I monociti (MONO) sono cellule del sistema circolatorio appartenenti alla serie dei leucociti. Sono i maggiori rappresentanti della famiglia dei leucociti.

La formazione di questi elementi cellulari avviene nelle cellule del midollo osseo, da dove entrano nel sangue. Dopo alcuni giorni, il sangue migra nei tessuti, in cui diventano macrofagi maturi (acquisiscono la capacità di assorbire le particelle estranee). I monociti in gran numero si trovano nelle cellule dei linfonodi, del fegato e della milza.

Le principali funzioni dei monociti:

  • cattura e digestione di agenti estranei intrappolati nel corpo - nella maggior parte dei casi, i microrganismi patogeni sono rappresentati da particelle virali o batteriche;
  • dissoluzione di masse trombotiche;
  • rimozione dall'ambiente interno di un organismo dei batteri persi o altre particelle;
  • effetti sulle cellule tumorali o invasioni parassitarie;
  • preparazione di tessuti per processi di rigenerazione dopo impatto patogeno su di essi.

Indicazioni per l'analisi

Per determinare il numero di monociti, viene assegnato un esame del sangue generale con una formula completa di leucociti. Questo metodo diagnostico viene eseguito con l'aiuto del prelievo di sangue capillare con le dita o durante l'assunzione di sangue venoso. Condurre un emocromo completo è raccomandato per tutti i pazienti che si rivolgono alla clinica o all'ospedale.

Lo studio del livello dei monociti viene effettuato nei seguenti casi:

  • patologia virale o batterica;
  • in presenza di tumori del cancro;
  • nelle malattie sistemiche autoimmuni, per esempio, sospetta artrite reumatoide;
  • in condizioni patologiche del sistema circolatorio del corpo, ad esempio, leucemia;
  • in condizioni anemiche;
  • quando si sospettano invasioni parassitarie nel corpo, ad esempio, la brucellosi;
  • nelle malattie infiammatorie del tratto gastrointestinale, ad esempio la colite.

Preparazione per l'analisi del sangue per determinare il livello dei monociti

La preparazione per un'analisi del sangue generale non richiede l'adesione a rigide regole preparatorie. Si consiglia al paziente di comparire per donazione di sangue al mattino a stomaco vuoto. Il concetto di "a stomaco vuoto" implica la limitazione dell'assunzione di cibo almeno quattro ore prima della procedura. Inoltre, è necessario abbandonare il grasso e cibi fritti e alcol prima del test. È necessario proteggersi da inutili esperienze stressanti o da un aumento dello sforzo fisico per qualche tempo prima della procedura.

Norme dei monociti nei bambini e negli adulti

I monociti sono indicati nel conteggio ematico totale come MONO e sono misurati in percentuale.

  • da 1 a 15 giorni - 5% -15%;
  • da 15 giorni a 1 anno - 4% -10%;
  • da 1 a 2 anni - 3% -10%;
  • da 2 anni a 15 anni - 3% -9%;
  • da 15 anni - 3% -11%.

Cause di deviazioni dalla norma

L'aumento del numero di monociti è chiamato monocitosi. Le principali cause di monocitosi nell'analisi del sangue generale:

  • la presenza di condizioni infiammatorie o infettive nella forma acuta o cronica del corso, ad esempio l'influenza;
  • il periodo di recupero dopo l'infezione;
  • condizioni patologiche di natura autoimmune, per esempio, l'artrite reumatoide;
  • tumori oncologici nel corpo;
  • malattie della natura oncologica del sistema circolatorio, ad esempio leucemia;
  • intossicazione del corpo con sostanze tossiche, ad esempio il tetracloroetano.

Una diminuzione del livello dei monociti nel sangue è chiamata monocitopenia. Fattori che possono portare a livelli più bassi di monociti:

  • alcuni tipi di farmaci, come i glucocorticosteroidi;
  • malattia infettiva con una natura purulenta del corso, ad esempio, foruncolosi;
  • condizioni anemiche;
  • sviluppo di shock;
  • patologie oncologiche del sistema circolatorio, ad esempio nella variante grave del decorso della leucemia;
  • periodo di gravidanza e parto nelle donne.

Se ci sono deviazioni nel numero di monociti, si consiglia di consultare un medico per un esame diagnostico completo. Quando si identifica la causa che ha provocato un cambiamento nel livello dei monociti, è necessario selezionare una terapia adeguata. Con il giusto trattamento, il livello dei monociti ritorna normale, senza conseguenze.

Perché i monociti sono elevati nel sangue, cosa significa?

I monociti sono globuli bianchi maturi e grandi contenenti solo un nucleo. Queste cellule sono tra i fagociti più attivi nel sangue periferico. Se l'esame del sangue mostra che i monociti sono elevati, si ha la monocitosi, il livello abbassato è chiamato monocitopenia.

Oltre al sangue, i monociti si trovano anche in grandi volumi nel midollo osseo, nella milza, nei seni del fegato, nelle pareti alveolari e nei linfonodi. Nel sangue, non durano a lungo - solo pochi giorni, dopo di che si spostano nei tessuti circostanti, dove raggiungono la loro maturità. C'è una trasformazione dei monociti in istociti - macrofagi tissutali.

Il numero di monociti è uno degli indicatori più importanti quando si decodifica un esame del sangue. Negli adulti, è stato osservato un aumento del numero di monociti nell'analisi del sangue generale per un'ampia varietà di disturbi, considerati separatamente: malattie infettive, granulomatose e della pelle, nonché collagenosi, che comprendono l'artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico, la poliartrite nodulare.

Il ruolo dei monociti nel corpo

A cosa servono i monociti, cosa significa? I monociti sono globuli bianchi, leucociti, che appartengono anche ai fagociti. Ciò significa che mangiano germi e batteri che entrano nel corpo e quindi si liberano di loro. Ma non solo.

Il compito dei monociti include anche la pulizia del "campo di battaglia" da altri leucociti morti, riducendo così l'infiammazione e iniziando a rigenerare i tessuti. Bene, e infine, i monociti svolgono un'altra importante funzione nel corpo: producono interferone e prevengono lo sviluppo di tutti i tipi di tumori.

Un indicatore importante nel sangue è il rapporto tra monociti e leucociti. Normalmente, la percentuale di monociti per tutti i leucociti del sangue varia dal 4 al 12%. Il cambiamento di questo rapporto nella direzione di aumentare in medicina è chiamato monocitosi relativa. In contrasto con questo caso, è anche possibile un aumento del numero totale di monociti nel sangue umano. I medici chiamano questa condizione patologica monocitosi assoluta.

norma

Le percentuali di monociti nel sangue sono leggermente diverse per adulti e bambini.

  1. In un bambino, il tasso di monociti nell'analisi del sangue è circa il 2-7% del numero totale di leucociti. Va tenuto presente che il numero assoluto di monociti nei bambini cambia con l'età, in parallelo con il cambiamento nel numero di leucociti.
  2. In un adulto, la quantità normale di monociti nel sangue è 1-8% del numero totale di leucociti. In numeri assoluti è 0,04-0,7 * 109 / l.

Qualsiasi deviazione dalla norma nel numero di monociti nell'analisi del sangue può indicare la presenza di problemi e malattie nel corpo.

