigno attraverso i vasi cerebrali sani prima che la ferita chirurgica sia cucita. A questo scopo, viene utilizzato il micrografo Doppler intraoperatorio. Se il flusso di sangue è in ordine, l'operazione può essere considerata positiva e terminata.

    Video: ritaglio aperto dell'aneurisma dell'arteria carotide interna

    Trattamento endovascolare

    Il trattamento endovasale degli aneurismi cerebrali è tra gli interventi minimamente invasivi. Le indicazioni sono:

    • Posizione profonda e inaccessibile della spirale vascolare;
    • La vicinanza di strutture vitali, che rende un'operazione molto pericolosa;
    • Età senile e comorbidità che impediscono l'anestesia generale e la trapanazione;
    • Inefficienza del clipping a trepanation.

    trattamento endovascolare degli aneurismi cerebrali

    L'accesso durante la chirurgia endovascolare viene effettuato attraverso l'arteria femorale, in cui è inserito un catetere, che consegna un palloncino separatore ai vasi anomali o spirali speciali, causando la cessazione del flusso sanguigno nella formazione. Gli stent possono anche essere usati per bloccare l'aneurisma, ma per assicurare il libero movimento del sangue attraverso le autostrade del cervello.

    Innanzitutto, la spirale più grande si stabilisce nel lume dell'aneurisma, quindi la cavità viene riempita con altri più piccoli, che causano trombosi e disattivano l'aneurisma dal flusso sanguigno. Con un ampio collo del vaso di alimentazione, l'installazione delle spirali è completata dallo stenting.

    Un tipo di trattamento endovascolare è l'embolizzazione dei vasi dell'aneurisma, quando le loro pareti sono incollate insieme all'alcol, un gel chirurgico e formulazioni speciali. Per eliminare l'aneurisma può richiedere diverse di tali procedure.

    Durante le operazioni sui vasi cerebrali vengono utilizzati un microscopio operatorio, un tavolo speciale con staffa di fissaggio, tecniche endoscopiche e microchirurgiche. Lo stato del flusso sanguigno è controllato da microsensori a ultrasuoni.

    Video: relazione sul trattamento minimamente invasivo dell'aneurisma cerebrale

    Periodo postoperatorio

    Dopo l'operazione sull'aneurisma almeno un giorno, il paziente si trova nell'unità di neuro-terapia intensiva sotto la stretta supervisione dei medici. Durante questo periodo, riceve assistenza medica sotto forma di analgesici, diuretici, farmaci nootropici e neuroprotettori in caso di sanguinamento. Prevenzione dell'edema cerebrale e complicanze neurologiche secondarie.

    Quando lo stato di salute migliora dopo un giorno, il paziente viene trasferito al reparto di neurochirurgia, se peggiorato, viene indicata la tomografia computerizzata di emergenza, possibilmente - intervento ripetuto.

    Qualsiasi operazione sui vasi del cervello è piena di complicazioni, specialmente per quanto riguarda le palpitazioni e le manipolazioni aperte direttamente vicino ai tessuti cerebrali. Tra gli effetti dell'operazione sono probabili:

    1. Angiospasmo dopo rottura dell'aneurisma, a causa della quale sono possibili necrosi del tessuto nervoso e deficit neurologico;
    2. Emorragie ricorrenti;
    3. Cambiamenti infettivi-infiammatori nella zona di intervento (toccare di rado);
    4. Gravi disturbi neurologici.

    La riabilitazione dopo l'intervento chirurgico sull'aneurisma include l'attività motoria, il massaggio, il trattamento fisioterapico. Se un aneurisma inesploso è stato ritagliato per via endoscopica, quindi per 3-4 giorni il paziente ritorna alla vita normale, non è necessario adottare misure di recupero speciali.

    In caso di emorragia, potrebbe essere necessario molto tempo per ripristinare le funzioni cerebrali compromesse. Va bene se il periodo di riabilitazione si svolgerà in un centro specializzato per i pazienti colpiti da ictus o un sanatorio. Lì, gli esperti determineranno gli esercizi fisici necessari e la loro intensità, condurranno corsi di massaggio e forniranno un trattamento conservativo dei disturbi neurologici.

    Il trattamento chirurgico degli aneurismi cerebrali viene eseguito in ampi centri vascolari. Gratuitamente, con quote, è possibile sia la chirurgia aperta che il taglio endovasale. Per assistenza gratuita, il paziente deve contattare le strutture sanitarie regionali, dove possono essere inviate a cliniche più grandi. Potrebbe essere necessario attendere in linea per il trattamento.

    Operare aneurisma può anche essere caricato. Il costo della chirurgia aperta varia da 20-50 mila rubli, endovascolare - da 12-15 mila. Il prezzo include i materiali di consumo, il pagamento per il lavoro dello staff, le condizioni di degenza in ospedale e la sua durata.

    In generale, la prognosi per un aneurisma trattato tempestivamente senza interruzione è favorevole. Nel caso dell'emorragia, è determinata dalla massa dell'ematoma e dalla forza con cui il cervello è stato coinvolto. Fino all'80% dei pazienti guarisce con successo, almeno la metà torna al lavoro.

    La situazione è più difficile con ripetute emorragie da vasi aneurismatici. Allo stesso tempo, la mortalità raggiunge il 50% e più, un quarto dei pazienti rimane per sempre profondamente disabilitato. È questa circostanza che rende necessario condurre operazioni di emergenza in caso di emorragia primaria per prevenire le ricadute, il cui rischio è molto alto nei primi giorni e settimane dalla rottura dell'aneurisma.

    Conseguenze dopo l'intervento chirurgico per rimuovere un aneurisma cerebrale

    La parete del vaso su una delle aree del cervello può espandersi per una causa congenita o acquisita. Pareti più spesso danneggiate delle arterie, perché perdono la membrana e lo strato muscolare. Al posto della sporgenza la nave diventa anelastica, perde le sue caratteristiche di resistenza. Per prevenire la rottura della nave durante la formazione di un aneurisma cerebrale, è necessario un intervento chirurgico. Ma anche dopo di ciò, le conseguenze possono essere irreversibili: si verifica un aneurisma ripetuto o una rottura della nave.

    Con un aumento del volume dell'aneurisma, si verifica la compressione dei tessuti del cervello e dei nervi, che porta a anomalie neurologiche e disturbi di coordinazione, disturbi del sistema muscolo-scheletrico e altre complicazioni.

    È importante La rimozione dell'aneurisma è necessaria sia prima della rottura della nave che dopo di essa. Questo spesso salva la vita di una persona, perché dopo l'emorragia, la morte può verificarsi nei punti più importanti del cervello.

    Cause di aneurisma

    L'aneurisma si sviluppa per molte ragioni, tra cui il danneggiamento delle membrane della parete arteriosa e dei picchi di pressione sanguigna. Portano alla rottura della borsa e allo sviluppo di ictus emorragico.

