L'arteria carotide è la più grande nave del collo responsabile per l'afflusso di sangue alla testa. Pertanto, è fondamentale riconoscere nel tempo eventuali patologie congenite o acquisite di questa arteria al fine di evitare conseguenze irreparabili. Fortunatamente, tutta la tecnologia medica avanzata per questo è.

contenuto

L'arteria carotide (lat Arteria carotis communis) è uno dei vasi più importanti che alimentano le strutture della testa. Alla fine risulta nelle arterie cerebrali che costituiscono la cerchia dei pellegrini. Si nutre di tessuto cerebrale.

Posizione anatomica e topografia

Il punto in cui si trova l'arteria carotide sul collo è la superficie antero-laterale del collo, direttamente sotto o attorno al muscolo sternocleidomastoideo. È interessante notare che l'arteria carotidea sinistra comune (carotide) si dirama immediatamente dall'arco aortico, mentre quella destra proviene da un'altra grande nave - una testa brachiale che lascia l'aorta.

La posizione dell'arteria carotide comune

La regione delle arterie carotidi è una delle principali zone riflessogene. Al posto della biforcazione è il seno carotideo - un groviglio di fibre nervose con un gran numero di recettori. Quando viene premuto, la frequenza cardiaca rallenta e, con una brusca corsa, può verificarsi un arresto cardiaco.

Nota. A volte, per fermare le tachiaritmie, i cardiologi premono sulla posizione approssimativa del seno carotideo. Da questo ritmo diventa meno frequente.

Seno carotideo e topografia dei nervi rispetto alle arterie carotidi

Biforcazione dell'arteria carotide, vale a dire la sua divisione anatomica in esterna e interna, può essere localizzata topograficamente:

  • a livello del bordo superiore della cartilagine tiroidea laringea (la versione "classica");
  • a livello del bordo superiore dell'osso ioide, appena sotto e davanti all'angolo della mascella inferiore;
  • a livello dell'angolo arrotondato della mascella inferiore.

In precedenza, abbiamo già scritto sul blocco delle arterie coronarie e abbiamo raccomandato di aggiungere questo articolo ai segnalibri.

È importante Questo non è un elenco completo di possibili siti di biforcazione a. carotis communis. La posizione della biforcazione può essere molto insolita, ad esempio sotto l'osso mandibolare. E non ci può essere alcuna biforcazione quando le arterie carotidi interne ed esterne partono immediatamente dall'aorta.

Schema della carotide. Versione "classica" della biforcazione

L'arteria carotide interna nutre il cervello, l'arteria carotide esterna - il resto della testa e la superficie anteriore del collo (la regione orbitale, i muscoli masticatori, la faringe, la regione temporale).

Varianti di rami delle arterie che alimentano gli organi del collo dall'arteria carotide esterna

I rami dell'arteria carotide esterna sono rappresentati da:

  • l'arteria mascellare (da 9 a 16 arterie partono da essa, comprese le arterie palatina discendente, infraorbitale, alveolare, meningea centrale, ecc.);
  • arteria temporale superficiale (fornisce sangue alla pelle e ai muscoli della regione temporale);
  • l'arteria ascendente faringea (il nome chiarisce quale organo fornisce sangue ad esso).

Inoltre, studia l'argomento della sindrome delle arterie vertebrali in aggiunta all'attuale articolo.

SHEIA.RU

Arteria carotide comune: anatomia, rami, norma, portata del sangue

Anatomia dell'arteria carotide comune

L'arteria carotide comune è un'importante nave che trasporta il sangue dal cuore alla parte più alta del corpo umano. È questa arteria insieme ai suoi rami che fornisce il 70% del sangue di cui ha bisogno al cervello. Occhi, collo, regione dell'orecchio, ghiandole mascellari e temporali, muscoli del viso e della lingua. Un'ampia rete di rami delle arterie carotidi si estende attraverso tutti i tessuti e gli organi concentrati nella regione della testa.

struttura

Il luogo di origine dell'arteria carotide comune è la regione del torace. L'anatomia di un'arteria è tale che inizialmente consiste di 2 grandi vasi, divergenti in direzioni diverse - sinistra e destra. Ciascuno di essi si alza, passa lungo la trachea con l'esofago, elude i processi delle vertebre cervicali, passando attraverso la parte anteriore del collo. E finisce a circa la 4 ° vertebra. Inizia una biforcazione (split).

L'arteria carotide comune sinistra è più corta della destra, in quanto si dirama dal brachiale bracheale. Mentre il giusto dall'aorta. La sua lunghezza varia da 6 a 12 cm La lunghezza del destro destro può essere normalmente di 16 cm. Il diametro delle arterie carotidi varia nelle donne e negli uomini. Per il primo, è in media 6, 1, per quest'ultimo, è 6,5 mm.

Verso l'esterno della OCA e leggermente di fronte al collo, la vena giugulare svolge le sue funzioni opposte. Anche a vapore. Dirige il sangue venoso in basso verso il muscolo cardiaco. Nel mezzo dell'arteria e della vena si trova il nervo vago. Tutta questa struttura costituisce insieme il principale fascio neurovascolare cervicale.

Nella parte inferiore del collo le arterie sono nascoste in profondità. Sono coperti dal guscio esterno del collo, dal muscolo sottocutaneo, poi dai tessuti profondi del collo e infine dai muscoli profondi. Nella parte superiore giacciono superficialmente.

Entrambe le arterie carotidi delimitano la trachea, l'esofago e la ghiandola tiroidea. E un po 'più alto con la gola, la gola.

biforcazione

Avendo raggiunto il bordo della cartilagine tiroidea, nella regione in cui si trova il triangolo carotideo, le arterie principali sono divise in 2 più piccole: l'interno e l'esterno. Questa è una biforcazione dell'arteria carotide comune, che significa una scissione. Il diametro dei rami biforcati è all'incirca lo stesso.

In questa zona si trova l'estensione della nave principale, chiamata sonnolenza. Il piccolo plesso confina con esso - il glomus assonnato. Nonostante le sue dimensioni modeste, questo nodulo svolge una funzione molto importante: il controllo della stabilità della pressione, la composizione chimica del sangue e il lavoro continuo di un importante muscolo cardiaco.

L'arteria esterna, proprio all'inizio della comune biforcazione, si trova più vicina all'asse interno. E poi - via. All'inizio è ricoperto dal muscolo del collo - lo sternocleidomastoideo, e al raggiungimento del triangolo carotideo - dal muscolo sottocutaneo e dalla placca della fascia cervicale.

A un'altezza uguale con la sporgenza della mascella inferiore, l'arteria si biforca. Questi sono i suoi rami principali: la mascella superiore e il temporale esterno. Sono divisi in molti più rami arteriosi, divisi in gruppi:

  1. anteriore: tiroide esterna, linguale, facciale;
  2. posteriore: orecchio, occipitale, clavicola-sterno-mastoide;
  3. mediale: faringeo ascendente.