Cause di monociti elevati in un adulto

Se i monociti sono elevati nel sangue di un adulto, significa la presenza di monocitosi, che è relativa e assoluta. Con la natura relativa della monocitosi nel sangue, anche il livello di altri leucociti diminuisce e, in assoluto, aumenta solo il numero di monociti. La causa dell'aumento del contenuto relativo delle cellule del sangue può essere neutropenia o linfocitopenia.

Livelli elevati di monociti nel sangue possono indicare la presenza di:

  1. Processi infettivi provocati da batteri (endocardite, tubercolosi, sifilide, malaria, brucellosi, febbre tifoide) o virus (mononucleosi, epatite);
  2. Alcune malattie del sistema ematopoietico (prima di tutto, leucemia monocitica e mielomonocitica);
  3. Alcuni stati abbastanza fisiologici (dopo aver mangiato, alla fine delle mestruazioni nelle donne, nei bambini fino a 7 anni, ecc.);
  4. L'ingestione (spesso nel tratto respiratorio) di sostanze di natura non infettiva (e spesso inorganica);
  5. Malattie neoplastiche maligne;
  6. Collagenosi (lupus eritematoso sistemico - LES, reumatismi);
  7. Fasi del recupero da infezioni e altre condizioni acute:
  8. Intervento chirurgico sofferto

Aumentare il livello di monociti nel sangue - un sintomo allarmante. Può parlare della presenza nel corpo del processo infiammatorio, di altre gravi malattie. Se il conteggio ematico completo mostra livelli di monociti superiori alla norma, è necessario consultare un medico e un ulteriore esame per determinare la causa dei cambiamenti.

Monociti elevati in un bambino

Cosa significa? La comparsa di monocitosi nei bambini è spesso associata a infezioni, in particolare infezioni virali. Come sapete, i bambini con infezioni virali si ammalano più spesso degli adulti e la monocitosi suggerisce allo stesso tempo che il corpo è preso con l'infezione.

La monocitosi in un bambino può anche comparire in caso di invasioni di elminti (ascariasi, enterobiasi, ecc.), Dopo che gli elminti sono stati rimossi dal corpo del bambino, la monocitosi scompare. La tubercolosi nei bambini è ora vista raramente, tuttavia, la presenza di monocitosi dovrebbe anche essere allarmante a questo riguardo.

Inoltre, la causa potrebbe essere il cancro in un bambino - linfogranulomatosi e leucemia.

Cosa fare con i monociti elevati?

Quando i monociti nel sangue sono elevati, il trattamento dipende principalmente dalla causa di questo fenomeno. Certo, è più facile curare la monocitosi, che è sorta a causa di malattie non gravi, come i funghi.

Tuttavia, quando si tratta di leucemia o cancro, il trattamento sarà aumentato dei livelli di monociti nel sangue e pesante, principalmente finalizzato non a ridurre il livello dei monociti, ma a sbarazzarsi dei principali sintomi di una grave malattia.

monociti

I monociti sono una delle cellule del sangue più grandi che appartengono al gruppo dei leucociti, non contengono granuli (sono agranulociti) e sono i fagociti più attivi (in grado di assorbire agenti estranei e proteggere il corpo umano dal loro effetto dannoso) del sangue periferico.

Svolgono funzioni protettive - combattono contro tutti i tipi di virus e infezioni, assorbono i coaguli di sangue, prevengono la formazione di coaguli di sangue e mostrano attività antitumorale. Se i monociti sono ridotti, questo potrebbe indicare lo sviluppo dell'anemia (i medici prestano particolare attenzione a questo indicatore durante la gravidanza) e un livello più elevato indica lo sviluppo di un'infezione nel corpo.

Norma contenuto di sangue negli adulti e nei bambini

Se parliamo del contenuto quantitativo di monociti nel sangue, la norma di questo indicatore dovrebbe essere compresa tra il 3-11% (in un bambino, il numero di queste cellule può variare tra il 2-12%) del numero totale di elementi del sangue dei leucociti.

In generale, i medici determinano il contenuto quantitativo relativo di questi elementi (per questo scopo viene eseguito un esame del sangue generale), ma se si sospetta un'interruzione grave del midollo osseo, viene eseguita un'analisi sul contenuto assoluto dei monociti, i cui risultati negativi dovrebbero allertare qualsiasi persona.

Nelle donne (specialmente durante la gravidanza) ci sono sempre più cellule leucocitarie nel sangue rispetto agli uomini, inoltre, questo indicatore può variare a seconda dell'età (nei bambini ci possono essere più).

Qual è lo scopo di determinare il livello dei monociti?

I monociti sono uno dei componenti importanti della formula dei leucociti, i cui componenti principali danno al medico un'idea generale dello stato di salute del paziente. Sia l'ascesa che la caduta dei monociti, che possono essere osservati nei bambini e negli adulti, indicano lo sviluppo di qualche tipo di disturbo interno. I monociti sono studiati con particolare attenzione quando si esaminano le donne "in posizione", perché durante la gravidanza il sistema immunitario dirige tutte le sue forze per preservare la salute del feto, quindi una varietà di batteri entra nel corpo della donna, con cui tutte le varietà di linfociti combattono incessantemente.

I medici chiamano i "pulitori" monociti del corpo perché purificano il sangue da parassiti e microrganismi patogeni, assorbono le cellule morte e migliorano le funzioni del sistema circolatorio. A volte una diminuzione o un aumento dei monociti avviene sotto l'influenza di stress, sforzo fisico o assunzione di preparati farmaceutici, quindi, prima dell'analisi, il medico pone al paziente alcune domande a cui deve essere risposto nel modo più onesto possibile.

Basso numero di monociti

I medici dicono sulla diminuzione dei monociti (lo sviluppo della monocitopenia) nel caso in cui il numero di queste cellule in relazione al numero totale di leucociti cada all'1% e al di sotto. In effetti, le condizioni in cui i monociti sono ridotti sono piuttosto rare, ma è di moda riferirsi alle cause più frequenti dello sviluppo di questo disturbo:

  • gravidanza e parto (per quanto riguarda la gravidanza, nel primo trimestre una brusca riduzione del numero di tutte le cellule del sangue, incluse quelle nella formula dei leucociti, si riscontra nel sangue delle donne e durante il parto il corpo è esaurito);
  • esaurimento del corpo (si dovrebbe prestare particolare attenzione alla diminuzione dei monociti nel sangue dei bambini, perché se il loro numero cade contro l'esaurimento del corpo, allora il lavoro di tutti gli organi e sistemi interni è disturbato);
  • l'assunzione di farmaci chemioterapici (causa lo sviluppo di anemia aplastica, il più delle volte si verifica nelle donne);
  • gravi processi purulenti e malattie infettive acute (ad esempio, febbre tifoide).

Se si riscontra che i monociti sono ridotti nel sangue di uno dei bambini, a tale bambino vengono sottoposti ulteriori test per la presenza di infezioni nel corpo, oltre che per l'interruzione del sistema immunitario o ematopoietico.

Aumento del conteggio dei monociti

Ci sono molte malattie in cui i monociti sono elevati nel sangue, perché un aumento nel numero di queste cellule avviene sullo sfondo dell'ingestione di agenti infettivi o virali nel corpo umano (si raccomanda che i genitori prestino particolare attenzione al bambino, perché il sistema immunitario del corpo è debole durante la crescita del corpo, e quindi l'attività vitale agenti patogeni non interferiscono con nulla). I motivi principali per lo sviluppo di questo stato includono:

  • gravi malattie infettive (a volte nel corpo del bambino si verificano in forma cronica, causando occasionalmente un aumento del numero di elementi del sangue leucocitario);
  • sepsi;
  • malattie del sangue (per esempio, nel corpo di un bambino, i monociti possono essere elevati sullo sfondo della leucemia acuta, e negli adulti questa condizione si sviluppa a causa della mononucleosi infettiva);
  • infezione da parassita.