    Conchiglie

    L'arteria, come altre navi, consiste di 3 gusci:

    • intima - la sottile superficie interna della nave. Intima, con la sua particolare sensibilità, è danneggiata da tossine, anticorpi o infezioni a contatto con le sue cellule. Le torsioni e i coaguli di sangue bloccano il normale flusso di sangue attraverso la sua superficie;
    • media - lo strato intermedio, fornendo l'elasticità della nave. Il mezzo è costituito da cellule muscolari, che consente alla nave di restringersi o espandersi nel processo di regolazione della pressione arteriosa. Lo strato intermedio subisce un cambiamento nella propagazione dei pathoprocesses dallo strato interno;
    • avventizia è un guscio forte al di fuori della nave con una moltitudine di fibre e cellule del tessuto connettivo. Il danneggiamento dello strato superiore porta a rigonfiamento del supporto e dell'intima e alla formazione del sacco aneurisma.

    Se non ci sono pathoprocessi nelle membrane - i meccanismi della borsa, allora non si forma un aneurisma. Se almeno uno strato nel vaso cerebrale fallisce, la forza dei suoi tessuti viene persa, specialmente sotto l'ipertensione. Pertanto, la formazione di aneurisma si verifica più spesso nelle arterie cerebrali o nell'aorta.

    patologie

    Le patologie includono:

    1. Lesioni

    Con ferite alla testa chiuse (con forti colpi alla testa), la parete del vaso può esfoliare, perdere forza ed elasticità. In questo luogo si sviluppa immediatamente un aneurisma o qualche tempo dopo una lesione alla testa.

    2. Meningite

    Quando l'infiammazione del rivestimento del cervello a causa di vari agenti patogeni: batteri, virus, funghi o parassiti - la membrana esterna è danneggiata. La condizione del paziente in presenza di meningococco, herpes e altri provocatori della meningite è piuttosto complessa, quindi i sintomi dell'aneurisma si notano dopo l'applicazione del trattamento della meningite. Rileva difetti nelle pareti dei vasi sanguigni - le cause del successivo aneurisma.

    3. Infezioni

    Le infezioni nel sangue possono danneggiare i vasi sanguigni, poiché circola in tutto il corpo e introduce microbi al cervello. Ad esempio, la sifilide avanzata o l'endocardite batterica contribuisce alla formazione di un difetto locale nelle arterie, dove viene successivamente formato un sacco vascolare.

    4. Malattie congenite

    Le malattie congenite possono indebolire il tessuto connettivo o creare altri fattori di rischio per la dilatazione vascolare. Ad esempio:

    • La sindrome di Marfan altera la riproduzione del collagene di tipo 3, che porta a patologie del tessuto connettivo, interruzione del sistema muscolo-scheletrico e sistemi importanti: cardiovascolare, polmonare e nervoso. La fibrillina è coinvolta nella formazione della sottostruttura di elastina, che entra nelle pareti dell'aorta e in altri vasi, legamenti, pelle e parenchima polmonare. Con la sua mancanza di tessuto connettivo si indebolisce e le navi si dilatano;
    • sclerosi tuberosa o neurofibromatosi di tipo 1 porta a cambiamenti strutturali locali nei tessuti e nei vasi del cervello e dell'aneurisma.

    Il sacco vascolare può anche formarsi nella sindrome di Ehlers-Danlos, nell'anemia falciforme, nel lupus eritematoso sistemico o nella malattia renale policistica congenita autosomica dominante.

    5. Ipertensione

    Nell'ipertensione e nell'alta pressione, spesso si formano aneurismi, poiché la pressione all'interno dei vasi allunga la parete in un punto difettoso e sottile. Anche le malattie cardiache e renali, i disturbi endocrini e la predisposizione genetica aumentano la pressione. Pertanto, possono essere attribuiti a ragioni indirette per la formazione di sacche vascolari.

    6. Malattia delle arterie

    Le malattie autoimmuni (reumatiche) sono in grado di sviluppare un processo infiammatorio nelle arterie del cervello. Allo stesso tempo, gli autoanticorpi formati dal sistema immunitario attaccano le loro stesse cellule nel corpo. L'infiammazione risultante nel futuro porta allo sviluppo di aneurisma.

    7. placche aterosclerotiche

    Nell'aterosclerosi, i depositi di colesterolo si accumulano sulle pareti vascolari, restringendo il lume e aumentando la pressione nel vaso. In questo caso, il muro si indebolisce e si espande formando una borsa.

    8. Altre ragioni

    Sporgenza sul muro si verifica in presenza di angiopatia amiloide cerebrale. Con questa malattia rara, il lume dei vasi di piccolo diametro si restringe a causa dell'accumulo di amiloide, una proteina patologica. La pressione sanguigna aumenta, così appaiono piccoli aneurismi. Possono essere formati in neoplasie maligne, sindrome paraneoplastica.

    L'aneurisma non è ereditato, in quanto non si applica alle singole malattie. Solo le malattie che causano lo sviluppo di questa patologia sono ereditate, vale a dire:

    • aterosclerosi;
    • ipertensione;
    • Sindrome di Marfan;
    • lupus eritematoso sistemico.

    Tuttavia, a causa di anomalie strutturali congenite esistenti, in rari casi l'aneurisma può essere ereditato come colore dei capelli, talpe o segni di nascita.

    Tipi di aneurisma

    La patologia è saccolata (saccolata), a forma di fuso e longitudinale.

    La protrusione sacculare più comune (verso l'esterno) ha una bocca dello stesso diametro del muro, e il fondo è più largo. Porta a condizioni di nave pericolose:

    • turbolenza nel sangue a causa del sangue che entra nel sacco;
    • rallentando il trasporto di sangue, che crea una carenza di sangue nelle aree della nave dietro la borsa;
    • una torsione nella borsa che può portare alla coagulazione del sangue e allo sviluppo di coaguli di sangue;
    • allungamento eccessivo delle pareti della borsa e sua rottura;
    • forte sporgenza del muro e compressione della sostanza e del tessuto cerebrale.

    L'aneurisma bagulare è il più pericoloso. Se viene rilevato, deve essere fatto funzionare immediatamente, poiché la trombosi e la rottura della sacca possono essere fatali.

    Il rigonfiamento del fuso si verifica spesso sull'aorta e ha la forma di un cilindro. Espande in modo uniforme le pareti vascolari e aumenta il diametro della nave.

    Un aneurisma longitudinale si trova nella parete tra i suoi strati, se sono mal collegati in connessione con processi patologici. Se le estensioni sono piccole, sono difficili da diagnosticare a causa di sintomi lievi. A grandi aumenti, il tessuto cerebrale viene compresso, compaiono sintomi neurologici.

    Le patologie hanno un diametro diverso:

    • fino a 11 mm. - piccolo;
    • fino a 25 mm. - medio;
    • più di 25 mm. - grande

    Bulging si verifica su queste arterie:

    • Cervello: anteriore, posteriore e medio;
    • basilare;
    • cerebellare: superiore e inferiore.