Pertanto, l'HCA fornisce l'apporto di sangue saturo di ossigeno e di elementi utili alla tiroide, alle ghiandole salivari, all'occipite, parotide, al mascellare superiore, alle aree temporali, nonché ai muscoli facciali e linguali.

Il secondo ramo dell'arteria carotide comune, cioè quello interno, ha un posizionamento laterale e leggermente spostato all'indietro nel collo. E un po 'più mediale. Sorge in posizione assolutamente verticale, scavalcando la zona intermedia tra la faringe e la vena giugulare. E raggiunge il canale assonnato, dove penetra attraverso il buco.

Ora il nervo vago e la poligononite si trovano dietro l'arteria. E avanti - il nervo ipoglosso. Sopra - il nervo nervoso faringeo. All'interno del canale carotideo, la nave diventa sassosa. Si piega e si dirama in vasi di tamburo del sonno che forniscono sangue alla cavità e all'orecchio del timpano.

All'uscita dal canale, la nave viene nuovamente piegata, ma ora verso l'alto, cade nella scanalatura dell'osso cuneiforme e la sua parte cavernosa entra nella cavità della corteccia cerebrale, fornendo sangue alle porzioni anteriore e posteriore attraverso due arterie - quella anteriore e quella centrale.

E l'area del cervello è piegata di nuovo davanti al canale ottico, dove l'arteria oftalmica si dirama.

Pertanto, l'ICA è divisa in 7 sezioni:

  • giunzione;
  • collo;
  • occhio;
  • cavernoso;
  • roccioso;
  • sezione di un buco lacero;
  • cuneo.

Con questa struttura anatomica, l'arteria carotide e i suoi rami forniscono sangue a tutti i tessuti e gli organi concentrati nella parte superiore del corpo.

Glomus assonnato

Il glico sonnolento, situato nell'area della biforcazione, è un piccolo corpo. La sua lunghezza è 2,5 e la sua larghezza è di 1,5 mm. Il suo secondo nome è il paraganglone carotideo. Questo è un elemento importante dovuto al fatto che il glomo contiene una rete sviluppata di capillari e una massa di chemocettori (elementi dei sistemi sensoriali umani).

A causa di formazioni specifiche, il glomo risponde alle fluttuazioni della concentrazione di ossigeno nel sangue, così come di anidride carbonica e ioni di idrogeno. Con questi dati, controlla la composizione del sangue, la stabilità della pressione e l'intensità del lavoro del muscolo cardiaco.

Il sonnolento seno, un'area estesa al posto della biforcazione, ha anche caratteristiche nella struttura. Il suo guscio medio è poco sviluppato, ma quello esterno è piuttosto denso, ispessito. Concentra un numero enorme di fibre e nervi elastici.

Livello di flusso sanguigno

Se sospetti una stenosi o un blocco delle arterie carotidi, dovresti essere esaminato utilizzando una scansione duplex. Rivelerà:

la larghezza del lume nei vasi;

  • l'eventuale presenza di distaccamenti, coaguli di sangue e placche;
  • espansione o contrazione dei muri, se del caso;
  • la presenza di aneurismi, rotture o deformità.

La scansione duplex viene eseguita sui vasi principali: è carotidea, vertebrale e succlavia. Si distinguono come un gruppo brachiocefalico separato, poiché sono i più grandi del corpo umano e sono responsabili del rifornimento di sangue alla parte superiore del corpo. L'abbreviazione abbreviata dello studio suona come l'ecografia del BCA.

Con l'apporto di sangue completo, se le arterie hanno un lume normale, non ci sono placche e deformità, il cervello dovrebbe ricevere 55 ml di sangue per 100 g di peso. Qualsiasi difetto anatomico o patologico nelle arterie carotidi disturba la circolazione generale, di conseguenza tutti i tessuti della testa e, soprattutto, il cervello, ricevono meno ossigeno. Questo è irto di conseguenze gravi e spesso fatali.

Significato clinico

Oltre al più importante aspetto fisiologico, l'arteria carotidea ha anche un significato clinico. La sua posizione specifica consente di sondare e misurare l'impulso. Controllalo nella rientranza, situata tra il muscolo antero-laterale e la laringe, 2 cm sotto il bordo della mascella. Questa caratteristica è di grande importanza, perché l'impulso al polso non è sempre evidente. Soprattutto se la persona è in uno stato di profondo shock.

Anatomia dell'arteria carotide

La carotide comune destra (Carotis communis dextra) parte dal tronco brachiocefalico (thruncus brachiocephalicus) e dall'arteria carotide comune sinistra (a. Carotis communis sinistra) dall'arco aortico. A questo proposito, l'arteria carotide comune di sinistra è più lunga di 2,5-3 cm rispetto a quella di destra: a livello delle articolazioni sternoclaveari, le arterie carotidi comuni si estendono fino al collo. Le arterie del collo si trovano nell'ampio spazio interfasciale, che è delimitato dal lato mediale della trachea e dell'esofago, da dietro - dalla fascia pre-vertebrale e dal muscolo scaleno anteriore (M. Scalenus anteriore), lateralmente e davanti - il muscolo sternocleidomastoideo (M. Sternocleidomastoideus).

Sul collo, le carotidi comuni passano attraverso il fascio neurovascolare, che include, oltre all'arteria carotide comune, la vena giugulare interna (v. Jugularis interna), il nervo vago (n. Vagus). Il foglio parietale della quarta fascia del collo forma la vagina per il fascio neurovascolare, che si collega con i processi trasversali delle vertebre. La vagina del fascio neurovascolare inizia a livello del bordo superiore del mediastino anteriore e raggiunge la base del cranio. All'interno della vagina ci sono setti di tessuto connettivo che dividono l'arteria, la vena e il nervo. Di conseguenza, ciascuno degli elementi del raggio ha il suo caso fasciale. Il nervo vago passa nel tessuto del letto vascolare tra le guaine fasciali dell'arteria e della vena.
Il tronco simpatico marginale confina con la parete posteriore del letto vascolare, separato da esso dalla fascia prevertebrale (fascia praevertebralis).

Di regola, l'arteria carotide comune non dà rami, ma in alcuni casi (specialmente con una variante elevata di biforcazione), l'arteria tiroidea superiore (a. Thyreoidea superiore) può estendersi dalla sua parte superiore 0,2-1,5 cm al di sotto della biforcazione.

A livello del bordo superiore della cartilagine tiroidea, l'arteria carotide comune è divisa in due rami: la carotide interna ed esterna (a) Carotis interna et a Carotis esterna). Meno comunemente, la biforcazione dell'arteria carotide comune ha una posizione più alta o più bassa e si trova a livello III, IV o VI delle vertebre cervicali. L'angolo di divisione dell'arteria carotide comune varia da 2 a 74 °. La biforcazione dell'arteria carotide comune può essere localizzata nei piani frontale o sagittale o in un piano vicino a loro.

Nell'area della biforcazione, l'arteria carotide comune forma un'espansione simile ad un'ampolla, il cosiddetto sonnifero sonnolento (bulbus caroticus, sinus caroticus). Il seno carotideo contiene pressorecettori: l'irritazione delle terminazioni nervose del seno carotideo riduce la pressione sanguigna e rallenta la contrazione del cuore.