Cosa fare

Se, dopo aver ricevuto l'analisi, si scopre che i monociti sono elevati in un adulto, allora è necessario consultare immediatamente un medico allo scopo di condurre ulteriori test (in effetti, nel caso dello sviluppo della stessa condizione nei bambini, è necessario fare lo stesso). Vale la pena dire che si tratta di trattare le condizioni in cui il cambiamento nel numero di elementi del sangue dei leucociti nel corpo di bambini o adulti è privo di significato. In primo luogo, il medico determina la causa dello sviluppo di questa malattia e quindi prescrive i preparati farmaceutici necessari per il suo trattamento.

Test del sangue mono

I monociti sono grandi globuli bianchi che si trasformano in macrofagi nei tessuti, contribuendo a controllare le infezioni, assorbendo i batteri. In alcuni casi, un esame del sangue clinico mostra un aumento del livello dei monociti: è classificato in assoluto e relativo, il che implica un aumento del contenuto cellulare di oltre l'8%. In ciascuna delle due deviazioni dalla norma in un adulto, è necessario stabilire la ragione per l'aumento del numero di cellule protettive. Elevati livelli di monociti nel sangue sono chiamati monocitosi.

Cosa sono i monociti?

La formazione e la maturazione dei monociti avviene nel midollo osseo, ma sono più attivi durante la loro permanenza all'interno del flusso sanguigno. A differenza di altre cellule correlate ai leucociti, i monociti sono in grado di catturare e distruggere in gran numero anche elementi estranei di grandi dimensioni dell'ambiente acido. A causa della capacità di liberarsi delle cellule morte nelle malattie, i monociti meritano la definizione condizionata di "custodi del corpo". Si trovano nella milza, fegato e linfonodi.

I monociti sono in movimento. La loro funzione più importante è la lotta contro le neoplasie maligne. Queste cellule forniscono un effetto soppressivo sul patogeno oncologico e sui patogeni della malaria. Oltre alle funzioni di base, i monociti sono coinvolti nella produzione di interferone.

Nonostante il fatto che occupino solo l'8% del sangue, il ruolo dei monociti nel fermare il processo patologico è grande: eliminano i batteri dal corpo. Il lato negativo di questi Toro - la capacità di causare infiammazioni, danni ai tessuti. All'interno dei vasi sanguigni, l'infiammazione può danneggiare le loro pareti, aumentare il grado di aterosclerosi e accumulare sostanze indesiderate (scorie), che riduce il flusso di sangue al cuore. Pertanto, è importante mantenere il numero di monociti a un livello sano.

Cause di monociti elevati negli adulti

Un aumento dei monociti nel sangue di un adulto è dovuto a una vasta gamma di malattie. Sono di origine virale e batterica, meno spesso - infezioni del tipo protozoico.

  • Tubercolosi (compreso il tipo non polmonare).
  • Lesione sifilitica
  • Malattie di natura autoimmune: lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide.
  • Problemi dell'apparato digerente: colite ulcerosa, infiammazione dell'intestino tenue, morbo di Crohn.
  • Tumori del cancro
  • Il periodo di ricupero dopo la patologia trasferita di genesi infettiva.

Lo stress provoca anche un aumento dei monociti: questo è dovuto ai cambiamenti improvvisi che il corpo sta vivendo. Quando il corpo è in uno stato di equilibrio psico-emotivo, ogni organo funziona pienamente, essendo equilibrato. Il corpo ha bisogno di riposo adeguato, sonno sano. L'alto tasso di monociti è dovuto all'aumento del bisogno umano di recupero.

Tutto ciò porta ad un aumento del livello dei monociti. L'aumento del volume di grandi cellule del sangue provoca leucemie di varie forme e lesioni maligne del sistema linfatico (linfoma, malattia di Hodgkin). Ma più spesso il processo indica la presenza di malattie infettive.

Sintomi di aumento dei monociti

Come tale, i sintomi di aumentare i monociti in un adulto non esistono. Ma concentrandosi sui segni di malattie in cui vi è un aumento del numero di globuli bianchi, è possibile capire che è necessario cercare aiuto. Le indicazioni per una visita dal medico sono i seguenti fenomeni:

  • Perdita di peso irragionevole
  • Mancanza di appetito ridotta o completa.
  • Affaticamento aumentato, debolezza infondata.
  • Ansia, attacchi di panico, eccitazione psico-emotiva.
  • Avversione improvvisa ai prodotti a base di carne.
  • Irritabilità, apatia, insonnia, sonnolenza.
  • Disturbo di feci, striature di sangue nelle feci, feci schiumose.
  • Dolore all'addome, che difficilmente può essere localizzato.
  • Forte motilità gastrointestinale.
  • Tosse secca e prolungata con espettorato sanguinolento.
  • Dolore articolare e / o muscolare
  • Eruzione specifica sulla pelle e sulle mucose.
  • Disagio e indolenzimento durante il rapporto.
  • La presenza di lesioni sull'epitelio dei genitali e lo scarico dai canali genitali.

Questi sintomi possono disturbare il paziente non solo singolarmente, ma anche in un complesso, un centinaio, che influenza lo stato di salute e il decorso della malattia, peggiorandoli.

diagnostica

Il medico prescriverà un esame emocromocitometrico completo. È costituito da globuli rossi, globuli bianchi, piastrine e altri componenti, come i monociti. Ciò avviene prelevando il sangue dalla vena del paziente, quindi un campione di sangue viene posto su un vetrino e un tecnico di laboratorio lo controlla con un microscopio.

Aumento dei livelli di monociti negli adulti: trattamento

Per recuperare il livello dei monociti, prima di tutto è necessario eliminare la malattia sottostante, che era l'inizio della monocitosi. Il trattamento di questa deviazione richiede anche un'attenta diagnosi, l'uso di vari farmaci.

L'approccio terapeutico è pianificato tenendo conto della categoria di età del paziente, dello stadio della sua malattia e dei disturbi che ne derivano.

Colite ulcerosa, morbo di Crohn e enterite sono trattate da un gastroenterologo. Prescrivere corticosteroidi, immunomodulatori, aminosalicilati. L'obiettivo è tradurre la malattia in remissione. Un esame del sangue clinico di follow-up mostrerà un numero normalizzato di monociti - questo fatto indica il recupero.

L'oncologo conduce l'esame e l'esame del paziente. Il trattamento mira a fermare lo sviluppo del tumore, impedendone la crescita in altri organi. Il piano terapeutico viene scelto individualmente, tenendo conto della localizzazione e dello stadio della neoplasia. Al paziente viene offerta la chemioterapia, la radioterapia o la chirurgia. Contemporaneamente al passaggio del trattamento, viene eseguito il monitoraggio dei parametri del sangue.

I pazienti con sifilide si sottopongono a un ciclo di terapia nel dispensario dermatovenerologico, dove uno specialista prescrive antibiotici ad ampio spettro e rinforza i farmaci.

Per far fronte a circostanze stressanti, è possibile l'intervento di uno psicologo. Nei casi più complicati, il paziente richiede l'aiuto di uno psicoterapeuta.