    C'è un falso aneurisma o ematoma pulsante. La patologia viene definita falsa in caso di rottura della nave e comparsa di un ematoma a causa dell'accumulo di sangue che attraversa un difetto attraverso la parete vascolare. Il sangue scorre in una cavità limitata nei tessuti e cambia la pressione in esso. Le conchiglie del muro del vaso non supportano la cavità, quindi un falso aneurisma è chiamato ematoma pulsante. È pericoloso sviluppare forti emorragie attraverso la parete del vaso difettoso.

    Gli aneurismi congeniti in un neonato si formano nell'utero a causa di:

    • infezioni virali durante la gestazione;
    • malattie genetiche che indeboliscono il tessuto connettivo;
    • malattia cronica di una donna incinta;
    • radiazioni ionizzanti sull'organismo materno durante il trasporto di un feto.

    Prigionieri di rottura di vasi sanguigni

    Prima della rottura della parete vascolare, l'aneurisma si manifesta con sintomi gravi:

    • dolore frequente e grave alla testa e alle orbite;
    • un afflusso di sangue alla testa, al collo e al viso;
    • la visione si deteriora e si verifica una diplopia (visione doppia);
    • la percezione del colore è distorta (tutto è visto in colori rossi);
    • crescente acufene;
    • parole difficili da pronunciare;
    • muscoli involontariamente ridotti negli arti;
    • sonno disturbato, con conseguente insonnia o sonnolenza;
    • nausea e vomito, vertigini con aumento della pressione intracranica;
    • compaiono segni meningei: convulsioni, movimento e sensibilità peggiorano;
    • le funzioni dei nervi cranici sono alterate e si manifestano con ptosi (abbassamento della palpebra), asimmetria dei muscoli del viso, raucedine della voce.

    I sintomi di rottura del sacco sanguigno sono espressi da mal di testa improvviso e grave, coscienza compromessa e coma. In un adulto, la respirazione diventa frequente - più di 20 movimenti / min., La frequenza cardiaca - più di 80 battiti / min. Inoltre, l'ictus emorragico progredisce e il battito del cuore rallenta, la bradicardia si sviluppa con una frequenza cardiaca inferiore a 60 battiti / min.

    diagnostica

    Per la rilevazione tempestiva dell'aneurisma e la sua classificazione, viene effettuata una diagnosi completa del paziente: vengono esaminati il ​​liquido cerebrospinale, l'angiografia, la TC e la RM. L'esatta localizzazione e il grado di danneggiamento del vaso, la presenza di particelle di sangue nel midollo spinale, la posizione della rottura, l'identificazione di comorbidità aiutano il chirurgo a scegliere un metodo di terapia e chirurgia per l'aneurisma cerebrale.

    Complicazioni dopo l'intervento chirurgico

    L'intervento chirurgico eseguito con successo consente di salvare la vita del paziente, ma dopo l'intervento chirurgico l'aneurisma cerebrale può avere gravi conseguenze e complicanze.

    È importante saperlo Con qualsiasi intervento chirurgico c'è il rischio di complicazioni e morte. Ma l'aneurisma non operato dà una prognosi sfavorevole, non lascia possibilità di sopravvivere. Pertanto, il beneficio dell'operazione supera il rischio di conseguenze postoperatorie.

    Durante l'operazione, l'aneurisma può rompersi, un palloncino o una spirale può danneggiare la parete della borsa, portare coaguli di sangue nelle arterie della porta accanto e sviluppare una carenza di ossigeno nel tessuto cerebrale. Il paziente può avere una reazione avversa all'anestesia.

    Le complicanze postoperatorie includono:

    • rottura ripetuta dell'arteria e dell'emorragia nella regione della sostanza del cervello;
    • gonfiore del cervello e danni ai centri cerebrali, importanti per la vita del paziente;
    • l'emergere di nuovi coaguli di sangue all'interno dei vasi;
    • spasmo delle arterie;
    • la comparsa di infezioni e convulsioni;
    • visione, udito e parola alterati, memoria;
    • diminuzione della funzione motoria, inclusi equilibrio e coordinazione;
    • sviluppo di ictus.

    Rimuovendo la sacca del sangue fino alla sua rottura, si riducono al minimo le conseguenze gravi. Parzialmente complicazioni vengono eliminate durante l'operazione. Dopo la procedura, i pazienti vengono osservati dal medico, sottoposti a riabilitazione con l'uso di procedure fisioterapiche. Un logopedista lavora con loro per eliminare le difficoltà di linguaggio, uno psicologo, un medico di terapia fisica, un massaggiatore.

    Tipi di interventi chirurgici

    Le operazioni minimamente invasive rafforzano la nave interessata dall'interno per prevenire la rottura dell'aneurisma.
    Come intervento chirurgico minimamente invasivo, viene utilizzata l'embolizzazione del sacco sanguigno: speciali sostanze vengono iniettate nella sua cavità per arrestare il flusso sanguigno. L'embolizzazione viene eseguita usando:

    • colla speciale;
    • alcool con additivi;
    • schiuma gel chirurgica;
    • microsfere.

    Quando il sangue è combinato con una sostanza appiccicosa, indurisce e chiude il flusso sanguigno nella busta. Per eliminare completamente l'aneurisma, la sostanza viene iniettata 3-4 volte. Allo stesso tempo iniettare farmaci, ad esempio, la trombolisi per eliminare il vasospasmo o le droghe chimiche.

    Previene la rottura della parete con il metodo a palloncino. Catetere di 2 mm di larghezza e un palloncino allarga una porzione ristretta dell'arteria. Affinché la nave mantenga la permeabilità, viene impiantato uno stent o elica. I chirurghi durante l'operazione installano e aprono "trappole per ombrelli" nella direzione del flusso sanguigno. Sono necessari a causa del rischio aumentato di un coagulo di sangue durante un'operazione e come misura preventiva.

    Operazione aperta

    Viene anche eseguita un'operazione aperta, durante la quale viene aperto il cranio. Continuare il trattamento ritagliando o rimuovendo l'aneurisma con metodi diversi. Con un'operazione riuscita, il lume della nave si normalizza e la pressione sanguigna diminuisce sulla parete vascolare. Ciò impedisce lo sviluppo di re-aneurisma e la sua rottura nel sito di escissione.

    ritaglio

    Esegui trepanning del cranio e forma un buco temporaneo. Un'attrezzatura speciale aiuta il chirurgo a trovare il punto della lesione, a separare la nave dalla sostanza del cervello e dei tessuti e a mettere una clip di titanio sul collo della borsa. È escluso dal flusso sanguigno, prevenendo la rottura. La durata dell'operazione è compresa tra 3 e 6 ore.

    Blocco dell'arteria portante

    Con l'aiuto dell'occlusione e del trapping, non è il collo della borsa che viene disconnesso, ma l'arteria di supporto in cui si trova. Con buone possibilità alternative di fornire sangue all'area del cervello, il paziente trasferisce in modo sicuro questo blocco.