Qui, nell'area della biforcazione dell'arteria carotide comune, un glomus sonnolento (glomus caroticum) (carotide, spirale inter-assonnata) si trova sulla sua superficie posteriore-mediale nel punto di scarico dell'arteria carotide interna. Si tratta di una piccola formazione piatta di 2,5 mm di lunghezza e 1,5 mm di spessore, saldamente legata alla parete del vaso mediante tessuto connettivo. Nella sua funzione, il glomus addormentato è un organo sensoriale specifico contenente chemocettori vascolari che rispondono ai cambiamenti nella composizione chimica del sangue e quindi partecipano alla regolazione del sistema cardiovascolare.

I nervi del nervo glossofaringeo (n. Glossopharyngeus), il nervo vago e il tronco simpatico si adattano al seno carotideo e al glomo sonnolento. Il ramo del nervo glossofaringeo al seno carotideo è chiamato il nervo del seno. Esistono numerose connessioni tra questi nervi. Nella stessa area, anche il nervo depressore di Zion si ramifica.
Nell'aggregato, il seno carotideo e il corpo carotideo insieme ai nervi adatti per loro formano una zona riflessogena, che svolge un ruolo importante nella regolazione della circolazione sanguigna.

Sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune, l'arteria carotide interna devia lateralmente e posteriormente e passa nel tessuto paravertebrale all'apertura esterna del canale carotideo (foramen caroticum externum). L'arteria carotide esterna va verso l'interno e verso l'alto, con una leggera svolta nella direzione mediale.

L'arteria carotide interna (a. Carotis interna) è il ramo più grande dell'arteria carotide comune. L'arteria carotide interna può essere divisa in due sezioni: cervicale e intracranica. Nella regione intracranica dell'arteria carotide interna si distinguono le parti intraossee, cavernose e intradurali.

La regione cervicale dell'arteria carotide interna non dà rami. Attraverso l'apertura esterna del canale carotideo, l'arteria carotide interna entra nel canale assonnato (canalis caroticum) e attraverso la sua apertura interna entra nella cavità del cranio. Direttamente all'uscita del canale carotideo, l'arteria carotide interna è circondata dal seno venoso cavernoso (seno cavernoso). Dopo l'uscita dal canale carotideo, l'arteria carotide interna forma una curva a S (sifone) e passa attraverso la dura madre nello spazio subdurale dietro l'apertura interna del canale ottico, laterale al nervo ottico. Dalla parte convessa della curva dell'arteria carotide interna, origina l'arteria oculare (a. Ophthalmica). Quando si entra nello spazio subdurale, l'arteria carotide interna al bordo interno del processo sfenoide anteriore si divide in due rami: l'arteria cerebrale anteriore (a Cerebri anteriore) e l'arteria cerebrale media (a. Mezzi di Cerebri). La lunghezza della carotide cervicale interna in un adulto è 10-11 cm, la parte intraossea, 4-5 cm, la porzione cavernosa, 5 cm, la porzione intradurale, 1 cm.

L'arteria carotide esterna è il secondo ramo dell'arteria carotide comune, che rispetto all'arteria carotide interna ha un diametro inferiore. Tuttavia, il suo diametro nella parte iniziale può essere maggiore del diametro dell'arteria carotide interna. L'arteria carotide esterna dà 9 rami, tra cui 6 rami sotto l'addome posteriore del muscolo digastrico (m Digastricus) e tre rami sopra questo muscolo. Alla o sopra la biforcazione, l'arteria tiroidea superiore si allontana dall'arteria carotide esterna. Sopra il corno dell'osso ioide, l'arteria linguale (a. Lingualis) e l'arteria facciale (a) Facialis partono anteriormente e l'ascella posteriore (a. Occipitalis). Distalmente, l'arteria dell'orecchio posteriore (a. Auricularis posteriore) e l'arteria sternocleidomastoideo (a. Sternocleidomastoidea) hanno origine. Nella parte iniziale dell'arteria carotide esterna o leggermente più alta, l'arteria faringale ascendente parte (a) Faringea ascendens). A livello del collo della mandibola, l'arteria carotide esterna si divide in due rami terminali - l'arteria mascellare (a. Maxillaris) e l'arteria temporale superficiale (a. Temporalis superficialis).

Le arterie carotidi hanno una relazione complessa con le strutture circostanti. Pertanto, l'area dell'arteria carotide comune sinistra, situata nella cavità toracica, è delimitata di fronte alla vena brachiocefalica sinistra (v. Brachiocephalica sinistra). Laterale e posteriore da esso è l'arteria succlavia (a. Subclavia), adiacente al volantino mediastinal della pleura. La trachea si trova medialmente, più in alto e leggermente posteriore a questa parte dell'arteria.

Sul collo, l'arteria carotide comune è coperta di fronte con il bordo anteriore del muscolo sternocleidomastoideo. Tuttavia, è anche possibile uno sviluppo anatomico, in cui il muscolo sternocleidomastoideo copre solo il terzo inferiore dell'arteria carotide comune o non lo copre affatto. Tra questo muscolo e arteria nella parte inferiore del collo passare dell'addome muscolo superiore omoioideo (m. Omohyoideus), muscolo sternotiroideo (m. Sternothyreoideus) e muscolo sternoioideo (m. Sternohyoideus).

Sulla parete anteriore dell'arteria, il ramo inferiore dell'ansa cervicale, la radice inferiore ansa cervicale, formata nella direzione obliqua, è formata dai rami anteriori dei nervi cervicali I - III. Il ramo inferiore del ciclo cervicale si collega con il ramo superiore (radice superiore) del ciclo cervicale che si estende dal nervo ipoglosso, che porta alla formazione di ansa cervicale.

Nel terzo medio (prima della biforcazione), l'arteria carotide comune è coperta anteriormente solo dalla fascia. Leggermente inferiore arteria biforcazione sulla superficie anteriore sono generali anteriore Vienna (v. Facialis communis) e superiore tiroide Vienna (v. Thyreoidea superiore), il flusso nella bocca di un comune o separatamente nella vena giugulare interna (v. Giugulare interna).

Dietro l'arteria carotide comune adiacente alla fascia prevertebrale. Dietro sono i muscoli scaleni anteriore e medio (M. scalenus anterior et medius), il muscolo del collo lungo (t. Longus colli) e anche il tronco simpatico.

Nella parte inferiore del collo, l'arteria carotide comune si trova di fronte all'arteria vertebrale (a) Vertebralis, che entra nell'apertura del processo trasversale della VI vertebra cervicale.
Dietro l'arteria carotide comune al punto di entrata dell'arteria vertebrale nel foro del processo trasverso, passa l'arteria tiroidea inferiore (a. Thyreoidea inferiore), che è un ramo schitosheynogo tronco (tronco thyreocervicalis). Lasciato dietro l'arteria carotide comune, da poco sotto lo scarico dell'arteria tiroidea inferiore passa dotto toracico (dotto toracico), sfocia nel confluenza del succlavia sinistra e la vena giugulare interna (angolo venosa).