L'eliminazione della patologia sottostante è una condizione favorevole per ridurre la concentrazione dei monociti del sangue.

Suggerimenti per la nutrizione

Durante il periodo di trattamento, oltre alla riabilitazione, il paziente deve attenersi a diverse regole relative alla dieta. La loro conformità avrà un effetto benefico sulle condizioni del paziente.

  • Ridurre l'assunzione di zucchero. Il diabete e alti livelli di glucosio nel sangue sono associati ad un aumento del rilascio del volume dei monociti, l'insorgenza dell'infiammazione. È consigliabile ridurre lo zucchero raffinato dalla dieta per ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Insieme all'obesità e all'insulino-resistenza, sono spesso causati dal consumo di cibi ad alto indice glicemico che contengono zucchero raffinato e alimenti trasformati.
  • Smetti di bere alcolici. Le bevande contenenti alcol stimolano il processo infiammatorio, aggravando il benessere del paziente. È un grave errore che una piccola dose di alcol abbia un effetto benefico sulla qualità dell'appetito - nei pazienti oncologici o nei pazienti con malattie del tratto gastrointestinale, questo può causare una serie di complicanze.
  • Includere pesce nella dieta. Gli acidi grassi omega-3 contengono pesci grassi come il salmone, lo sgombro. È consigliabile includere questi prodotti nella dieta. L'olio di pesce ha proprietà anti-infiammatorie che forniscono protezione contro l'aterosclerosi, malattie cardiache. Assumerlo come additivo può ridurre l'infiammazione causata dall'attivazione dei monociti.
  • Dieta mediterranea I grassi monoinsaturi contenuti in olio d'oliva, semi, noci, verdure, frutta e cereali integrali fanno parte di una dieta mediterranea diffusa. Questi prodotti hanno un effetto protettivo contro le reazioni infiammatorie causate dai monociti.

Per identificare la malattia in una fase iniziale, è necessario sottoporsi sistematicamente ad una visita medica. Un'analisi clinica del sangue, che prevede un programma di diagnosi di routine delle condizioni di una persona, rifletterà un quadro accurato della sua salute. E l'aumento identificato dei monociti sarà la ragione di un esame e trattamento completo.

Monociti nel totale dei globuli rossi (MONO)

La formula dei leucociti include la definizione di monociti - uno dei tipi di leucociti responsabili della fagocitosi. Questo è un processo biologico molto importante quando una cellula assorbe un altro, un frammento cellulare, grandi strutture molecolari o complessi immuni dell'anticorpo antigene. Pertanto, il sistema immunitario rimuove dal corpo i propri morti, ha perso la loro funzione, determinando mutazioni atipiche delle cellule, agenti infettivi (batteri, virus, protozoi, funghi) o dei loro resti.

Normalmente, la quantità relativa di MONO è 3-11%. L'aumento di questo valore - la monocitosi - si verifica quando:

La maggior parte delle infezioni batteriche;

Alcune patologie virali (mononucleosi infettiva, morbillo, rosolia, influenza);

Introduzione di protozoi (amebiasi, leishmaniosi, giardiasi, toxoplasmosi);

Sarcoidosi, colite ulcerosa;

Malattie sistemiche del tessuto connettivo;

Leucemia acuta monocitica, linfoma, mieloma multiplo.

Una diminuzione del livello (monocitopenia) di solito non ha cause specifiche ed è associata con l'inibizione della formazione del sangue nel midollo osseo in background:

Vari stati di carenza (ferro, vitamine del gruppo B, acido folico);

Mielosoppressione (terapia di chemioterapia);

Immunosoppressione (trattamento con glucocorticoidi, HIV);

Grave condizione del corpo in sepsi, insufficienza multiorgano;

Leucemia grave

Lo studio dei monociti dovrebbe essere eseguito con ogni analisi del sangue generale, che consentirà la rilevazione tempestiva di malattie con un quadro clinico a lungo nascosto e il momento di iniziare il trattamento.

monociti

I grandi globuli del gruppo dei leucociti sono chiamati monociti. Proteggono il corpo da microrganismi patogeni.

Sono chiamati agranulociti, in quanto non hanno granuli nel citoplasma. Inoltre, appartengono ai fagociti attivi, in quanto assorbono i microrganismi estranei e li dissolvono.

Oltre alla distruzione di virus, batteri e funghi, i monociti assorbono i coaguli di sangue, prevengono la trombosi e hanno un effetto antitumorale e accelerano i processi di rigenerazione. Una diminuzione dei monociti può indicare lo sviluppo di anemia e un aumento del loro livello può portare a malattie infettive.

Nella rubrica imparerai tutto sui monociti nel sangue e sull'analisi di essi (mon), trascrizione.

Nozioni di base sui monociti

I monociti sono grandi cellule bianche attive, vivono non solo nel sangue, ma anche nei tessuti e negli organi (nel fegato, nel midollo osseo, nella milza, ecc.).

I monociti si formano nel midollo osseo, dopo 2-3 giorni penetrano nel sangue. Le cellule immature assorbono attivamente agenti estranei. I monociti vivono nel sangue per diversi giorni e poi passano nei tessuti circostanti, dove vengono trasformati in istiociti. L'intensità della produzione dipende dalla concentrazione di glucocorticoidi nel sangue.

I monociti svolgono le seguenti funzioni:

  • Elimina agenti patogeni e alieni. I globuli bianchi assorbono completamente i microrganismi o i loro frammenti. A differenza dei neutrofili, i monociti assorbono grandi oggetti in grandi quantità.
  • Fornire una superficie per linfociti T (assistenti che migliorano la risposta immunitaria agli agenti stranieri).
  • Producono citochine - molecole di informazione, grazie alle quali interagiscono i leucociti e le altre cellule del sangue.
  • Elimina dal corpo di cellule morte e distrutte, batteri, complessi immunitari.
  • Promuovere la riparazione dei tessuti a causa di danni, infiammazioni o danni ai tumori.
  • Hanno un effetto citotossico su cellule tumorali, protozoi e plasmodi (gli agenti causali della malaria).

Sono in grado di assorbire agenti patogeni anche in un ambiente con elevata acidità. I monociti insieme ai leucociti forniscono una protezione completa contro virus e batteri.

Il tasso di monociti negli adulti e nei bambini

Calcolare il livello dei monociti aiuterà l'analisi del sangue. La concentrazione è calcolata in valore assoluto per litro di sangue. Poiché i monociti sono rappresentanti del gruppo dei leucociti, la loro percentuale viene determinata in relazione a tutte le cellule leucocitarie.

Il tasso di monociti per uomini e donne è lo stesso e non cambia con l'età. Il sangue di una persona sana per adulti contiene circa 0,07 × 109 / l. Questo valore varia da 0 a 0,08 × 109 / l.

Dopo aver determinato la proporzione di monociti nel numero totale di leucociti, questo valore è il seguente: dal 3 all'11%. Nei risultati dell'analisi medica, il livello dei monociti viene registrato come "Mon№" o "Mon: number / l".

Un neonato ha una concentrazione sanguigna più alta di mon rispetto a un adulto. Ciò è dovuto alla necessità di un corpo infantile immaturo per proteggere dai microrganismi patogeni.