    A causa di una certa posizione degli aneurismi dopo l'intrappolamento, si verifica la carenza di ossigeno nel cervello. Questo è irto di un grave difetto neurologico o di un infarto cerebrale.

    Avvolgere una nave danneggiata

    Per eliminare l'aneurisma in situazioni difficili, l'arteria non è disattivata, ma avvolta sulla nave con il proprio muscolo o utilizzata per questa garza chirurgica. Quindi rafforza il muro dell'arteria. La sclerosi dell'aneurisma inizia con la crescita del tessuto connettivo denso.

    Effetti dell'aneurisma cerebrale dopo l'intervento chirurgico

    Caratteristiche della malattia dell'aneurisma cerebrale e conseguenze dopo l'intervento chirurgico

    Tutte le informazioni sul sito sono fornite solo a scopo informativo. Prima di applicare qualsiasi raccomandazione, assicurarsi di consultare il proprio medico. L'automedicazione può essere pericolosa per la salute.

    Quando si nota un aneurisma cerebrale, gli effetti dopo l'intervento hanno caratteristiche positive nella metà dei casi. Le complicazioni dovute al trattamento chirurgico sono osservate nei pazienti solo nei casi in cui l'operazione viene eseguita dopo la rottura della nave. Per evitare questo, è necessario seguire tutte le istruzioni del medico.

    Stai attento

    Il mal di testa è il primo segno di ipertensione. Nel 95% del mal di testa si verifica a causa di alterata circolazione del sangue nel cervello umano. E la principale causa di alterazione del flusso sanguigno è il blocco dei vasi sanguigni a causa di una dieta scorretta, cattive abitudini e stile di vita inattivo.

    C'è un numero enorme di farmaci per il mal di testa, ma tutti hanno effetto sull'effetto, non sulla causa del dolore. Le farmacie vendono antidolorifici che semplicemente coprono il dolore e non curano il problema dall'interno. Da qui un numero enorme di infarti e ictus.

    Ma cosa fare? Come essere trattati se c'è inganno ovunque? LA Bockeria, MD, ha condotto le sue indagini e ha trovato una via d'uscita da questa situazione. In questo articolo, Leo Antonovich ha detto come è LIBERO evitare la morte a causa di vasi sanguigni ostruiti, picchi di pressione e ridurre il rischio di infarto e ictus del 98%! Leggi l'articolo sul sito ufficiale dell'Organizzazione mondiale della sanità.

    Come parte della Fed. programmi, ogni residente della Federazione Russa può ottenere un rimedio per l'ipertensione GRATIS:

    Prendi un pacchetto di rimedi per l'ipertensione GRATIS

    1 sintomi della malattia

    L'aneurisma cerebrale è una patologia di uno dei vasi. Le pareti di quest'ultimo in qualsiasi luogo (occipitale, parte frontale della testa) iniziano a gonfiarsi dal sangue accumulato.

    Questo sito è anelastico. Nella corteccia cerebrale non c'è tessuto muscolare che si solleva e impedisce alla parete del vaso di espandersi. Pertanto, gli effetti dell'aneurisma possono essere molto tristi.

    Nell'uomo, nella corteccia cerebrale di cui esiste un'anomalia del vaso, le pareti venose possono rompersi in qualsiasi momento. Quindi il sangue si diffonde attraverso il tessuto cerebrale. In alcuni punti si accumula e lì si verifica la necrosi. A seconda di quale parte del cervello è danneggiata, questo o quell'organo potrebbe fallire.

    Ho studiato le cause del mal di testa per molti anni. Secondo le statistiche, nell'89% dei casi, la testa fa male a causa di vasi sanguigni ostruiti, che porta all'ipertensione. La probabilità che un mal di testa innocuo finisca con un ictus e la morte di una persona è molto alta. Circa due terzi dei pazienti muoiono entro i primi 5 anni di malattia.

    Il fatto seguente: puoi bere una pillola dalla testa, ma non cura la malattia stessa. L'unica medicina che è ufficialmente raccomandata dal Ministero della Salute per il trattamento del mal di testa ed è usata anche dai cardiologi nel loro lavoro è Normio. Il farmaco influenza la causa della malattia, rendendo possibile eliminare completamente il mal di testa e l'ipertensione. Inoltre, nell'ambito del programma federale, ogni residente della Federazione Russa può ottenerlo gratuitamente!

    Inoltre, la rottura della nave può essere la causa della morte. Questo risultato si verifica nel 50% dei casi. Se il paziente sopravvive a una rottura della nave, un quarto di questi pazienti viene disabilitato.

    I sintomi dell'aneurisma si manifestano sempre chiaramente, poiché nella maggior parte dei casi il vaso gonfio preme sul tessuto circostante. È importante prestare attenzione alla condizione umana nel tempo.

    Il paziente può improvvisamente iniziare a lamentarsi di frequenti forti mal di testa in una certa parte della testa, visione offuscata, tinnito. Il suo aspetto cambia: appare uno strabismo, un'omissione delle palpebre (in alcuni casi, un'espansione della pupilla). Convulsioni simili a crisi epilettiche possono iniziare inaspettatamente.

    In tutte queste situazioni è meglio consultare un medico. È probabile che dopo la ricerca sui dispositivi diagnostici, verrà rivelato l'aneurisma del cervello. Un risultato positivo richiede un intervento immediato.

    I nostri lettori scrivono

    Benvenuto! Il mio nome è
    Lyudmila Petrovna, voglio esprimere la mia benevolenza a te e al tuo sito.

    Alla fine, sono stato in grado di superare l'ipertensione. Tengo un'immagine attiva
    vita, vivi e goditi ogni momento!

    Dall'età di 45 anni iniziarono i salti di pressione, divenne bruscamente brutto, costante apatia e debolezza. Quando ho compiuto 63 anni, ho già capito che la vita non era lunga, tutto era molto brutto. Chiamavano l'ambulanza quasi ogni settimana, sempre pensavo che questa volta sarebbe stata l'ultima.

    Tutto è cambiato quando mia figlia mi ha dato un articolo su Internet. Non ho idea di quanto la ringrazio per questo. Questo articolo mi ha letteralmente tirato fuori dal mondo. Gli ultimi 2 anni hanno iniziato a muoversi di più, in primavera e in estate vado in campagna tutti i giorni, coltivo pomodori e li vendo sul mercato.

    Chi vuole vivere una vita lunga e vigorosa senza colpi, infarti e pressioni, impiega 5 minuti e legge questo articolo.

    2 Possibili complicazioni

    La chirurgia per rimuovere l'aneurisma è una delle più difficili.

    Durante esso è possibile rompere una nave anormale o danneggiare la parete, rimozione incompleta di coaguli di sangue.

    Spesso in tali casi, le conseguenze dell'operazione sono caratterizzate dalle seguenti complicazioni:

    • ischemia cerebrale parziale;
    • l'emergere di un nuovo aneurisma;
    • periodo di riabilitazione duro e lungo.