Medialmente dall'arteria carotide comune, vi è un lobo della ghiandola tiroidea, che separa l'arteria dall'esofago cervicale e dalla trachea.

L'area della comune biforcazione della carotide dal lato mediale è adiacente alla laringe dietro il muscolo scaleno medio (M. Scalenus medius). La vena giugulare interna (v. Jugularis interna) passa lateralmente e un po 'di fronte alla biforcazione. Il nervo vago passa lungo la superficie laterale dell'arteria.
Successivamente, l'arteria passa sotto il processo stiloideo e m. stylopharyngeus all'apertura esterna del canale carotideo.

Sotto l'addome posteriore del muscolo digestivo, l'arteria è coperta con il margine anteriore m. sternocleidomastoideo.
Nell'intervallo dal bordo posteriore inferiore del digastric dell'addome alla biforcazione della carotide comune della superficie frontale della carotide interna attraversa nervo ipoglosso, arteria Sterno-clavicolare-mastoide, arteria occipitale e sopra (n ipoglosso.) - posteriore arteria auricolare.

Il nervo glossofaringeo (Glossopharyngeus) si trova sotto il muscolo stilo-sublinguale e sulla superficie anteriore dell'arteria carotide interna.

Tra l'ipoglosso ei nervi glossofaringeo fronte della carotide interna è plesso faringeo costituito da sensibile (dal nervo glossofaringeo), il motore (sul nervo vago) e autonomo (tronco simpatico e sul nervo vago) fibre.

Tra la parte iniziale dell'addome posteriore del muscolo digastrico e la parte superiore del muscolo sternocleidomastoideo, il tronco del nervo facciale (n. Facialis) percorre la superficie anteriore dell'arteria carotide interna. Il ramo marginale della mascella inferiore (ramus marginalis mandibulae) parte da esso verso la mascella inferiore.

La parete posteriore dell'arteria carotide interna è di 1-2 cm sopra la sua bocca, adiacente, attraversando l'arteria, il ramo del nervo vago - il nervo laringeo superiore (n. Laringeo superiore). La sua posizione varia: il nervo può passare dietro l'arteria carotide comune e talvolta attraversa l'arteria carotide interna alta a livello del plesso nervoso faringeo.

Davanti all'arteria carotide interna attraversa molte vene di diverso calibro, scorrendo nella vena giugulare interna.

Al livello II e, in parte, delle III vertebre cervicali, dietro l'arteria carotide interna e medialmente dal nervo vago si trova il nodo simpatico cervicale superiore (ganglio cervicale superiore). I rami della sezione superiore del nodo (n. Carotis internus) si formano attorno all'arteria carotide interna del plesso (plesso carotico interno e plesso cavernoso), che si estendono lungo l'arteria nella cavità del cranio.

Dov'è l'arteria carotide nel corpo umano - la struttura, le funzioni, le malattie e il loro trattamento

Il sistema circolatorio umano è un meccanismo complesso costituito da una pompa muscolare a quattro camere e più canali. I vasi che forniscono apporto di sangue agli organi sono chiamati arterie. Questi includono l'arteria carotide comune che trasporta il sangue dal cuore al cervello. Il normale funzionamento del corpo è impossibile senza un'efficace circolazione del flusso sanguigno, perché trasporta i più importanti oligoelementi e l'ossigeno.

Qual è l'arteria carotide

Come già accennato, questo tipo di arteria è una nave progettata per alimentare testa e collo. La vena del sonno ha una forma ampia, necessaria per il trasferimento di grandi quantità di ossigeno, creando un flusso sanguigno intenso e continuo. Grazie all'arteria, il tessuto cerebrale, l'apparato ottico, il viso e gli altri organi periferici sono arricchiti, grazie ai quali avviene il loro lavoro.

Dov'è il

Spesso le persone hanno una domanda: come trovare l'arteria carotide nel collo? Per la risposta è necessario rivolgersi alle basi dell'anatomia del corpo umano. L'arteria carotide comune inizia nel torace, quindi scende lungo il collo fino al cranio, terminando alla base del cervello. Il ramo più lungo a destra parte dalla testa brachiale, la sinistra - dall'aorta. Nella regione cervicale, i tronchi si trovano lungo la copertura anteriore dei processi vertebrali e tra questi il ​​tubo esofageo e la trachea.

struttura

Sul lato esterno della SA comune, c'è una vena giugulare, e tra questi c'è il nervo vago situato nel solco: è così che si forma il fascio neurovascolare. Sul decorso verticale del canale c'è una mancanza di rami, ma la cartilagine tiroidea è una biforcazione dell'arteria carotide interna ed esterna. La particolarità della nave è la presenza di un'espansione (seno carotideo) con un nodulo adiacente (glomus assonnato). Il canale del sonno esterno è costituito da diversi gruppi di vasi sanguigni:

  • tiroide;
  • lingua;
  • faringea;
  • anteriore;
  • occipitale;
  • orecchio posteriore.

La posizione del ramo dell'arteria carotide interna è considerata intracranica, poiché entra nel cranio attraverso un'apertura separata nell'osso temporale. L'area di connessione della nave con l'arteria basale attraverso l'anastomosi è chiamata il cerchio di Willis. I segmenti dell'arteria carotidea interna trasportano il sangue all'organo visivo, alle regioni anteriore e posteriore del cervello e alle vertebre cervicali. La struttura di questa vena è composta da sette vasi:

  1. connessione;
  2. cavernoso;
  3. collo;
  4. occhio;
  5. cuneo;
  6. roccioso;
  7. settore di un buco strappato.

Quante arterie carotidi ha una persona?

C'è un'opinione erronea che una persona abbia un'arteria carotidea: in effetti, ce ne sono due. Si trovano su entrambi i lati del collo e sono le più importanti fonti di circolazione del sangue. Accanto a questi vasi ci sono altre due arterie vertebrali, che sono significativamente inferiori alla carotide in volume del fluido che viene spostato. Per sentire il polso, devi trovare un punto nella rientranza sotto lo zigomo su un lato del pomo d'Adamo.

funzioni

Oltre a spostare il flusso sanguigno, le arterie carotidi risolvono altri compiti altrettanto importanti. Il seno carotideo è dotato di cellule nervose, i cui recettori svolgono le seguenti funzioni:

  • monitorare la pressione vascolare interna;
  • reagire ai cambiamenti nella composizione chimica del sangue;
  • dare segnali sulla presenza di ossigeno proveniente dagli eritrociti;
  • partecipare alla regolazione dell'attività del muscolo cardiaco;
  • controllare il polso;
  • mantenere la pressione sanguigna.