Il livello normale di mon come percentuale di bambini di età diverse:

  • Da 0 a 14 giorni - dal 3 al 12%;
  • 15 giorni - dal 5 al 15%;
  • Fino a 12 mesi - dal 4 al 10%;
  • Da 12 mesi a 2 anni - dal 3 al 10%;
  • Da 2 a 16 anni - dal 3 al 9%.

Concentrazione dei monociti in unità assolute (monociti x 109 / l) per ragazzi e ragazze di diverse età:

  • 15 giorni - da 0,19 a 2,4;
  • Fino a 12 mesi - da 0,18 a 1,85;
  • Da 1 a 3 anni - da 0,15 a 1,75;
  • Da 3 a 7 anni - da 0,12 a 1,5;
  • Da 8 a 10 anni - da 0,10 a 1,25;
  • Da 11 a 16 anni - da 0,09 a 1,15.

Se questo indicatore è normale, significa che i monociti assorbono in modo tempestivo e rimuovono le cellule morte e non ci sono agenti patogeni nel corpo.

Analisi dei monociti

Per determinare la concentrazione di mon, un conteggio ematico completo (OAA) è prescritto con una formula di leucociti. Per lo studio utilizzando sangue capillare o venoso. I medici raccomandano di eseguire questa analisi ad ogni visita alla clinica o all'ospedale.

L'analisi è prescritta nei seguenti casi:

  • Malattie di origine virale o batterica;
  • Educazione oncologica;
  • Malattie autoimmuni (es. Lupus eritematoso, artrite reumatoide);
  • Malattie del sistema ematopoietico (ad esempio, leucemia);
  • l'anemia;
  • Invasioni elmintiche;
  • Malattie infiammatorie del tubo digerente.

Per rendere i risultati dello studio quanto più affidabili possibili, è necessario prepararsi adeguatamente. L'analisi è raccomandata al mattino a stomaco vuoto, questo significa che l'ultimo pasto dovrebbe avvenire entro e non oltre 4 ore prima della procedura.

Il ruolo dei monociti nella diagnosi delle malattie

I monociti sono componenti importanti di una formula di leucociti che consentono al medico di valutare la salute di una persona. Se la concentrazione delle cellule del sangue aumenta o diminuisce, ciò indica anomalie all'interno del corpo.

Questo indicatore è particolarmente importante nel periodo di gestazione. Ciò è spiegato dal fatto che l'immunità di una donna incinta genera tutte le forze per proteggere il feto dai patogeni.

I monociti sono una specie di "tergicristallo" del corpo, come li chiamano i medici.

E tutto perché le cellule del sangue sono impegnate nella pulizia del sangue di parassiti e microrganismi dannosi, assorbono le cellule morte della pelle e hanno un effetto benefico sul sistema circolatorio.

A volte il numero di globuli bianchi nel corpo diminuisce o aumenta a causa di condizioni stressanti, attività fisica eccessiva o dopo l'assunzione di determinati farmaci. E quindi, prima di un esame del sangue per i livelli di monociti, il medico pone domande a cui occorre rispondere nel modo più onesto possibile.

Aumento della concentrazione di monociti

La monocitosi è una condizione caratterizzata da un aumento del numero di monociti. La monocitosi è relativa (la percentuale di cellule è superiore all'11% e il contenuto totale è compreso nell'intervallo normale) o assoluto (il contenuto totale dei monociti è superiore a 0,70 × 109 / l).

Un aumento di mon indica un processo infiammatorio durante l'altezza della malattia:

  • Malattie infettive di origine virale e batterica (parotite, influenza, angina monocitica, tubercolosi);
  • Micosi (malattie di origine fungina);
  • Infiammazione dell'intestino tenue o crasso;
  • Ulcera peptica;
  • Endocardite di origine infettiva (infiammazione della membrana del cuore);
  • Reumatismi (infiammazione del tessuto connettivo);
  • Sepsi (avvelenamento del sangue);
  • Il periodo postoperatorio (dopo la rimozione dell'appendice, la chirurgia sugli organi pelvici);
  • Malattie autoimmuni (lupus eritematoso, sarcoidosi);
  • Tumore maligno;
  • Malattie del sistema ematopoietico (leucemia, policitemia, trombocitopenia benigna).

Spesso la concentrazione di monociti aumenta con i linfociti.

I monociti nel sangue di un bambino aumentano nei seguenti casi:

Qui puoi trovare ulteriori informazioni sull'aumento del livello di monociti in un bambino.

Il livello di mon è dato speciale importanza dopo la tonsillite acuta recentemente trasferita.

Diminuzione dei livelli dei monociti

La monocitopenia è una condizione in cui la concentrazione dei monociti diminuisce.

Le ragioni principali per la diminuzione del numero di globuli bianchi nel sangue:

  • Panmielophthisis (anemia aplastica) - anemia dovuta a carenza di acido folico;
  • Processi infettivi nella forma acuta, in cui il numero di neutrofili diminuisce;
  • Trattamento a lungo termine con farmaci glucocorticoidi;
  • Pancitopenia (riduzione di tutti i componenti del sangue nel sangue);
  • Leucemia a cellule capellute (una rara forma di leucemia);
  • Malattia delle radiazioni

Una diminuzione del livello di mon è caratteristica di un paziente che è gravemente impoverito o in stato di shock. Questa condizione è osservata nelle donne dopo il parto o nel periodo post-operatorio. La monocitopenia è spesso provocata dai parassiti.

Normalizzazione dei monociti

Di solito, la mancanza o l'aumento dei monociti non manifesta sintomi. Capire che i problemi nel corpo, è possibile per malattie frequenti, con monocitopenia, i tessuti danneggiati recuperano più lentamente.

Un esame del sangue aiuterà a identificare le anomalie, durante le quali viene calcolato il numero di leucociti nella massa totale. Per determinare quale dei tipi di leucociti deviati dalla norma, eseguire un esame emocromocitometrico completo con una formula di leucociti.

Se gli indicatori si discostano dalla norma, per chiarire la diagnosi confrontare gli altri parametri del sangue. Inoltre, il medico chiede al paziente i sintomi, le precedenti malattie, i metodi di trattamento, lo stile di vita, ecc. Se necessario, condurre ulteriori studi che permettano di scoprire la ragione della deviazione dei monociti dalla norma.

La monocitosi e la monocitopenia non sono trattate, in quanto sono segni di malattia. E quindi, prima di tutto, devi scoprire la causa di questa condizione. Solo dopo aver stabilito la diagnosi può essere avviato il trattamento. In questo caso, il paziente deve mantenere uno stile di vita sano, mangiare correttamente, al fine di accelerare il recupero dalla malattia di base. In questo caso, il livello di mon si normalizza.

Ad esempio, per un parassita o altre malattie infettive lenta, è necessario sottoporsi a un ciclo di trattamento per normalizzare la conta ematica. Per le malattie del sistema ematopoietico o oncologico, è necessario un trattamento complesso ea lungo termine.

Pertanto, i monociti sono i componenti più importanti dell'immunità, che proteggono la salute e proteggono il corpo da varie patologie. Indicano i processi infiammatori nel corpo. E quindi è così importante monitorare periodicamente la loro quantità nel sangue con l'aiuto del KLA. In caso di qualsiasi deviazione, consultare un medico che prescriverà ulteriori test e terapia efficace.