    A volte dopo la prima operazione, è necessario un intervento re-chirurgico.

    Anche con una probabilità significativa di morte, il rischio è giustificato. Dopo l'intervento chirurgico, nella maggior parte dei casi, oltre la metà dei pazienti sopravvive, alcuni di loro continuano a condurre una vita normale, sono normodotati.

    Storie dei nostri lettori

    Mi sono liberato di un mal di testa per sempre! Mezzo anno è già passato, come ho dimenticato che mal di testa è. Oh, non hai idea di quanto ho sofferto, quanto ho provato - niente ha aiutato. Quante volte sono andato in clinica, ma mi sono stati prescritti ripetuti farmaci inutili, e quando sono tornato i dottori hanno semplicemente fatto spallucce. Alla fine, ho affrontato il mal di testa e grazie a questo articolo. Chiunque abbia spesso mal di testa è una lettura obbligata!

    Leggi l'articolo completo >>>

    Al fine di evitare il deterioramento della qualità della vita in futuro, tutti i pazienti senza eccezione, che rimuovono l'aneurisma cerebrale, dovrebbero essere costantemente monitorati da un medico.

    3 riabilitazione dopo il trattamento

    Le conseguenze dell'operazione trasferita possono passare in un mese. Anche la riabilitazione è possibile fino a 2 anni. Tutto dipende dalle difficoltà sorte durante il trattamento chirurgico, l'età del paziente, le complicazioni dopo l'intervento.

    In alcuni casi, il paziente ha bisogno di essere rieditato per leggere e scrivere, per servire se stesso. Necessario sono ginnastica terapeutica, agopuntura.

    Tutti i pazienti senza eccezione nel periodo postoperatorio assumono un numero di farmaci che ripristinano la funzione del cervello, dei vasi sanguigni e delle condizioni generali del corpo.

    Tali farmaci comprendono: agenti di rafforzamento vascolare, farmaci che stabilizzano la pressione sanguigna. È necessario che la nave operata sia stata completamente restaurata, non è stato formato nessun nuovo aneurisma.

    È necessario assumere farmaci nootropici che migliorano l'afflusso di sangue al cervello, aiutano a ottimizzare il suo lavoro. Il paziente prende anche farmaci vasodilatatori. Anche le erbe aiutano.

    Nel periodo postoperatorio, dovresti seguire la dieta con l'ipocolesterolo. Nella dieta non dovrebbero essere muffin, cibi grassi, carni affumicate.

    Il paziente deve evitare situazioni stressanti, dormire a sufficienza. Nel periodo postoperatorio, la vita dovrebbe essere misurata, calma. Se possibile, dopo la riabilitazione iniziale, vale la pena riposare nelle condizioni di un sanatorio per tali pazienti.

    Un modo semplice ma efficace per sbarazzarsi di un mal di testa! Il risultato non tarda ad arrivare! I nostri lettori hanno confermato che usano con successo questo metodo. Dopo aver attentamente studiato, abbiamo deciso di condividere con voi.

    Spesso, dopo un certo periodo, tutte le funzioni del corpo vengono ripristinate completamente. La vita del paziente non è molto diversa dalla vita delle normali persone sane.

    Pensi ancora che sia difficile sconfiggere il mal di testa?

    • Sei tormentato da mal di testa episodici o regolari.
    • Stringe la testa e gli occhi o "batte un martello" sulla parte posteriore della testa o colpisce nelle tempie
    • A volte con un mal di testa ti senti male e le vertigini?
    • Tutto inizia a infuriare, diventa impossibile lavorare!
    • Esprimi la tua irritabilità sui tuoi parenti e colleghi?

    Smettila di tollerarlo, non puoi più aspettare, ritardando il trattamento. Leggi cosa consiglia Elena Malysheva e scopri come liberarti di questi problemi.

    Rottura dell'aneurisma cerebrale

    Un aneurisma cerebrale rotto è una grave patologia dei vasi sanguigni del cervello, con conseguente grave interruzione del suo funzionamento o la morte di un paziente.

    L'aneurisma cerebrale è chiamato protrusione del muro della sua nave. È causato da deviazioni nella struttura delle pareti vascolari - nel caso dell'aneurisma, non ha uno strato di muscoli e una membrana elastica, e quindi perde elasticità. Una tale nave non è in grado di riprendersi dal rilascio di alta pressione sanguigna e diventa cambiamenti irreversibili.

    La nave rigonfiatrice schiaccia i tessuti circostanti, ma la cosa più pericolosa è che, una volta diluito, minaccia di rompersi in qualsiasi momento e causare emorragie cerebrali.

    Un altro nome per patologia è una rottura dell'aneurisma cerebrale o intracranico.

    Assegni le forme congenite e acquisite della malattia. Tuttavia, il primo è raramente trovato subito dopo la nascita. In media, l '"età" della malattia è di 30-60 anni, e le donne, secondo le statistiche, sono ammalate più spesso degli uomini. La rottura di aneurisma è diagnosticata, di regola, in pazienti più vecchi di 50 anni.

    Aneurisma cerebrale: eziologia

    Le cause degli aneurismi cerebrali non sono completamente comprese, ma i medici identificano i fattori più significativi che contribuiscono alla formazione della patologia:

    • Il fattore di ereditarietà, che implica una carenza di tipo di collagene III. In questo caso, l'aneurisma si verifica nei luoghi della più grande tortuosità dell'arteria o nel punto della sua divisione. Altre anomalie vengono solitamente rilevate - ipoplasia dell'arteria renale, coartazione aortica, per esempio.
    • Embolia batterica, micotica o tumorale, cioè il trasporto degli elementi di un tumore maligno, microrganismi batterici o fungini dal sangue;
    • Ialinosi delle pareti vascolari, che è un tipo di distrofia proteica extracellulare dei tessuti;
    • aterosclerosi;
    • Lesioni vascolari in passato;

    La genesi di un aneurisma cerebrale può essere associata a una pressione sanguigna elevata ea un flusso sanguigno irregolare. In pericolo - zone di arterie, dove sono divise in ramificazioni più piccole. È qui che viene rilevata la massima pressione del flusso sanguigno sulla parete alterata del vaso, che causa l'aneurisma dei vasi cerebrali e minaccia di romperlo.

    Abitudini negative come il fumo, l'alcolismo, l'assunzione di stupefacenti aumentano significativamente il rischio di sviluppare aneurisma. La presenza di gravi malattie concomitanti, come diabete, aterosclerosi, ipertensione. aumentare il rischio di rottura dell'aneurisma.

    Rottura di aneurisma cerebrale: quadro clinico

    L'aneurisma cerebrale è asintomatico o, al contrario, si manifesta con frequenti mal di testa, diminuzione della vista e dell'udito, paralisi dei nervi facciali e delle mani. Sintomi simili sono causati dalla compressione di varie aree del cervello da parte dell'aneurisma.