Cosa succede se si preme l'arteria carotide

È severamente vietato determinare le conseguenze del clic sull'arteria carotide. Se si preme brevemente su questa nave, c'è una perdita di coscienza. Questa condizione dura per circa cinque minuti e quando la circolazione sanguigna riprende, la persona si risveglia. Esperimenti con un tempo di forza più lungo possono provocare gravi processi distrofici, perché la mancanza di ossigeno è dannosa per le cellule cerebrali.

malattia

Il filo carotideo esterno non fornisce direttamente il sangue al cervello. L'apertura senza interruzioni delle anastomosi, anche con una mancanza di circolo di Willis, è spiegata dal buon apporto di sangue di questo ramo. Le patologie sono caratteristiche principalmente del canale interno, anche se otorinolaringoiatri, plastica e neurochirurghi in pratica affrontano interruzioni nel funzionamento del bacino esterno. Questi includono:

  • emangiomi facciali congeniti, cervicali;
  • malformazioni;
  • fistola artero-venosa.

I disturbi cronici, come l'aterosclerosi, la sifilide e la displasia fibrosa muscolare, causano importanti cambiamenti nel tronco interno. Possibili cause di malattie del flusso sanguigno carotideo sono:

  • l'infiammazione;
  • la presenza di targa;
  • blocco delle arterie;
  • cracking nella parete del canale (dissezione);
  • crescita eccessiva o separazione del rivestimento della nave.

Il risultato di processi negativi è il restringimento dell'arteria carotidea. Il cervello inizia a ricevere meno nutrienti, ossigeno, quindi c'è uno sviluppo clinico di ipossia cellulare, ictus ischemico e trombosi. In questo contesto, si distinguono le seguenti malattie di CA:

  • ramificazione arteriosa patologica;
  • trifurazione, che significa la divisione in tre germogli;
  • aneurisma;
  • trombo nell'arteria carotide.

aterosclerosi

L'aspetto normale della parete arteriosa implica levigatezza ed elasticità. La formazione di placche aiuta a ridurre il lume del tronco. L'aumento dei sedimenti porta a un restringimento pronunciato della nave. Diagnosticando, i medici diagnosticano il paziente: aterosclerosi delle arterie carotidi. Questa condizione si riferisce a una serie di gravi malattie che provocano ictus, atrofia del tessuto cerebrale, e quindi richiede un trattamento immediato. Per determinare la presenza di placche nel filamento di sangue carotideo può essere sui seguenti sintomi:

  • un forte aumento dei livelli di colesterolo;
  • frequenti mal di testa;
  • svenimento;
  • problemi di visione;
  • impulso rapido;
  • forte tinnito;
  • intorpidimento degli arti;
  • convulsioni, confusione;
  • disturbo del linguaggio.

Sindrome dell'arteria carotidea

La malattia, caratterizzata da spasmo delle pareti vascolari, è riconosciuta dalla medicina come sindrome dell'arteria carotide. La sua presenza è associata all'accumulo dello strato di colesterolo ai bordi del canale, alla separazione del guscio in diversi strati, alla stenosi. Meno comunemente, l'origine della malattia è causata da una predisposizione genetica, fattori ereditari e lesioni.

La stratificazione della superficie interna dell'arteria diventa la causa primaria dell'ictus ischemico di diversi gruppi di età. I pazienti di età superiore a 50 anni sono a rischio, ma recenti ricerche degli scienziati mostrano che la percentuale di ictus tra i giovani è in aumento. Prevenire lo sviluppo della sindrome CA implica il rifiuto delle cattive abitudini, mantenendo uno stile di vita attivo.

aneurisma

L'espansione della zona arteriosa con assottigliamento locale del rivestimento è chiamata aneurisma. Lo stato è preceduto da reazioni infiammatorie, atrofie muscolari e talvolta la malattia è congenita. Si forma nelle zone intracraniche del ramo carotideo interno e sembra una sacca. La peggiore conseguenza di tale educazione è una rottura che si traduce in un esito fatale.

L'aneurisma non deve essere confuso con l'emodectomia carotidea correlata a tumori benigni. Secondo le statistiche, il 5% dei casi si trasforma in cancro. Il percorso di sviluppo ha origine nell'area della biforcazione, continuando a muoversi sotto la mascella. Durante la sua vita, il problema non si manifesta, quindi viene diagnosticato dai patologi.

Trattamento di malattie

La presunta patologia dell'arteria in base ai sintomi clinici è possibile, ma la diagnosi può essere fatta solo dai medici dopo un esame appropriato. Per studiare il corpo ha usato metodi che utilizzano la tecnologia moderna:

  • ultrasuoni;
  • Osservazione Doppler;
  • angiografia;
  • risonanza magnetica;
  • tomografia computerizzata.

Il trattamento della malattia dipende dallo stadio, dalle dimensioni, dalle condizioni generali. Ad esempio, nel corso iniziale della trombosi, vengono prescritti un piccolo aneurisma, anticoagulanti e trombolitici. L'espansione del canale arterioso viene effettuata utilizzando l'isolamento procaina o la rimozione di cluster simpatici adiacenti. Grave restringimento, intasamento e trombosi dell'arteria carotidea richiedono un intervento chirurgico. L'intervento vascolare carotideo viene eseguito stentando o rimuovendo l'area danneggiata con la sostituzione con una parte artificiale.

Foto delle arterie carotidi sul collo

Video: arteria carotide comune

Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

Dov'è l'arteria carotidea e quali funzioni svolge

L'arteria carotidea (arteria carotis communis) è una grande nave accoppiata la cui funzione principale è di fornire la maggior parte della testa, del cervello e degli occhi.

Ci sono diverse definizioni:

  • Arteria carotide comune;
  • Destra e sinistra;
  • Interno ed esterno

Da questa pubblicazione imparerai quante sono le arterie carotidi negli esseri umani e quali funzioni svolgono ciascuna di esse. Ma prima, scopriamo da dove viene questo nome insolito: l'arteria carotidea.

Arteria carotidea: perché si chiama così?

La pressione sull'arteria carotide dei suoi recettori (formazioni terminali delle fibre nervose afferenti) è percepita come un aumento della pressione e inizia a lavorare attivamente per ridurla. Negli esseri umani, il battito del cuore rallenta, a causa della spremitura dei vasi, inizia la fame di ossigeno, che provoca sonnolenza. È a causa di questa proprietà che l'arteria carotidea ha preso il nome.

Attenzione! Con un forte e prolungato effetto meccanico sull'arteria carotide, può verificarsi una perdita di coscienza e persino la morte. Non provare per curiosità ozioso a controllare cosa accadrà se si preme sull'arteria carotide. La negligenza può portare a conseguenze irreversibili!

Tuttavia, tutti dovrebbero conoscere la posizione dell'arteria carotidea: potrebbe essere necessario assistere la vittima.

Come trovare l'arteria carotidea?

Molto spesso, l'impulso è misurato dal braccio. Ma se l'arteria della persona ferita è debolmente palpabile, allora la frequenza cardiaca viene misurata dall'arteria carotide nel collo.

Quale lato misurare?

È meglio farlo con la mano destra sul lato destro. Quando si misura l'impulso della sinistra, due arterie possono essere schiacciate in una sola volta, e quindi il risultato sarà inaffidabile.