Ti piace questo articolo? Condividilo con i tuoi amici sui social network:

Norma dell'età dei monociti di donne e uomini

Il nostro sangue può dire molto sulla nostra salute quando diamo anche una piccola goccia per un'analisi generale. Nonostante il fatto che la maggior parte di noi non entri nei dettagli di quelle figure che sono scritte su un pezzo di carta con il risultato dell'analisi, ma dia questo pezzo direttamente al dottore, non è un po 'per scoprire cosa significano tutte queste lettere e numeri di fronte a loro. Questo articolo aiuterà a scoprire quale dovrebbe essere la norma dei monociti, cosa determina il loro contenuto nel sangue e come i monociti agiscono sul corpo umano.

Monociti - che cos'è

Il fatto che tali monociti, alcune persone probabilmente non sospettano finché non si ammalano di qualcosa e vanno in un istituto medico per un esame. Appartengono al gruppo dei leucociti, non contengono granuli (tipo agranulociti), sono più grandi di tutti i globuli rossi. Sono i fagociti più attivi, vale a dire avere la capacità di distruggere agenti alieni. Sono simili nella struttura ai virociti (cellule mononucleate atipiche). I globuli bianchi atipici sono responsabili delle stesse funzioni dei monociti, vale a dire combattere l'infezione I monociti nascono nel midollo osseo, quindi entrano nel sangue, lo purificano e vengono inviati al fegato, alla milza e ad altri tessuti per proteggerli dagli effetti nocivi.

I monociti nel sangue sono responsabili della funzione di pulizia. Distruggono non solo interi microrganismi dannosi per l'uomo, ma anche le loro parti. Le funzioni dei monociti mirano anche a migliorare il funzionamento del sistema circolatorio, prevenendo i coaguli di sangue e assorbendo le cellule morte. Il loro livello normale supporta uno stato sano del corpo e previene lo sviluppo di tumori.

Perché devo misurare il livello dei monociti

Lo studio, durante il quale i monociti sono determinati nel sangue, mira a ottenere un quadro generale della salute del paziente. Il numero di monociti in un adulto può differire leggermente dal livello di queste cellule nei bambini. Il corpo femminile deve soprattutto controllare il livello dei fagociti durante la gravidanza. Questo periodo per una donna è caratterizzato da un sistema immunitario indebolito, dovuto al fatto che tutte le forze sono dirette alla protezione e allo sviluppo del feto. Le funzioni dei monociti e di altri linfociti consistono nella costante lotta contro la moltitudine di batteri che entrano dentro. Pertanto, il tasso di monociti nel sangue delle donne varia e può superare il numero di monociti negli uomini. Tuttavia, se i monociti e il loro tasso sono leggermente diversi nelle donne, ciò non significa che il trattamento non sia richiesto.

È necessario ripristinare il livello normale della madre in modo che l'infezione non venga trasmessa al bambino.

Se nel corso della ricerca è stato riscontrato un aumento o una riduzione del livello di fagociti sia negli adulti che nei bambini, il medico prescrive ulteriori test per rilevare la malattia. Solo allora puoi assegnare il trattamento appropriato. Non ha senso trattare una condizione in cui il numero di cellule del sangue dei leucociti cambia, è necessario scoprire la causa di questa condizione.

Come determinare il livello delle cellule del sangue dei leucociti

Il numero di monociti è determinato in due modi.

  1. Quando si calcola con il primo metodo, il rapporto percentuale viene confrontato con i leucociti.
  2. Il contenuto assoluto dei monociti (scritto come monociti abs) è calcolato in base al numero di cellule per litro di sangue. La designazione dei monociti come mon o mono viene usata quando si scrive su un foglio di risposta.

Di seguito è riportata una tabella in cui è possibile determinare la velocità dei monociti in un adulto e nei bambini.

Le cellule mononucleate atipiche sono anche misurate dalla percentuale del numero totale di leucociti.

Cosa significa una deviazione dalla norma?

Un aumento o una diminuzione dei difensori nel sangue può essere il risultato di stress o sforzo fisico. La causa può anche essere una malattia grave.

Se il numero di monociti nel sangue differisce dalla norma in modo considerevole (monocitosi), allora l'infezione si è già diffusa nel corpo. Spesso, un esame del sangue per i monociti è una conferma di una malattia diagnosticata. Ciò è dovuto al fatto che ci vuole più tempo per produrre più di queste cellule. L'elevazione del monocita può indicare:

  • Virus, infezioni e infezioni fungine. Quando i microbi e i batteri dannosi attaccano, il corpo è costretto a rispondere a questo con monocitosi. Malattie come l'influenza, il morbillo, la rosolia, la difterite, così come la tubercolosi e la sifilide, daranno una grande percentuale di "difensori" nel sangue, indicando che qualcosa non va;
  • Processi oncologici. La leucemia monocitica è una malattia legata all'età, cioè più comunemente colpisce le persone anziane. Questo include qualsiasi tumore maligno;
  • Malattie autoimmuni La funzione dei monociti per proteggere il corpo si manifesta in malattie come il lupus e l'artrite reumatoide;
  • La presenza di parassiti. La monocitosi si manifesta in giardiasi, amebiasi, toxoplasmosi, ecc.
  • Il periodo postoperatorio. Per qualche tempo dopo l'intervento, l'analisi del contenuto di cellule del sangue dei leucociti mostrerà un'alta percentuale. Ciò è particolarmente vero per le persone che sono state sottoposte ad appendicectomia, chirurgia milza e donne dopo operazioni nel bacino;
  • Disturbi del sangue Negli adulti, è spesso la mononucleosi infettiva. Quando si esegue un esame del sangue, la decodifica dovrebbe mostrare che le cellule atipiche sono notevolmente elevate.

Nei bambini, il corpo può rispondere aumentando il livello delle cellule dei leucociti durante la dentizione o la sostituzione dei denti da latte con quelli permanenti.

Se i monociti sono ridotti di sangue (monocitopenia), il motivo potrebbe essere:

  • Deplezione del corpo, anemia. Una forte diminuzione dell'immunità dopo la malattia, così come altre cause di esaurimento, specialmente nei bambini durante la crescita, possono disturbare il funzionamento di tutti gli organi;
  • Uso a lungo termine di farmaci chemioterapici. Con l'uso a lungo termine di questi farmaci, si può sviluppare anemia aplastica (di solito osservata nelle donne);
  • Trattamento con farmaci glucocorticoidi. È un sintomo atteso quando si utilizza questo gruppo farmacologico;
  • Lanciato processi purulenti e malattie infettive nella fase acuta (febbre tifoide);
  • Gravidanza e parto. Questo si riferisce al primo trimestre di gravidanza, quando gli indicatori di tutti gli elementi del sangue, non escludendo i leucociti, cade. Il parto è la causa della deplezione del corpo, quindi dopo la nascita, la monocitopenia è caratteristica.

Se l'esame del sangue non mostra la presenza di cellule MON, allora questo indica gravi malattie del sangue, come lo stadio della leucemia (a cui le cellule di difesa cessano di svilupparsi del tutto) e la sepsi. Quest'ultima malattia è caratterizzata dalla distruzione delle cellule del sangue dall'azione di tossine e fagociti che non affrontano l'attacco dell'infezione.

In conclusione, va notato: succede che solo i monociti nel test del sangue possono mostrare che il corpo è infetto da qualche malattia. Tutti gli altri indicatori possono essere normali, mentre i monociti e le loro funzioni di protezione del corpo, aumentando o diminuendo, richiederanno al medico che il paziente necessiti di un esame più approfondito al fine di rilevare la malattia il più presto possibile e iniziare il trattamento.