    Un quadro completamente diverso viene osservato alla rottura, dopo di che il sangue riempie il bacino dell'arteria nella regione dell'aneurisma. Un aneurisma cerebrale rotto è caratterizzato da sintomi gravi:

    • Forte, improvviso mal di testa, combinato con confusione o perdita di coscienza. I pazienti spesso confrontano questo dolore con un colpo inaspettato e forte alla testa;
    • Tachipnea, cioè aumento della respirazione fino a 20 ritmi respiratori al minuto;
    • La comparsa di tachicardia (aumento della frequenza cardiaca a 80 o più al minuto), che viene poi sostituito da bradicardia (meno di 60 battiti cardiaci al minuto);
    • Nel 10-20% dei casi, il verificarsi di convulsioni di natura generalizzata.

    Sfortunatamente, queste condizioni finiscono con gravi cambiamenti irreversibili nel cervello o nella morte di un paziente. Un alto tasso di mortalità è notato anche con il ricovero tempestivo del paziente.

    Rottura dell'aneurisma cerebrale: conseguenze

    I sintomi e gli effetti di un aneurisma cerebrale sono dovuti alla localizzazione dell'emorragia. Quando si sviluppa un'emorragia subaracnoidea (il sangue viene versato nello spazio del rivestimento del cervello) si verifica un blocco nei percorsi lungo il quale il liquido cerebrospinale (fluido cerebrale) viene scaricato, che è irto di idrocefalo occlusivo (edema cerebrale) e dislocazione (cambiamento nella posizione delle strutture cerebrali).

    Nell'emorragia intracerebrale si forma un ematoma, poiché il tessuto nervoso è intriso di sangue. I prodotti di decadimento del sangue colpiscono il tessuto cerebrale, con conseguente necrosi di quest'ultimo.

    La conseguenza della rottura dell'aneurisma è anche l'angiospasmo. cioè, un restringimento acuto del lume dei vasi periferici, che porta ad una mancanza di nutrizione delle cellule con ossigeno. Ischemia, o ictus ischemico secondario, si verifica.

    Il più pericoloso è il versamento di sangue nei ventricoli del cervello. le cui conseguenze sono coma o morte istantanea.

    Per un aneurisma cerebrale, gli stessi effetti dopo una rottura sono tipici dell'ictus ischemico o emorragico. Le aree di emorragia cerebrale cessano di funzionare, si verificano cambiamenti irreversibili nei tessuti. Questo, a sua volta, influenza il funzionamento di qualsiasi sistema del corpo umano. Quando una rottura avviene con necrosi tissutale, e quindi anche la riabilitazione del paziente non è in grado di riportarlo alla sua vita precedente.

    La rottura dell'aneurisma, oltre a un alto rischio di morte, è irto dello sviluppo delle seguenti complicanze:

    • Edema cerebrale dovuto a violazioni della deviazione dei liquori;
    • Ischemia del tessuto cerebrale, caratterizzata dalla loro morte;
    • Rottura ripetuta, che aumenta significativamente il rischio di morte del paziente;
    • Spasmo vascolare

    Tra le conseguenze più comuni della rottura di un aneurisma intracranico, ci sono anche:

    • Coordinamento, paralisi;
    • Difficoltà nella deglutizione, che causano malattie dell'apparato digerente o polmonite grave;
    • Compromissione cognitiva e anomalie psicologiche comportamentali;
    • La mancanza di coordinamento delle funzioni visive e motorie (per esempio, una persona vede un vetro, ma non può prenderlo in mano, poiché la percezione visiva è distorta).
    • Epilessia.

    Rottura dell'aneurisma cerebrale: diagnosi

    Occorre fare una distinzione tra procedure diagnostiche volte ad identificare l'aneurisma cerebrale e diagnosticare la rottura dell'aneurisma. Il secondo si rivela come sintomi acuti dolorosi, respiro accelerato, tachicardia, alternanza di bradicardia.

    È piuttosto difficile individuare l'aneurisma cerebrale, poiché i sintomi non sono tipici esclusivamente di questa patologia o sono completamente assenti.

    I dati più affidabili e accurati per la diagnosi di aneurisma e la sua rottura sono dati da immagini a risonanza magnetica e computerizzata. La risonanza magnetica fornisce la migliore immagine pur rimanendo completamente al sicuro. Tuttavia, una controindicazione al suo utilizzo è la presenza di pacemaker e altri dispositivi di impianto nel corpo del paziente.

    Grazie alla TC e alla risonanza magnetica, è possibile ottenere informazioni sulla presenza dell'aneurisma, delle sue dimensioni e posizione, della forza di pressione sul tessuto circostante, ecc.

    Rottura dell'aneurisma cerebrale: trattamento

    Il trattamento di un aneurisma cerebrale rotto è sempre un'operazione, e questo implica l'uso di uno dei metodi chirurgici.

    1. Operazione di scansione del cranio

    È un intervento chirurgico estremamente complesso, che implica tecniche microchirurgiche e il taglio simultaneo del collo dell'aneurisma. Il compito della procedura è di mantenere l'aneurisma fuori dal flusso sanguigno mantenendo la pervietà della nave e della nave circostante. Anche durante l'operazione, i coaguli di sangue vengono rimossi dallo spazio subaracnoideo.

    Non implica l'apertura del cranio, ed è attraverso una puntura nell'arteria femorale. Lo scopo della procedura è anche quello di spegnere l'aneurisma dalla circolazione sanguigna, ma chiudendo il lume nel vaso, che si è formato a causa della rottura dell'aneurisma.

    Pertanto, l'obiettivo di entrambi i tipi di intervento chirurgico è quello di eliminare gli effetti della rottura, bloccando il lume formato nella nave ed escludendo la nave dalla circolazione sanguigna al fine di prevenire ulteriori danni.

    Con un risultato favorevole dell'operazione sull'aneurisma cerebrale, il paziente sta aspettando un corso di neuroriabilitazione. L'ulteriore compito dei medici è prevenire il ri-sviluppo dell'aneurisma e la sua rottura. A tal fine, vengono fatti tentativi per eliminare i fattori di aneurisma, che si ottiene assumendo farmaci, cambiando lo stile di vita del paziente. Di norma, vengono prescritti farmaci per prevenire il vasospasmo, abbassando la pressione sanguigna. Poiché la conseguenza della rottura dell'aneurisma sono anche mal di testa, nausea, confusione, vengono prescritti farmaci per eliminare questi segni.

    Se parliamo di pronto soccorso in caso di sospetta rottura dell'aneurisma cerebrale, è importante prevenire l'edema cerebrale e ridurre il grado di emorragia. A tal fine, la vittima viene posta, dando alla testa una posizione sublime. Ciò garantirà il flusso naturale di sangue. È consentito applicare il freddo alla testa, perché rallenta il flusso sanguigno, contribuisce alla coagulazione del sangue.

    In ogni caso, va notato che prima si inizia la riabilitazione, maggiori sono le possibilità che la vittima abbia una vita migliore dopo un aneurisma cerebrale rotto.