Istruzioni passo passo:

  1. Posare il paziente o sedersi su una sedia e lasciarlo appoggiarsi sulla schiena.
  2. Per determinare dove si trova l'arteria carotidea, posiziona il medio e l'indice della mano (sono più sensibili alla pulsazione) sulla cavità tra la laringe e il muscolo anterolaterale.
  3. Per determinare l'impulso, posizionare le dita sotto la mascella inferiore tra il mento e il lobo dell'orecchio e scendere di 2 cm. Si può sentire la pulsazione nel foro vicino alla gola respiratoria. Controlla la forza d'impatto, non spingere forte.
  4. Quando senti un battito cardiaco, inizia a misurare la frequenza cardiaca utilizzando un cronometro o una lancetta dei secondi sull'orologio. I valori normali dovrebbero essere compresi tra 60 e 80 battiti al minuto.
al contenuto ↑

Arterie carotidi: posizione e funzione

La carotide comune o l'arteria carotide è un'arteria che ha due vasi identici:

  • Sul lato destro (originato dal tronco brachiocefalico):
  • Sul lato sinistro (dall'arco aortico).

Entrambe le navi hanno una struttura anatomica identica e sono dirette verticalmente attraverso la gabbia toracica al collo.

Sopra il bordo superiore del muscolo sternocleidomastoideo, situato vicino alla trachea e all'esofago, ogni vaso è diviso nelle arterie carotidi interne ed esterne (il luogo di separazione è chiamato biforcazione).

Dopo il ramo, l'arteria interna forma un'espansione (seno carotideo), ricoperta da terminazioni nervose multiple ed è la zona riflessa più importante. Il massaggio di questa zona è raccomandato per i pazienti con ipertensione come metodo di abbassamento della pressione sanguigna durante le crisi.

Di che cosa è responsabile il ramo esterno?

La funzione chiave del ramo esterno è di fornire un flusso di sangue diretto in direzione opposta per aiutare il ramo vertebrale e i rami dell'arteria carotide interna durante il loro restringimento.

Quali organi alimentano i rami esterni con il sangue:

  • Muscoli facciali;
  • le orecchie;
  • del cuoio capelluto;
  • Le radici dei denti;
  • Bulbi oculari;
  • Aree selezionate della dura madre;
  • Ghiandola tiroidea
al contenuto ↑

Dov'è il ramo interno dell'arteria carotide?

Il ramo interno entra nel cranio attraverso un foro nell'osso temporale con un diametro di 10 mm (posizione intracranica), formando un cerchio alla base del cervello, insieme ai vasi vertebrali della Willis, una fonte principale di rifornimento di sangue cerebrale. Da esso in profondità nelle convoluzioni, le arterie si muovono verso i centri corticali, la materia grigia e bianca, i nuclei del midollo allungato.

Segmenti dell'arteria carotide interna:

  • L'area cervicale situata negli strati più profondi sotto i muscoli;
  • Segmento, situato all'interno del cosiddetto. Fori "strappati";
  • La parte pietrosa situata all'interno del canale osseo;
  • Area cavernosa situata tra le foglie della dura madre lungo il seno cavernoso e formando rami in direzione delle membrane e della ghiandola pituitaria;
  • La porzione sfenoide è una piccola porzione dello spazio subaracnoideo del cervello;
  • Segmento comunicativo situato al punto di ramificazione delle arterie anteriore e media che si dirigono verso il midollo;
  • Area oftalmologica o oculare - corre parallela al nervo ottico, forma le arterie oculari e pituitarie.
al contenuto ↑

Ramo esterno dell'arteria carotidea: malattie, sintomi

A differenza dell'arteria carotide interna, quella esterna non fornisce direttamente il cervello.

Tuttavia, l'interruzione del suo normale funzionamento può causare una serie di patologie, il cui trattamento viene effettuato con metodi chirurgici dai campi della plastica, otorinolaringoiatria, maxillo-facciale e neurochirurgia:

  • Emangiomi facciali e cervicali;
  • Fistola artero-venosa;
  • Angiodisplasia (malformazioni vascolari).

Queste malattie possono derivare da:

  • Ferite alla faccia;
  • Operazioni rinoplastiche e otorinolaringoiatriche trasferite;
  • Procedure infruttuose eseguite: rimozione di denti, forature, lavaggio del seno, iniezioni nell'orbita;
  • Ipertensione.

La manifestazione patofisiologica di questa patologia è uno shunt artero-venoso, attraverso le vie di drenaggio di cui il sangue arterioso con alta pressione è diretto alla testa. Tali anomalie sono considerate come una delle cause della congestione venosa cerebrale.

Secondo varie fonti, le angiodisplasie rappresentano dal 5 al 14% del numero totale di malattie vascolari. Si tratta di escrescenze benigne (crescita delle cellule epiteliali), circa il 70% delle quali localizzate nell'area facciale.

Sintomi di angiodisplasia:

  • Difetti cosmetici;
  • Emorragie profuse, scarsamente sensibili ai metodi standard di arresto del sanguinamento;
  • Dolori palpitanti alla testa (soprattutto di notte).

Sanguinamento grave durante l'intervento chirurgico può essere fatale.

Possibili patologie dell'arteria carotidea e del tronco interno

Tali malattie comuni come la tubercolosi, l'aterosclerosi, la displasia fibro-muscolare, la sifilide possono portare a cambiamenti patologici nell'arteria carotide che si verificano sullo sfondo:

  • Processi infiammatori;
  • Crescita eccessiva del guscio interno;
  • Dissezioni in pazienti giovani (rottura della membrana arteriosa interna con penetrazione di sangue nello spazio tra le pareti).

La dissezione può causare stenosi (restringimento) del diametro dell'arteria, in cui si verifica la carenza di ossigeno del cervello e si sviluppa l'ipossia tissutale. Questa condizione può portare a ictus ischemico.

Altri tipi di cambiamenti patologici causati dal restringimento dell'arteria carotidea:

  • trifurcation;
  • aneurisma;
  • Tortuosità anormale dell'arteria carotide interna;
  • Trombosi.

Trifurcation è un termine per dividere un'arteria in tre rami.

Ci sono due tipi:

  • Anteriore - divisione dell'arteria carotide comune interna in anteriore, basilare, posteriore;
  • Posteriore - rami di collegamento delle tre arterie cerebrali (posteriore, medio, anteriore).
al contenuto ↑

Aneurisma dell'arteria carotidea: cos'è e quali sono le conseguenze

L'aneurisma è un'estensione dell'arteria con assottigliamento locale del muro. Questa malattia può essere congenita e può svilupparsi dopo un'infiammazione prolungata, atrofia muscolare e la loro sostituzione con tessuto diluito. Concentrati nell'area dei segmenti intracranici dell'arteria carotide interna. Patologia pericolosa, in via di sviluppo asintomatica e capace di provocare la morte immediata.

La rottura di un muro assottigliato può verificarsi nel caso di:

  • Lesioni al collo e alla testa;
  • Sovraccarico fisico o emotivo;
  • Un forte aumento della pressione sanguigna.

L'accumulo di sangue in eccesso nello spazio subaracnoideo può causare spremitura di tessuti e gonfiore del cervello. In questo caso, il tasso di sopravvivenza del paziente dipende dalle dimensioni dell'ematoma e dall'efficacia delle cure mediche.