Cosa sono i monociti nell'analisi del sangue, MON e funzione

contenuto

Cosa sono i monociti nell'analisi del sangue? Sono uno degli indicatori importanti che possono dire molto sullo stato della salute umana. Ma a differenza di altri indicatori, il livello dei monociti cambia molto raramente. Il cambiamento nel numero di cellule è dovuto a malattie specifiche che ne provocano la crescita. Pertanto, se il conteggio ematico completo ha mostrato un aumento dei dati, allora è abbastanza semplice identificare la malattia.

Cosa sono i monociti e la loro funzione

Cosa sono i monociti nell'analisi del sangue, che ruolo giocano? Questo tipo di cellula appartiene ai leucociti. Questo è il cosiddetto agranulocita, cioè questo tipo non contiene granuli azurifilici nel suo citoplasma. La loro percentuale del numero totale di leucociti è piuttosto ampia e può variare dal 3 all'11%. I monociti o mon sono le cellule principali che contrastano la riproduzione di microbi e batteri all'interno del corpo. Questa capacità li distingue nel gruppo dei fagociti.

Queste cellule prendono parte a vari processi del corpo:

  • necessario per la normale formazione del sangue;
  • ripristinare l'equilibrio nel sangue;
  • prevenire la diffusione di batteri nel corpo;
  • prendere parte alla rigenerazione dei tessuti infiammati;
  • proteggere il corpo dallo sviluppo di tumori;
  • sono parte integrante della difesa immunitaria del corpo, partecipando alla produzione di interferoni.

Le cellule del midollo osseo sono prodotte e quindi entrano nel sangue. Per 2-3 giorni, che sono nel sangue, contribuiscono alla sua purificazione. Dopo di ciò, i monociti passano nei tessuti degli organi, dove vengono convertiti in istiociti. Ma la più alta attività delle cellule cade sul periodo di permanenza nel sangue.

Indicatori della norma e cambiamenti di livello

Un esame del sangue per i monociti, così come per altre cellule che appartengono ai leucociti, ha due indicatori: relativo e assoluto. Inoltre, entrambi questi risultati sono importanti per determinare con precisione il funzionamento del sistema immunitario del corpo. La norma negli adulti è la stessa per entrambi i sessi, ma differisce dall'indicatore dei bambini.

Quando viene effettuato un esame del sangue, la trascrizione mostrerà i seguenti dati:

  • la norma negli adulti varia dal 3 all'11% o da 0 a 0,08 x 10 9 al litro;
  • la percentuale nei bambini va dal 2 al 12% o da 0,05 a 1,1x10 9 per litro di sangue.

In questo caso, la modifica del livello può essere verso l'alto o verso il basso. Decifrare lo studio aiuterà a determinare il livello dei monociti e le ragioni che hanno causato il cambiamento.

L'altezza viene solitamente rilevata nelle malattie infettive e in altre malattie.

I principali motivi che hanno causato la crescita dei parametri:

  1. La presenza di attività patogena dei funghi.
  2. Processi infiammatori nel corpo o certi organi, ad esempio nell'intestino.
  3. Infezione virale o batterica, ad esempio, influenza, tubercolosi.
  4. Reumatismi.
  5. La formazione di cellule tumorali.
  6. Malattie autoimmuni
  7. Malattie del sangue, per esempio, leucemia.

Aumento dei livelli di monociti nei bambini

I medici controllano l'indice dei monociti, che è MON nel test del sangue, specialmente con attenzione nei bambini. Spesso, la monocitosi debole può essere rilevata nel periodo di recupero dopo una malattia passata, ad esempio, mal di gola. Pertanto, il livello delle cellule sopra la norma si verifica abbastanza spesso tra i bambini. Sulla base dei test, il medico può trarre conclusioni su quanto bene il corpo combatta contro le malattie.

Nei bambini, le trascrizioni per i monociti possono indicare disturbi del sangue.

Le ragioni per aumentare il livello di queste cellule possono essere:

Studi tempestivi aiuteranno a fermare la malattia in una fase precoce, che renderà possibile affrontare più efficacemente la malattia.

Un aumento del livello dei monociti è solitamente accompagnato da un aumento generale dei leucociti. Questo indica la presenza di processi infiammatori nel corpo. Nei bambini, questa reazione corporea è più comune a causa del maggior rischio di infestazione da parassiti, nonché di una maggiore suscettibilità alle allergie.

Le raccomandazioni per l'analisi del livello dei monociti sono le stesse dell'analisi complessiva. Il prelievo di sangue dovrebbe essere fatto al mattino a stomaco vuoto.

Se i monociti sono elevati in un adulto, che cosa significa?

Nell'analisi del sangue, i monociti vengono contati come parte di una formula di leucociti, che normalmente occupano dal 2 al 10% del numero totale di cellule leucocitarie. Nei risultati dell'analisi, sono contrassegnati con la sigla del nome MON.

La specificità dei monociti è associata alla lotta attiva contro i virus nel corpo. A questo proposito, l'aumento dei monociti nel sangue sopra la norma indica chiaramente che il corpo ha collegato il sistema immunitario alla lotta contro alcuni virus.

D'altra parte, solo dal fatto che i monociti nel sangue sono elevati è impossibile parlare immediatamente della malattia. Tuttavia, dovrebbe essere tenuta presente la base virale dei cambiamenti nel contenuto di monociti nel sangue.

Ovviamente, è inequivocabile dire che non c'è possibilità per un virus. Per chiarimenti, è necessario esaminare altri risultati del test o crearne di nuovi. Nella vita ordinaria, i medici conoscono la situazione epidemiologica nella regione, e anche da questi dati è molto probabile che dica quale virus sia "dilagante" nella regione. Quindi c'era lavoro per i monociti.

Cosa sono i monociti nell'analisi del sangue?

Infatti, i monociti sono le cellule più attive del sistema fagocitico. Grazie al movimento amebico, sono in grado di migrare attivamente, superare le pareti dei capillari e penetrare negli spazi intercellulari.

Funzioni dei monociti

Normalmente, nei monociti del sangue periferico sono transitati. Circolano in esso per 2-4 giorni e poi migrano verso organi e tessuti. Il numero di monociti tissutali è più di 20 volte maggiore del numero circolante nel sangue.

Il numero massimo di macrofagi tissutali contiene fegato, polmone, milza e anche la cavità addominale. Una parte dei monociti è sempre contenuta nei linfonodi.

Le principali funzioni dei monociti sono:

  • fagocitosi ed endocitosi;
  • rilascio di sostanze biologicamente attive;
  • partecipazione alla sincronizzazione della risposta immunitaria cellulare e alla regolazione del processo di formazione del sangue.

Forniscono anche l'immunità antitumorale, antivirale, antimicrobica e antiparassitaria.

Inoltre, i monociti nel sangue periferico sono cellule presentanti l'antigene. Presentano (presenti) antigeni estranei ai linfociti T. Cioè, l'informazione accumulata viene effettivamente trasferita alle prossime generazioni di cellule del sistema immunitario. A causa di ciò, le cellule proprie e di altre persone vengono rapidamente riconosciute dalle generazioni successive e il recupero è molto più veloce.

I monociti tissutali sono chiamati cellule di processamento dell'antigene o fagociti professionali (cellule A). La funzione principale delle cellule A è la fagocitosi e la completa distruzione di microrganismi patogeni, i complessi immunitari infettati da virus e cellule tumorali, cellule distrutte e danneggiate dall'apoptosi.