    Cos'è il clipping dell'aneurisma vascolare, le conseguenze

    L'aneurisma cerebrale si verifica quando cambiamenti patologici nei vasi cambiano la loro forma. Diventano sottili e fragili, si allungano e sporgono. Si forma un sacco aneurismatico nel sito di deformità, che può successivamente esplodere, portando a emorragia intracranica.

    La probabilità di un risultato letale a una rottura di una nave è molto alta, perciò a conferma della diagnosi urgentemente l'intervento chirurgico è effettuato. In questo caso, il ritaglio dell'aneurisma cerebrale viene eseguito più spesso, tranne in situazioni in cui la borsa è troppo profonda.

    L'essenza del clipping dell'aneurisma, il corso dell'operazione

    Parlando di ciò che sta tagliando l'aneurisma, intendono la procedura per bloccare l'aneurisma dal flusso di sangue generale. Questo viene fatto sovrapponendo la clip sul collo della nave colpita.

    A seconda della forma dell'aneurisma, potrebbe essere necessario fissare i morsetti su entrambi i lati. Per accedere al sito desiderato, viene eseguita la trapanazione del cranio.

    Come è l'operazione?

    Durante la manipolazione, vengono eseguite le seguenti azioni:

    1. Il paziente fa l'anestesia generale.
    2. Eseguire il trepanation dell'area desiderata del cranio.
    3. Buco escisso Kranitom.
    4. La copertura solida di un cervello è aperta.
    5. L'area interessata è determinata e separata dai restanti tessuti.
    6. L'aneurisma è disconnesso dal flusso sanguigno generale per mezzo di una sovrapposizione di clip.
    7. Il cranio è restaurato. Il foro asportato viene fissato con piastre e viti.

    L'operazione richiede accuratezza e attenzione da parte del chirurgo. Durante la procedura vengono utilizzate varie apparecchiature microchirurgiche. Se il medico vede che i vasi sono diluiti, può avvolgerli con garze chirurgiche o particelle muscolari. Ciò ridurrà il rischio di rottura con l'aumentare della pressione.

    Indicazioni e controindicazioni per la chirurgia

    La decisione sull'operazione viene presa dal medico curante dopo che il paziente ha accettato la procedura. Le principali indicazioni a scopo di ritaglio sono:

    • aneurisma, che raggiunge 7 mm o più;
    • predisposizione genetica alle rotture del sacco aneurismatico.

    Quando l'operazione è controindicata

    In alcuni casi, l'operazione dovrebbe essere abbandonata:

    1. Nelle malattie del sistema circolatorio.
    2. Con scompenso del diabete.
    3. In presenza di processi infiammatori e infettivi acuti.
    4. Se l'asma bronchiale ha un decorso grave.
    5. Con esacerbazione di malattie croniche.

    Il ritaglio non viene eseguito quando l'aneurisma si trova abbastanza in profondità.

    Politica dei prezzi

    La questione di quanto costi di un'operazione può essere risposto in modi diversi. Con l'ospedalizzazione pianificata, il paziente ha diritto alla cura gratuita. Per fare questo, quando si contatta il Ministero della Salute, è necessario compilare il documento e fornire i documenti pertinenti.

    In questo caso, potrebbero essere necessarie diverse settimane o mesi per prendere in considerazione l'applicazione e stanziare fondi dal budget.

    Se non c'è tempo, allora si può andare in clinica privatamente, quindi il costo della procedura sarà da 80 a 180 mila rubli. Dipende dalla complessità dell'operazione, dal prestigio della clinica e dalle qualifiche dei medici, nonché dal prezzo dei materiali da utilizzare nel processo di ritaglio.

    Come prepararsi per la procedura

    Quando si sceglie un metodo di trattamento dell'aneurisma condurre una serie di esami. Fondamentalmente è:

    • Analisi generale del sangue, delle urine.
    • Analisi del sangue per biochimica e malattie infettive.
    • Radiografia.
    • Cardiogramma.
    • Esame da parte di un terapeuta e di un neurologo, a volte da altri specialisti, a seconda dei sintomi.
    • Angiografia a risonanza magnetica. Indicato con aneurisma da 3 mm.
    • La TC è necessaria per ottenere un quadro complessivo nella formazione di 5 mm. Può essere utilizzato per rilevare calcificazioni e coaguli di sangue all'interno dell'aneurisma.
    • L'angiografia con sottrazione digitale ti consente di vedere l'educazione a 3 mm.

    Prima del taglio dei vasi cerebrali è necessario preparare il corpo per la chirurgia. Per fare questo, effettuare la normalizzazione delle malattie esistenti: compensare il diabete, la pressione arteriosa e altre malattie croniche che si verificano in forma acuta.

    Dopo l'esame da parte del chirurgo, un anestesista e la compilazione del consenso, viene impostata la data dell'operazione. Alla vigilia dell'assunzione di cibo e liquidi dopo le 18:00 non è raccomandato.

    Periodo postoperatorio

    Per consentire al paziente di tornare rapidamente al suo solito stile di vita dopo l'intervento, gli viene mostrata la pace e un atteggiamento positivo.

    Quando si esegue un'operazione pianificata, il paziente viene lasciato per diversi giorni nell'unità di terapia intensiva al fine di essere in grado di fornire assistenza medica in tempo in caso di complicanze. Dopo il tempo specificato il paziente viene trasferito al reparto generale.

    Nel periodo postoperatorio, una rapida affaticabilità e debolezza possono destare preoccupazione. Pertanto, sono raccomandati riposo completo e riposo a letto.

    Il mal di testa è anche un frequente compagno dell'operazione di clipping dell'aneurisma. Questo sintomo viene eliminato con i narcotici, pertanto, in caso di emicranie forti e frequenti, è necessario consultare il proprio medico.

    Il periodo totale di riabilitazione è di circa due mesi. È importante tenere conto della presenza di altre malattie e della loro gravità, lo stato in cui si trovava il paziente al momento del clipping. Se l'operazione era pianificata e la dimensione della formazione era insignificante, allora la procedura è trasferita più facilmente, il recupero del corpo avviene più velocemente.

    L'operazione è pericolosa, cosa dovrei preparare per il ritaglio?

    Il deterioramento dopo l'operazione è piuttosto raro. Secondo le statistiche, questo numero non supera il 10%. Ma accettando il trattamento di un aneurisma, il paziente deve valutare tutti i rischi coinvolti.

    Le conseguenze possono essere molto diverse: a partire da lievi violazioni del linguaggio, memoria, attenzione, mal di testa costante e fine con complicanze ischemiche, edema polmonare e in alcuni casi fatali.

    Ma non vale ancora la pena di rifiutare l'operazione, la condizione principale per il trattamento di successo è la selezione di personale qualificato, il rispetto di tutte le raccomandazioni del medico e la diagnosi tempestiva delle complicanze nel periodo postoperatorio.

    Nella maggior parte dei casi, si verificano complicanze con rottura preoperatoria dell'aneurisma o sanguinamento durante la procedura.