Trombosi carotidea

La trombosi è una delle cause più comuni di alterazione della circolazione cerebrale. Su questa malattia, i sintomi e i metodi di trattamento valgono la pena di fermarsi più in dettaglio.

I coaguli di sangue si formano principalmente all'interno dell'arteria carotide nel sito della biforcazione - una forchetta nei rami esterni ed interni. È in quest'area che il sangue si muove più lentamente, il che crea le condizioni per la deposizione delle piastrine sulle pareti dei vasi sanguigni, il loro incollaggio, l'aspetto dei filamenti di fibrina.

La formazione di coaguli di sangue provoca:

  • Alta coagulazione del sangue;
  • Sindrome antifosfolipidica;
  • Fibrillazione atriale;
  • Difetti cardiaci;
  • Lesione cerebrale traumatica.

Le manifestazioni cliniche della trombosi dipendono da:

  • La dimensione del trombo e il ritmo della sua formazione;
  • Stato dei collaterali.

Secondo il suo corso, la trombosi della carotide può essere:

  • asintomatica;
  • affilato;
  • subacuta;
  • Cronico o pseudo-tumorale.

Una separata (rapida) progressione della malattia con un coagulo di sangue che cresce in lunghezza e penetra nelle arterie anteriore e media del cervello è considerata separatamente.

La trombosi a livello del tronco comune è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Denunce di tinnito;
  • Perdita di coscienza a breve termine;
  • Reclami di forti dolori alla testa e al collo;
  • Debolezza dei muscoli masticatori;
  • Visione alterata

L'insufficiente apporto di sangue agli occhi può causare:

  • cataratta;
  • Atrofia del nervo ottico;
  • Cecità temporanea;
  • Diminuzione dell'acuità visiva durante l'esercizio;
  • La presenza di pigmento nella retina con atrofia concomitante.

Pazienti con trombosi dell'arteria carotide interna nel sito prima di entrare nell'esperienza cranica:

  • Forti mal di testa;
  • Perdita di sensibilità nelle gambe e nelle braccia;
  • Indolenzimento del cuoio capelluto nella zona interessata;
  • Allucinazioni, irritabilità;
  • Problemi con la parola fino a ottusità (con una lesione sinistra).

Sintomi di trombosi della regione intracranica dell'arteria carotide:

  • Compromissione della coscienza, uno stato di eccessiva agitazione;
  • Mal di testa;
  • vomito;
  • Perdita di sensazione e immobilizzazione di metà del corpo sul lato interessato.
al contenuto ↑

Metodi per la diagnosi della trombosi carotidea

Sulla base dei reclami del paziente, il medico può solo presumere la presenza di un coagulo di sangue, ma per fare una diagnosi definitiva, sono necessari i risultati degli studi strumentali, quali:

  • elettroencefalografia;
  • rheoencephalography;
  • USDG (esame ecografico Doppler di vasi della testa e del collo);
  • MR-angiografia (angiografia a risonanza magnetica), anche con l'introduzione di un mezzo di contrasto;
  • TAC (tomografia computerizzata).
al contenuto ↑

Metodi di trattamento

I metodi terapeutici per il trattamento della trombosi sono efficaci solo nelle fasi iniziali del loro sviluppo, con piccole dimensioni dell'aneurisma.

Il corso completo include:

  • Preparazioni del gruppo anticoagulante - Fibrinolysin, Hepardin, Dikumarin, Sinkumar, Fenilin;
  • Trombolitici - Fibronilosina, Plasmina, Urokinase, Streptodekaza (efficace solo nella prima fase).

Per estendere il canale e alleviare lo spasmo, usano il blocco novocanico dei nodi simpatici o la loro rimozione.

Metodi di trattamento chirurgico delle patologie dell'arteria carotide

  1. Asportazione di shunt artero-venoso. Nel trattamento chirurgico della trombosi dell'arteria carotide esterna, questa tecnologia è inefficace, dal momento che è piena di serie complicazioni.
  2. Il metodo di stenting dell'arteria carotidea è il ripristino della permeabilità vascolare mediante lo stent (sottile rete metallica). La tecnica più comune e collaudata.
  3. Rimuovere l'area trombotica o tortuosa e sostituirla con un materiale plastico. L'operazione è associata al rischio di sanguinamento, un'alta probabilità di recidiva in futuro (ri-formazione di un coagulo di sangue). Per questi motivi, la tecnica non è molto diffusa.
  4. Creazione di un nuovo percorso per il flusso di sangue attraverso uno shunt artificiale tra la carotide interna e le arterie succlavia.

Le operazioni dell'arteria carotidea vengono eseguite in reparti chirurgici specializzati. La scelta del metodo è determinata dal medico curante prendendo in considerazione la condizione, l'età, il grado di danno all'arteria carotide e il danno al cervello del paziente.

Arteria carotide: anatomia, funzioni, possibili patologie

L'arteria carotide è un vaso che ha origine nella regione toracica e finisce nel cervello. Svolge la funzione di fornire sangue, e con esso gli elementi necessari per la vita, molti organi. C'è un'arteria carotide comune, che è divisa in interno ed esterno. Esistono due principali patologie vascolari: l'aterosclerosi e l'aneurisma. Sono caratterizzati da diversi cambiamenti, ma entrambi sono così pericolosi che possono portare alla morte.

Uno dei più grandi vasi sanguigni del corpo, appartenente a un ampio cerchio di circolazione sanguigna, è l'arteria carotide. Ha un'anatomia complessa ed è un paio di vasi, i cui rami sono consegnati al sangue del cervello, riempiendolo di ossigeno e sostanze nutritive. Queste navi nutrono i tessuti del collo e degli occhi.

Il luogo in cui passa l'arteria carotide è considerato uno dei più vulnerabili. Il corpo reagisce a qualsiasi effetto meccanico come segnale di un aumento di pressione e dà una risposta, abbassandola. Insieme alla pressione, il battito cardiaco scende, il che può far svenire una persona. Se l'impatto è abbastanza forte, allora la morte è possibile.

Anche la minima diminuzione del flusso sanguigno nell'arteria o il suo blocco porta ad un'interruzione della circolazione sanguigna, che provoca un ictus. In una situazione critica, la capacità di sondare correttamente l'impulso sull'arteria carotidea può salvare una vita umana.

La prima nave della coppia passa lungo il lato destro della regione cervicale, la seconda - sul lato sinistro. L'arteria del lato sinistro è leggermente più lunga della destra e va dalla testa brachiale. Lato destro - origina dall'arco aortico. L'arteria destra ha una lunghezza di 6-12 cm, la lunghezza di quella sinistra raggiunge 16 cm.

L'arteria carotide stessa va dalla sezione toracica, si biforca e si eleva lungo la linea della trachea, dell'esofago, ulteriormente diametralmente ai processi

vertebre cervicali più vicine alla parte anteriore del corpo umano. Assegnare l'arteria carotide esterna e interna.