Agendo nel fuoco infiammatorio, i monociti tissutali assorbono e digeriscono:

  • agenti microbici,
  • leucociti morti;
  • resti di cellule danneggiate e non vitali.

Infatti, i macrofagi schiariscono l'attenzione infiammatoria, preparando il tessuto per un'ulteriore rigenerazione. A differenza dei neutrofili che agiscono contro i batteri, l'attività dei monociti è principalmente diretta contro i virus. Inoltre, i monociti non muoiono dopo il contatto con l'antigene. Questo spiega perché non ci sia pus nei focolai infiammatori di eziologia virale (accumulo di cellule di leucociti morti). Tuttavia, i monociti si accumulano attivamente nei fuochi dell'infiammazione cronica.

Un'altra caratteristica dei monociti è la loro capacità di riprodursi, dividendosi vicino alla fonte dell'infiammazione.

Oltre a partecipare attivamente al processo di fagocitosi, i monociti producono sostanze biologicamente attive (cachessina, interleuchina-1, interferone, citochine, ecc.). A causa della produzione del fattore di necrosi tumorale, la riproduzione è soppressa e viene fornito un effetto dannoso sulle cellule tumorali.

Monociti. norma

Deviazioni dalla norma: il livello dei monociti è aumentato o diminuito

Pertanto, l'aumento della percentuale di monociti in relazione agli altri elementi della formula dei leucociti è detta monocitosi relativa. Un aumento del numero di monociti e il numero totale di leucociti è una monocitosi assoluta.

La diminuzione del numero di monociti è chiamata monocitopenia. È anche relativo e assoluto.

Di norma, un aumento del numero di monociti indica un processo infettivo o intossicazione grave.

Una diminuzione del numero di monociti è osservata in stati di shock, malattie oncoematologiche, gravi processi infiammatori purulenti, ecc.

Monocitosi. Cause negli adulti e nei bambini

Considerando i risultati dell'analisi del sangue, improvvisamente si nota che nella colonna MON la cifra è superiore alla norma e peggio se è sottolineata in rosso. Ciò significa che i monociti nel sangue sono elevati e deve essere intrapresa un'azione. Ma quali? Il fatto è che ci sono alcune ragioni per l'aumento.

I monociti possono essere elevati nel sangue quando:

  • malattie infettive acute (principalmente eziologia virale), invasioni parassitarie, infezioni causate da funghi e protozoi;
  • infezioni subacute di natura batterica (endocardite batterica subacuta, endocardite reumatica);
  • patologie specifiche (tubercolosi polmonare e linfonodale, sifilide, brucellosi);
  • sarcoidosi;
  • colite ulcerosa;
  • malattie sistemiche del tessuto connettivo (artrite reumatoide, lupus eritematoso disseminato, periarterite nodosa);
  • protozoi e rickettsiosi (malaria, tripanosomiasi, leishmaniosi, tifo);
  • neutropenia ciclica;
  • avvelenamento da tetracloroetano;
  • recupero da una grave malattia;
  • linfogranulematoz e altri linfomi maligni;
  • malattie del sistema ematopoietico (monocitosi e altre leucemie);
  • patologie mieloproliferative (policitemia, metaplasia del midollo osseo).

Nei pazienti con leucemia ionocitica, il numero di monociti nella formula dei leucociti può raggiungere il 70%, che è molto.

Nei pazienti con tubercolosi, la monocitosi espressa in combinazione con neutrofilia e linfopenia, indica una progressione della malattia. Questo modello è caratteristico di forme ematogenemente disseminate. La presenza di monocitosi nel sangue del paziente con linfocitosi e una diminuzione dello spostamento neutrofilo è caratteristica dell'attivazione dei processi riparativi ed è una buona prognosi clinica.

Nei bambini, la causa più comune di aumento dei livelli di monociti è la mononucleosi infettiva. Per la malattia, un segno diagnostico specifico è la monocitosi in combinazione con l'individuazione di cellule mononucleate atipiche (virociti) nel test del sangue. Inoltre, i monociti possono aumentare durante il periodo di esacerbazione clinica e di laboratorio dell'infezione cronica di Epstein-Barr di infezioni virali e da citomegalovirus.

Monocytopenia. motivi

I monociti ridotti nel sangue possono essere quando:

  • anemia aplastica;
  • leucemia a cellule capellute;
  • condizioni di shock;
  • gravi processi purulenti;
  • febbre tifoide.

Anche la monocitopenia può essere osservata durante il periodo di riabilitazione dopo interventi chirurgici e durante il trattamento con farmaci glucocorticoidi.

Come testare i monociti

Non esiste un'analisi separata per la determinazione della monocitosi o monocitopenia. Il loro numero è sempre determinato quando si esegue un esame del sangue clinico generale.

Le regole per la preparazione per l'analisi sono standard. Il sangue deve essere assunto a stomaco vuoto. Un giorno prima dell'analisi, lo stress fisico ed emotivo, il caffè forte e il fumo sono esclusi. 2 giorni non è raccomandato per bere alcolici.

Cosa fare se i monociti non sono normali

Presta attenzione al fatto che se hai visto un disturbo con i monociti durante la decifrazione di un esame del sangue, non dovresti cercare una risposta alla domanda su come abbassare i monociti. Perché abbassare il loro livello se combattono l'infezione?

Prima di tutto, è necessario contattare uno specialista che effettuerà un esame, raccogliere attentamente la storia della malattia e confrontare l'analisi dei dati. Se necessario, possono essere condotti ulteriori studi chiarificatori.

Inoltre, Leggere Imbarcazioni

Rassegna di angina 2 FC: sintomi, trattamento, prognosi della malattia

Da questo articolo imparerai: la descrizione dell'angina pectoris della seconda classe funzionale, che tipo di malattia. Cause del suo sviluppo, sintomi e metodi di trattamento.

Metodo per determinare il tasso di sedimentazione degli eritrociti secondo Westergren

Il peso specifico dei globuli rossi è maggiore di quello del plasma, quindi si depositano gradualmente in una provetta.

ESR 12 nelle donne: cosa significa e quale dovrebbe essere la norma?

contenuto

L'ESR (tasso di sedimentazione eritrocitaria) è la velocità alla quale i globuli rossi e il plasma si separano.Per molte ragioni, questo indicatore può fluttuare e il valore di ESR di 12 mm / ora nelle donne non è sempre la norma.

Bassa pressione sanguigna

La bassa pressione sanguigna in medicina è chiamata ipotensione o ipotensione. Non esistono indicatori precisi di bassa pressione sanguigna, e tale diagnosi viene fatta non sulla base di numeri, ma in presenza di un determinato quadro clinico.

Pressione umana: la norma per età

La pressione sanguigna arteriosa è un indicatore di un individuo puramente individuale e dipende da molti fattori. E, tuttavia, c'è una certa tariffa medica media. Ecco perché le deviazioni dagli indicatori accettati consentono al medico di sospettare fallimenti nel lavoro dei sistemi corporei.

Fragilità vascolare: cause, sintomi, metodi di trattamento

Le navi fragili soffrono il più delle volte pazienti anziani, tuttavia, recentemente i giovani hanno iniziato a lamentarsi di questo disturbo. Fondamentalmente, la patologia si manifesta con capillari pronunciati sulle braccia e sulle gambe.