    • Coordinazione motoria compromessa o diminuzione della sensibilità degli arti, paralisi.
    • Disfunzione dell'apparato vocale.
    • Visione ridotta
    • Chiusura delle navi
    • Disturbi psicologici
    • La comparsa di epilessia.

    Aspettativa di vita dopo la procedura

    In generale, se vengono seguite tutte le raccomandazioni e l'operazione viene eseguita in modo tempestivo, l'aspettativa di vita del paziente non viene ridotta.

    In caso di rifiuto del trattamento, l'aneurisma aumenterà gradualmente di dimensioni e, alla fine della sua rottura, si verificherà un'emorragia, che spesso porta alla morte.

    I principali consigli per una pronta guarigione sono:

    • Nutrizione di revisione.
    • Razionamento dell'attività fisica.
    • Osservazione di un neurologo.
    • Rifiuto di cattive abitudini.
    • Il passaggio di Mr angiografia e TAC 6 mesi dopo l'intervento.
    • Monitoraggio dello stato per evitare nuove formazioni.

    Disabilità dell'aneurisma

    La questione della nomina di una disabilità dopo la craniotomia viene decisa durante l'esame socio-medico. In generale, solo il 7-10% di quelli operati ha bisogno di benefici. La condizione viene valutata in base ai seguenti criteri:

    1. La presenza di uno squilibrio funzionale sistematico dovuto all'operazione.
    2. Inabilità parziale, questa può essere una limitazione della mobilità e menomazione mentale.
    3. Il bisogno di riabilitazione.

    Se le complicazioni elencate persistono durante tutto l'anno, si determina la disabilità dei gruppi I, II o III, a seconda dei sintomi:

    • Il gruppo I viene dato a individui che non possono provvedere da soli, hanno bisogno di supervisione e cura costanti. Questi cittadini sono considerati incapaci, il loro guardiano è assegnato a loro.
    • Il gruppo II della disabilità prevede una parziale violazione della funzionalità del corpo dopo la malattia. Una persona può essere considerata parzialmente incapace.
    • Il gruppo III è progettato per persone con disfunzione moderata del corpo. Ad esempio, paralisi parziale, disorientamento, perdita dell'udito. Questa categoria di persone con disabilità non ha bisogno di una supervisione costante. Loro stessi possono eseguire tutte le attività di auto-cura necessarie.

    Nel determinare il gruppo appropriato, vengono valutati gli effetti dell'operazione, il tipo e la posizione dell'aneurisma. Un argomento importante è la presenza di disturbi mentali ed epilessia.

    Sulla base delle statistiche, oltre il 40% dei pazienti operati riprende le normali attività lavorative dopo il periodo di riabilitazione. Il resto dei cittadini normodotati è riqualificato in istituzioni speciali e può occupare posizioni con condizioni lavorative ridotte.

    L'aneurisma del cervello è una rottura pericolosa della nave. La decisione di condurre l'operazione dovrebbe essere presa dal paziente con una comprensione di tutti i possibili rischi e complicanze. In generale, la vita dopo il ritaglio non è molto diversa dal periodo preoperatorio. I criteri principali per una manipolazione di successo sono la diagnosi tempestiva della malattia e il rispetto delle raccomandazioni del medico curante.

    Fonti: http://saymigren.net/vtorichnye/cerebral-vessels/anevrizma-golovnogo-mozga-posledstviya-posle-operacii.html, http://umozg.ru/zabolevanie/razryv-anevrizmy-golovnogo-mozga.html http://prososud.ru/mozg/klipirovaniye-anevrizmi.html

    Trarre conclusioni

    Attacchi di cuore e ictus rappresentano quasi il 70% di tutti i decessi nel mondo. Sette persone su dieci muoiono a causa del blocco delle arterie del cuore o del cervello. E il primo e più importante segnale di occlusione vascolare è un mal di testa!

    Particolarmente spaventoso è il fatto che molte persone non sospettano nemmeno di avere una violazione nel sistema vascolare del cervello e del cuore. Le persone bevono antidolorifici - una pillola dalla testa, quindi perdono l'opportunità di aggiustare qualcosa, semplicemente condannando se stessi fino alla morte.

    Il blocco vascolare si traduce in una malattia sotto il nome ben noto "ipertensione", qui ci sono solo alcuni dei suoi sintomi:

    • mal di testa
    • cardiopalmus
    • Punti neri prima degli occhi (mosche)
    • Apatia, irritabilità, sonnolenza
    • Visione sfocata
    • sudorazione
    • Stanchezza cronica
    • Gonfiore del viso
    • Intorpidimento e brividi
    • Salti di pressione
    Attenzione! Anche uno di questi sintomi dovrebbe farti meravigliare. E se ce ne sono due, allora non esitare: hai l'ipertensione.

    Come trattare l'ipertensione, quando c'è un gran numero di farmaci che costano un sacco di soldi? La maggior parte delle droghe non farà nulla di buono, e alcuni potrebbero persino ferire!

    L'unica droga che ha dato significativo
    il risultato è Normio

    Prima dell'Organizzazione mondiale della sanità sta conducendo un programma "no ipertensione". Come parte del quale il farmaco Normio viene rilasciato gratuitamente a tutti i residenti della città e della regione!

    Inoltre, Leggere Imbarcazioni

    MRI o EEG - quale tipo di ricerca è migliore

    Prima di essere diagnosticata una qualsiasi malattia del cervello, molti più di una volta hanno pensato che sarebbe stato meglio e più accurato identificare i cambiamenti patologici in questo organo.

    Ritmo sinusale: cos'è, come appare sull'ECG, possibili violazioni

    Da questo articolo, imparerai cosa significa il ritmo sinusale del cuore, quali deviazioni potrebbero essere, imparare come identificare i segni del ritmo sinusale normale e patologico usando un ECG.

    Esercizi post-ictus: per il tronco, le braccia e la coordinazione

    Da questo articolo imparerai: quanto è importante la ginnastica dopo un ictus per ripristinare le funzioni cerebrali perse, quali esercizi contribuiscono alla ripresa dei movimenti nelle parti paralizzate del corpo.

    Cosa sono i neutrofili a banda e il loro tasso nel sangue

    Ovviamente, un esame del sangue svolge un ruolo significativo nella diagnosi delle malattie. La conoscenza della partecipazione di vari tipi di leucociti nella vita dell'organismo rende possibile identificare anomalie nel tempo e patologia sospetta.

    Esame del sangue per l'urea e la creatinina

    Lascia un commento 58,878Un esame del sangue biochimico per l'urea e la creatinina, prescritto da un medico, è un altro modo per rilevare i disordini metabolici nel corpo umano.

    Cosa fare quando il sangue è troppo spesso

    Il sangue è un ambiente biologico che fornisce vita umana. Grazie al lavoro del sistema cardiovascolare, fornisce ai tessuti nutrienti essenziali e ossigeno per la normale divisione e crescita cellulare.