L'arteria esterna consiste di quattro sezioni: i rami anteriore, posteriore, mediale e terminale. Questi ultimi di lunghezza, più vicini al bordo, iniziano a formare una grande rete di capillari che, a loro volta, vanno alla bocca e agli occhi.

È diviso in gruppi di grandi navi, che comprendono:

  • tiroide esterna;
  • faringeo ascendente;
  • una linguetta;
  • anteriore;
  • occipitale;
  • orecchio posteriore.

L'arteria svolge molteplici funzioni: fornisce il flusso di sangue alle ghiandole salivari e tiroidee, ai muscoli facciali e ai muscoli della lingua. Trasporta sangue all'occipite e alla regione parotidea. La mascella superiore e le aree temporali ricevono anche nutrienti dall'arteria carotide esterna.

I capillari sul viso sono chiaramente visibili durante la stagione calda, l'imbarazzo, in una situazione di tensione - un rossore appare sul viso.

Rappresenta la parte posteriore dell'arteria. Uno dei suoi compiti principali è quello di implementare la fornitura di nutrienti alla testa, per il lavoro produttivo del cervello. Questa arteria percorre la regione cervicale e passa nel cranio dal lato del tempio. È diviso nei seguenti dipartimenti:

  • collo;
  • roccioso;
  • cavernoso;
  • cervello.

Queste sezioni sono divise in arterie ancora più piccole, formando una rete di dorsali circolatorie ampia e complessa per fornire alle cellule cerebrali nutrienti e ossigeno.

Una vena giugulare interna corre lateralmente, attraverso la base del cranio, sul lato della faringe, al centro della ghiandola parotide, separata dall'ultimo muscolo dello stylofaringeo.

Sotto l'influenza di stimolanti esterni (ad esempio, una situazione stressante, paura, alta temperatura ambientale), il flusso di sangue nell'arteria carotide aumenta. Se questi fattori persistono per almeno un po 'di tempo, allora una persona può provare eccitazione emotiva, un'ondata di energia. La situazione opposta si verifica quando una persona si trova in tale stato per un lungo periodo, si manifesta apatia, segni di depressione. Ciò significa che una fornitura limitata o eccessiva di ossigeno al cervello è ugualmente pericolosa per il corpo.

Per misurare il livello del flusso sanguigno nell'arteria carotide, è necessario passare attraverso una scansione duplex. Secondo i risultati di cui rivelano

  • la larghezza dello spazio delle navi;
  • il numero di placche o la loro assenza;
  • la presenza di coaguli di sangue;
  • rottura dei vasi sanguigni;
  • aneurisma.

Un indicatore normale è 55 ml per 100 g di tessuto cerebrale.

Ci sono due principali malattie in cui l'arteria carotidea fa male. Uno di loro causa l'espansione, l'altro - il restringimento della nave. In entrambi i casi, è necessaria la chirurgia per correggere la patologia. L'espansione della nave è chiamata aneurisma ed è meno comune del restringimento. Il pericolo di un aneurisma è nella sua possibile rottura, che spesso provoca il sanguinamento, che mette a rischio il sistema circolatorio e talvolta porta alla morte. L'aneurisma viene azionato tagliandole il collo.

La chirurgia è necessaria anche per le persone che soffrono di costrizione dei vasi sanguigni, per assicurare il flusso di sangue al cervello. Il motivo della violazione del lume e, con esso, il flusso sanguigno, il più delle volte è l'aterosclerosi. Una delle sue principali complicanze è l'ictus.

La malattia è molto pericolosa. I metodi terapeutici di trattamento non possono dare un risultato positivo, quindi i chirurghi devono intervenire. Tali operazioni più volte riducono la possibilità di alterare il flusso sanguigno e forniscono un adeguato apporto di ossigeno al cervello. La riabilitazione dopo l'intervento chirurgico ha più successo.

Indicazioni per la chirurgia:

  • vasi dell'arteria carotidea ristretti di oltre il 70%;
  • sintomi di ischemia o ictus;
  • c'è una violazione del cervello, progresso nello sviluppo dell'ischemia;
  • arterie carotidi danneggiate.

L'operazione viene eseguita per ripristinare il flusso sanguigno e l'espansione del lume del vaso. Tipi di chirurgia:

  • endarterectomia carotidea;
  • stent vascolare;
  • protesi vascolari.

L'endarterectomia carotidea è considerata una operazione classica. Implica la rimozione della placca aterosclerotica e la chiusura del vaso con un cerotto. Viene iniettato un anticoagulante diretto, l'arteria carotidea viene bloccata e sezionata lungo la parete frontale. La placca sclerotica viene separata dalle pareti dei vasi sanguigni e rilasciata. La nave viene lavata con soluzione salina e suturata.

La puntura è il ripristino del lume con l'aiuto di uno stent - un dilatatore tubulare. La placca non viene rimossa dalla nave, ma strettamente premuta contro la sua parete. Il lume aumenta e il flusso sanguigno viene ripristinato. L'operazione presenta diversi vantaggi: non è necessaria l'anestesia generale, l'intervento minimo, il recupero rapido.

La protesi viene eseguita con danni estesi alle pareti, combinati con calcificazioni pronunciate. La nave viene recisa nel sito della bocca, il tessuto danneggiato viene separato e sostituito con un'endoprotesi del diametro desiderato.

L'arteria carotidea svolge un ruolo importante nel supporto vitale, poiché alimenta il cervello e gli organi del collo.

Inoltre, Leggere Imbarcazioni

Come proteggere le navi

Come proteggere le navi: consigli utili dall'esperienza personaleL'aterosclerosi è considerata una malattia correlata all'età. Probabilmente, lo era una volta, ma ora, a causa delle cattive navi, anche i giovani soffrono sempre più.

Come rimuovere le stelle sui loro piedi

L'espansione dei vasi sanguigni porta spesso alla telangiectasia, cioè alle vene del ragno sul corpo umano. Possono apparire non solo sugli arti inferiori, ma anche su molte altre parti del corpo, peggiorando significativamente l'aspetto della pelle.

Paziente soffre recensioni
malattia arteriosa obliterante

Galina Safina
Dopo la seconda operazione per rimuovere la tortuosità dell'arteria carotidea (sono stati eseguiti in un intervallo di 3 mesi), un periodo è stato sufficiente per riassumere.

Aumento dell'ESR nel sangue nei bambini: fattori, cause, caratteristiche

L'analisi clinica generale è il metodo più semplice e più informativo per diagnosticare varie malattie.La velocità di eritrosedimentazione, o ESR, è uno degli indicatori principali di un esame emocromocitometrico completo.

Elevati livelli di HDL nel sangue

Le lipoproteine ​​ad alta densità circolano nel plasma sanguigno. La loro proprietà principale è anti-aterogenica. Sono queste lipoproteine ​​a proteggere i vasi dai depositi di placca aterosclerotica sulle loro pareti.

Cause di stenosi delle arterie polmonari in un bambino e il suo trattamento

L'arteria polmonare (LA) è uno dei vasi più grandi che trasporta il sangue dal cuore ai polmoni, dove è arricchito con ossigeno.